La Howard University, simbolo ateniese degli afroamericani, cancella gli studi classici – Corriere.it

La lunga marcia verso la cancellazione dei classici greci e latini delle grandi università americane iniziò negli anni ’80 ad opera dei reaganiani: la battezzò il filosofo conservatore Allan Bloom “La chiusura della mente americana” e Saul Bellow si è ispirato al protagonista del suo ultimo capolavoro, Ravelstein. Nei giorni scorsi questa lunga marcia verso un futuro liberato dalle opere di Omero e Cicerone, classificati come pericolosi “maschi bianchi morti” (“Dead white men”) teorici della “supremazia bianca” sulle altre razze, ha subito un’improvvisa accelerazione: Howard University, storico college a maggioranza afroamericana (c’è, tra gli altri, il vicepresidente Kamala Harris, Premio Nobel Toni Morrison si è laureato, presidente della giustizia Thurgood Marshall) ha deciso di farlo chiudere il reparto dedicato ai classici.

La dichiarazione vagamente burocratica non lascia dubbi: “La Howard University ha deciso di chiudere il Dipartimento di Classics come parte del suo sforzi di prioritizzazione ed è attualmente in trattativa con la facoltà e con altre unità universitarie sul modo migliore per riposizionare e riutilizzare i nostri programmi e il personale. Queste discussioni si sono svolte in un clima cordiale e la Facoltà ne è convinta il reparto può essere mantenuto intatto a un certo livello, con la sua facoltà e i suoi programmi ”.

Decisioni come quella di Howard hanno attirato battute sarcastiche da pensatori di destra come l’Inghilterra Roger Scruton, che le università ora mirano a formare. “Ignoranti consapevoli”. Ma Scruton è morto l’anno scorso; al suo posto, lo impressiona un pensatore agli antipodi si è espresso contro la cancellazione dei classici – culturale, filosofico, politico – di Scruton: Cornel West, “socialista non marxista” sandersiano e attentatore suicida dell’antirazzismo che, nelle sue frecce, coinvolge praticamente tutti, compreso Obama da lui definito “contraffattore” e “guerrafondaio” “.

il Washington Post ha ospitato un discorso di West e Jeremy Tate che ci ha ricordato come i classici sono all’origine della formazione degli eroi della lotta per i diritti civili dei neri, da Frederick Douglass che leggeva segretamente Cicero e Omero a Martin Luther King che, da bambino al seminario, si innamorò dei greci e nella sua Lettera dalla prigione di Birmingham, il testo sacro dell’antirazzismo, cita Socrate tre volte.

Quello dei classici, spiegano West e Tate, non è un’infrastruttura intellettuale di odio, ma di analisi: “La campagna accademica per ignorare o trascurare i classici è un segno di declino spirituale, declino morale e chiusura intellettuale profonda che è endemico nella cultura americana oggi. Coloro che commettono questo terribile atto considerano la civiltà occidentale poco importante … il canone occidentale è un dialogo tra i più grandi pensatori espresso dalla nostra civiltà, su questioni fondamentali. Ci insegnano a vivere in un modo più intenso, più critico e più compassionevole. Ci insegnano a prestare attenzione alle cose che contano ea distogliere la nostra attenzione da ciò che è superficiale ”.

20 aprile 2021 (modificato il 20 aprile 2021 | 20:51)

READ  Covid: Primo ministro svedese, la nostra strategia non è cambiata - Ultima Ora

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *