La Russia ha esortato la Slovacchia a restituire le dosi di vaccino Sputnik V che ha ricevuto

Giovedì Russia Chiese La Slovacchia ha rinunciato alle sue dosi del vaccino Sputnik V, dopo che il regolatore dei farmaci in Slovacchia ha dichiarato di aver ricevuto dosi diverse da quelle testate a livello internazionale e di non disporre di dati sufficienti per stabilire i rischi ei benefici del vaccino. La Slovacchia ha ricevuto 200.000 dosi di Sputnik V a marzo, sebbene non sia ancora stata approvata dall’EMA, l’agenzia europea per i medicinali. Tuttavia, non aveva iniziato a somministrare il vaccino e l’agenzia farmaceutica del paese aveva iniziato a esaminare la questione.

Sempre giovedì, l’Agenzia slovacca per i medicinali Egli ha detto che le dosi arrivate nel Paese avevano caratteristiche diverse da quelle pubblicate nello studio della rivista scientifica Lancetta, e quindi anche il vaccino esaminato dall’EMA. Ha aggiunto che circa l’80% dei dati non è stato fornito, nonostante le numerose richieste.

La Russia ha negato le accuse, sostenendo che la Slovacchia non è riuscita a eseguire test adeguati in laboratori certificati e ha affermato che la Slovacchia ha violato i termini del contratto con le accuse. La Russia ha quindi inviato una lettera al governo slovacco chiedendo che alcune dosi fossero inviate a un laboratorio UE certificato per ulteriori test e il resto restituito.

– Leggi anche: Il primo ministro slovacco si dimette a causa del vaccino Sputnik V.

READ  Covid: famiglia reale danese in quarantena, primogenito positivo - Ultima Ora

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *