“L’agente Chauvin è colpevole di omicidio” – Corriere.it

dal nostro corrispondente
WASHINGTON: Colpevole. Tre volte colpevole. Il poliziotto Derek Chauvin ha ucciso George Floyd. La giuria si è pronunciata rapidamente, dopo solo dieci ore di discussione e senza chiedere chiarimenti al tribunale di Minneapolis. Spetta ora al giudice Peter Cahill stabilire l’entità delle sentenze entro sei-otto settimane.

Tre accuse erano state mosse contro Chauvin. Colpevole in tutti e tre i casi: omicidio colposo, ma con presunzione di aggressione o aggressione alla persona, senza tener conto delle possibili conseguenze; omicidio dovuto a guida pericolosa e negligente; omicidio colposo causato da comportamento a rischio irragionevole. Le pene di base vanno da 10 a 15 anni di reclusione per i primi due conteggi; cinque anni per il terzo. Solo in circostanze aggravanti, ad esempio un omicidio commesso davanti a testimoni minori, sarà possibile arrivare fino a 40 anni di reclusione. È una frase storica per l’America. Questa è la pena attesa da gran parte del Paese. Iniziare con Joe Biden, che ieri ha rotto il silenzio prima che si diffondesse la notizia: Prego che il verdetto sia corretto. Per me le prove sono schiaccianti. Lo dico solo ora perché la giuria è fuori. Il presidente ha poi ripreso a parlare in serata, con un discorso televisivo in cui ha invitato il Paese a restare unito. Siamo sollevati, ha detto Biden, che ha anche parlato al telefono con la famiglia di George Floyd. Ben Crump, l’avvocato della famiglia della vittima, ha pubblicato un video della chiamata su Twitter. Non c’è niente che possa migliorare le cose, ha detto il presidente commentando la morte del loro parente, ma almeno c’è giustizia. La frase è un passo da gigante nella lotta al razzismo, ha aggiunto Biden.

I dodici giurati, sei bianchi, quattro afroamericani, due di un’altra etnia, cinque uomini e sette donne, erano rinchiusi nella sala del consiglio da lunedì sera. Hanno ripercorso le prove e soprattutto i video di un processo senza precedenti, costruito sulle immagini riprese dalle telecamere del corpo degli agenti, dalle telecamere di sicurezza e dai cellulari dei testimoni. Il pubblico ministero ha mostrato ancora una volta il filmato che ha scandalizzato il mondo: Chauvin premette il ginocchio contro il collo di George, ammanettato e immobilizzato, lo stomaco a terra.Nove minuti e 29 secondi, questa sera del 25 maggio 2020. Sono questi dirigenti che lo scorso anno hanno sollevato un’ondata di proteste in molte città degli Stati Uniti, sotto l’impulso del movimento Black Lives Matter. Testimoni chiamati in tribunale hanno commentato con angoscia, spesso in lacrime, su questa scena. Tra loro, una bambina di nove anni: molto triste.

READ  Effetto Michelle Obama sulle elezioni americane?

Davanti al tribunale, una folla di persone ha salutato la sentenza con sollievo, con canti di gioia. All’interno, sul molo, Derek Chauvin ha sentito il verdetto di condanna ed è stato immediatamente portato in prigione. Un uomo isolato: nessuno dei suoi ex colleghi lo ha difeso. Tra le dichiarazioni decisive, infatti, c’è sicuramente quella del capo della polizia di Medaria Arradondo, anche lui afroamericano. Era quello che ha detto che questa pratica, quel ginocchio, quel sorriso, quella mano in tasca, non fa parte delle regole della polizia di Minneapolis; era un’iniziativa, un’improvvisazione di Chauvin. L’avvocato Eric Nelson, l’avvocato di Chauvin, non ha mai avuto ampi margini. Ha cercato di seminare il dubbio, di smantellare la ricostruzione dei fatti. Ma si è schiantato contro la forza immagini insormontabili. Contro l’evidenza del referto medico: George è morto per asfissia, non per overdose da oppioidi. Ora la tensione si dissolverà a Minneapolis, la città del Minnesota in bilico da giorni, con la Guardia Nazionale in forze, con i distretti di polizia protetti da alte recinzioni. L’allarme dovrebbe salire anche in altre città, tra cui Chicago e Washington DC. E la parola ora entrerà in politica, al Congresso degli Stati Uniti, dove la Camera ha già approvato una legge per riformare la polizia, con standard nazionali per l’addestramento e l’uso della forza.

Lo accusa

Pagato da Chauvin sono state presentate tre accuse. Cerchiamo di trasporli nei nostri casi penali con un inevitabile margine di approssimazione:

• omicidio colposo, ma con presunzione di aggressione o aggressione alla persona, indipendentemente dalle possibili conseguenze;

• omicidio per guida pericolosa e negligente;

Omicidio pre-intenzionale, causato da un comportamento rischioso irragionevole.

Spetta al giudice Peter Cahill stabilire la dimensione della sentenza, che non è cumulabile in caso di contestuale condanna per i tre reati. In questo caso arriva viene inflitta la pena più alta. Le pene di base vanno da 10 a 15 anni di reclusione per i primi due conteggi; e cinque anni per il terzo. Solo con circostanze aggravanti, ad esempio un omicidio commesso di fronte a testimoni minori, puoi andare fino a 40 anni di prigione.

READ  Coronavirus, Francia: oltre 3mila positivi in ​​24 ore. In Spagna più di 2400 nuovi contagi, 1600 in Germania: "Test per chi arriva da Parigi e dalla Provenza"
Il processo 2.0

era un processo senza precedenti, 2.0, costruito sulle immagini scattate dalle telecamere del corpo fornito agli agenti, andiamo testimone dei telefoni cellulari, telecamere di sicurezza. Una storia viva, cruda e drammatica della periferia di Minneapolis, nel Minnesota. Un luogo familiare, perché vicino ai quartieri marginali di molte metropoli americane. Le prime sequenze ci mostrano uno sguardo alla vita quotidiana di Floyd. Lo vediamo entrare nell’impero di Cup Food, ora trasformato in un memoriale e punto d’incontro per attivisti. Alto, massiccio, con una canotta nera. Borbotta qualcosa, scherza con i clienti. Alla fine, compra le sigarette con $ 20 falsi. Il rapporto dell’autopsia rivelerà che era sotto l’influenza di oppioidi. Un uomo alle prese con una dipendenza da molto tempo, tipo ha detto courtney ross, la donna che lo ha frequentato nel 2017.

Tutto sembra calmo questa sera di primavera. George torna alla sua macchina, dove lo attende un conoscente che verrà rapidamente controllato e poi rilasciato dalla pattuglia di agenti. Ecco la clip registrata dalla telecamera del corpo di Thomas Lane, uno dei primi agenti a entrare in contatto con Floyd. Il poliziotto si avvicina. Punta sul vetro, chiedi subito a George di uscire. Poi tira fuori la pistola e la punta contro l’uomo ancora in piedi in macchina: Non spararmi, sono una brava persona, dì ai miei figli che li amo, grida George, spaventato e visibilmente confuso. un esempio concreto di il cosiddetto razzismo strutturale: la polizia diffida a priori degli uomini afroamericani. Hanno paura di essere armati, di far parte di una banda di trafficanti, ecc. Gli standard e la formazione dovrebbero essere utilizzati per distinguere. In un altro video, lo stesso agente rimette la pistola nella fondina e urla a Floyd: metti le tue fottute mani sul volante. No: per favore signore, metta le mani sul volante, secondo le regole di ingaggio.

Il ginocchio di Chauvin

Entra in scena Derek Chauvin, 46 anni, 19 in servizio nel dipartimento di polizia di Minneapolis. Al suo arrivo, altri tre colleghi stavano già cercando di caricare l’uomo arrestato nell’auto della polizia. George in manette, protesta, non voglio salire sul sedile posteriore. La scena si sta preparando che il mondo intero ha visto decine e decine di volte. Sono i dirigenti che l’anno scorso hanno scandalizzato l’America, hanno sollevato un’ondata di proteste negli Stati Uniti, guidato dal movimento Black Lives Matter. Testimoni hanno commentato con angoscia, spesso in lacrime, la scena che abbiamo visto centinaia di volte. Quella sera, su questo marciapiede, c’è anche una ragazza di 17 anni che registra tutto con il suo cellulare. Accanto a lei, la cugina, una bambina di 9 anni: triste, racconta ai giurati.

READ  erano scesi per una pausa
Una parola dal capo

Tra le deposizioni decisive c’è quella di Medaria Arradondo, Capo della polizia di Minneapolis, anche lui afroamericano. Dichiara che questa pratica, vale a dire quel ginocchio, quel sorriso, quella mano in tasca, non sono le regole della polizia di Minneapolis; era un’iniziativa, un’improvvisazione di Chauvin. Altri funzionari del dipartimento di Minneapolis, convinti o meno, confermano la linea di Arradondo. L’avvocato Eric Nelson, l’avvocato di Chauvin, non sembra avere molti vantaggi. Prova a gettare i semi del dubbio, a smantellare la ricostruzione dei fatti. Afferma che l’ufficiale ha agito in modo ragionevole e ha seguito le procedure. provare dimostrare che Floyd non è morto come risultato diretto di questa pressione, di questo ginocchio. La versione dei medici, tuttavia, è diversa: George è morto per asfissia, non per overdose da oppioidi.

Aspettativa e politica

I dodici giurati erano si sono riuniti lunedì 19 aprile in un hotel a Minneapolis. L’ultimo giorno si sono riempiti di raccomandazioni. Giudica ciò che hai visto con i tuoi occhi, ha detto il procuratore distrettuale Steve Schleider, chiudendo l’accusa. Guarda tutti i fatti, non solo una prospettiva, ha risposto l’avvocato Nelson, Attivisti dall’Africa e altrove si stanno mobilitando da giorni. A Minneapolis schierato la guardia nazionale. Stato di allerta anche in alcuni paesi già segnati da manifestazioni e alcuni scontri con le forze dell’ordine. In particolare Chicago, Portland e Washington. La tensione aveva già raggiunto il picco con l’omicidio di un altro afroamericano, Duante Wright, in un sobborgo di Minneapolis, e con il caso di Adam Toledo, 13 anni, ucciso a colpi di arma da fuoco da un poliziotto a Chicago.

I leader di Le vite nere contano fecero un patto con lo stesso Arradondo. Da un lato, c’è l’impegno a isolare vandali e saccheggiatori. Dall’altro supervisionare le manifestazioni senza abusare della forza pubblica. I funzionari di Facebook hanno affermato che rimuoveranno i post che incitano alla violenza. Anche la politica è in movimento. Il Fronte conservatore ha preso un forte attacco contro il deputato democratico afroamericano Marine Waters che durante il fine settimana lo aveva fatto ha invitato gli attivisti a non lasciare la piazza, a essere più conflittuali in caso di condanna ingiusta. La Casa Bianca sta guardando, per ora in silenzio. Ma Joe Biden riflette sull’opportunità di tenere un discorso alla nazione.

20 aprile 2021 (modifica il 21 aprile 2021 | 1:30)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *