La Juve aspetta Suarez, ma a Barcellona è la resa dei conti. E Milik può sbloccare Dzeko

Il tempo passa, Andrea Pirlo aspetta un centravanti. Alla Juventus la telenovela legata a Luis Suarez. Gran gol dei bianconeri, fulcro della rivoluzione in casa a Barcellona. Gli ostacoli rimangono due: il passaporto e il TFR. Sul primo fronte è previsto l’esame di italiano a metà settimana, punto cruciale per capire se il Sparatutto sarà in grado di evitare la burocrazia in tempo per questo mercato autunnale. Sul secondo, in questo momento è guerra aperta al Camp Nou: gli avvocati scenderanno presto in campo, ma la tensione è palpabile e il punto d’incontro non sembra più vicino.

Appartiene allo sblocca Dzeko? Nel frattempo, un po ‘più a sud di Torino, Roma e Napoli si stanno avvicinando nelle rispettive valutazioni di Arek Milik. In serata si è avvicinato l’affare per vestire l’attaccante polacco in giallorosso: un accordo che sbloccherebbe il turno dell’attaccante. Perché la Juve ha in vista Suarez, ma Dzeko lo ama davvero. Soprattutto allo stesso Pirlo, che non si è nascosto dal numero 9: ne ha bisogno. E, ma ovviamente queste non sono le sue parole qui, il bosniaco potrebbe essere ancora più immediato per adattarsi alla Juve che si sta costruendo. Se diventasse più facile chiudere a livello di calciomercato, potrebbe sparare e sorpassare. A meno che non ci sia un possibile flashback per Milik, che sta ancora pensando alla Juve. La poltrona post Higuain (in attesa dell’addio ufficiale) è davvero per due, al massimo tre. Chi lo occuperà?

/* Settaggio delle variabili */ var menunav = 'i-fatti-del-giorno'; var indirizzo = window.location.pathname.split("https://news.google.com/"); var word = ''; if (word=='') word = getQueryParam('word'); var zona="default"; var azione="read"; var idsezione="72"; var titolo_art="La Juve aspetta Suarez, ma a Barcellona è braccio di ferro. E Milik può sbloccare Dzeko"; var sezione_art="I fatti del giorno"; var now = '15 settembre ore 06:57'; var squadra="";

/* Settaggio della searchbar (con titoletto) */ var searchbar = false; if (indirizzo[1]!='' && word=='') searchbar = indirizzo[1].replace(/-/gi, " ").replace(/_/gi, " ").toUpperCase(); else if (azione=='search') { searchbar="Ricerca"; if (word!=false && word!='') searchbar = searchbar + ' per ' + word.toUpperCase() } else if (azione=='contatti') searchbar = azione.toUpperCase(); indirizzo = indirizzo[1].replace('-', ''); if (word==false) word = '';

/* Caricamento asincrono degli script social (versione estesa commentata su main_all.js) */ if(("read"==azione||"media"==azione) && euPubConsentExists){var scripts=["//connect.facebook.net/it_IT/all.js#xfbml=1"];!function(e){for(var t=0,a=e.length;a>t;t++){var o=document.createElement("script");o.type="text/javascript",o.async=!0,o.src=e[t];var r=document.getElementsByTagName("script")[0];r.parentNode.insertBefore(o,r)}}(scripts)}

function lazyImage(id) { var imgs = document.getElementById(id); if (imgs!==undefined && imgs!==null) { var img = imgs.getElementsByTagName('IMG'); if (img!==undefined && img!==null && img.length>0) { for (var i=0; i

READ  F1, Gp Imola: Bottas in pole. Leclerc cattivo, Vettel anche peggio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *