“La prossima settimana di riposo per incontri individuali. I bonus saranno onorati”.

Intervistato da Sky Sport, Amministratore delegato dell’Inter Giuseppe Marotta analizza gli ultimi temi caldi in casa nerazzurra alla luce dello scudetto vinto la scorsa settimana: “Il mio sentimento personale è quello di tutti i tifosi, dirigenti e tifosi dell’Inter. È un sentimento che ci premia per le fatiche e il lavoro svolto, uno straordinario momento “.

Possiamo chiarire il futuro dell’azienda?
“Oggi è una grande festa per tutti, è giusto godersela ed è giusto che Conte e la squadra la apprezzino particolarmente. Posso dire chiaramente che non ci sono tensioni. Ma posso dire che le discussioni con i singoli giocatori inizieranno dopo. Settimana. Sensibilizzare i giocatori sui tempi del calcio in generale e dell’Inter alla luce della pandemia che ha creato tanti problemi. Nel frattempo confermo che i bonus verranno rispettati e pagati perché frutto di un gol ben Meritato da tutta la superficie tecnica ed è giusto che la società lo riconosca. Per il resto bisognerà discutere della fotografia calcistica del momento. È un confronto tra responsabili in un momento difficile che non è solo per l’Inter “.

Come è nato questo debito?
“Il modello di riferimento di oggi non è più sostenibile. Questo è un momento in cui è sempre probabile che i costi del lavoro aumentino, qualsiasi attività commerciale sarebbe sull’orlo del fallimento. Dobbiamo lavorare sul controllo dei costi e sullo sviluppo delle risorse e al momento non è facile. non ci sono responsabilità, si tratta di una situazione che si è verificata quando gli impegni contrattuali erano già stati presi e non si poteva fare altrimenti. La proprietà ha speso milioni di euro per guadagnare, ora dovremo sicuramente lavorare per fare le correzioni “.

READ  Antonio Conte sul futuro vago, Marotta molto chiaro

Può arrivare un successo da 40 milioni come De Paul?
“Sono un gruppo prezioso e noi li rispettiamo. L’obiettivo dei grandi club è sempre quello di rafforzarsi, ma ora vogliamo sfruttare lo scudetto che è un fatto straordinario. È stato un lavoro difficile e straordinario, oggi lo siamo. lì. pensa. e poi con calma valuteremo “.

A proposito di fondi, perché l’Inter a un certo punto si è ritirata?
“Credo che questo concetto sia stato sfruttato, l’Inter ha dato la volontà di negoziare, non ci sono stati ribaltamenti. Poi, quando si parla di disponibilità, bisogna negoziare e arrivare a condizioni che non” non esistevano, ecco perché è successo “. È chiaro che in un momento di difficoltà i fondi sono un ottimo strumento, se si ripresenta l’occasione torneremo a negoziare, ovviamente sempre nell’interesse della società ”.

VIDEO – FESTA SCUDETTO FUORI LA MEAZZA, DELIRIO AL PASSAGGIO DEL BUS

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *