La Russia rivendica la chiusura del sistema missilistico, ponte strategico Ucraina | ADESSO

NU.nl fornisce regolarmente una panoramica della situazione in Ucraina. Questa volta: il ministero della Difesa russo afferma sabato di aver distrutto un sistema missilistico HIMARS e un deposito di munizioni fornito dall’Occidente. L’Ucraina, da parte sua, afferma che nella regione della città meridionale di Kherson, un altro importante ponte è stato distrutto, rendendo difficile il rifornimento delle truppe russe.

Sarebbe un ponte della diga di Nova Kakhovka. Ciò lo avrebbe reso impraticabile per i veicoli militari pesanti, scrivere Ministero della Difesa del Regno Unito. Si dice che l’attacco di precisione abbia avuto luogo il 10 agosto, ma è stato annunciato solo ora.

Alla fine del mese scorso, l’esercito ucraino ha anche bombardato con successo un ponte strategico sul fiume Dnipro. L’importante ponte Antonivskiy è stato così danneggiato da non poter più essere attraversato. Secondo gli inglesi, i russi dipendono quindi sempre più da due traghetti fluviali per rifornire le loro truppe nella regione.

La Russia chiede la chiusura del sistema missilistico HIMARS

Non è da escludere che i ponti siano stati presi di mira dal sistema missilistico HIMARS fornito dall’Occidente. Questi missili utilizzano munizioni di precisione e hanno una portata di circa 80 chilometri. La Russia afferma di aver distrutto un tale sistema missilistico sabato. Ciò sarebbe avvenuto nelle vicinanze della città di Kramatorsk nella regione di Donetsk. Secondo quanto riferito dall’agenzia di stampa russa Interfax, è stato colpito anche un deposito di munizioni.

Nella stessa regione, secondo le agenzie di stampa Tass e RIA Novosti, almeno 170 soldati ucraini sarebbero stati uccisi in un attacco aereo russo. deceduto. Si ritiene che altri 70 soldati si trovino a Kharkiv, nel nord dell’Ucraina uccisione. Ci sarebbero circa 300 feriti tra le truppe ucraine.

READ  Greenpeace contro Volkswagen, centinaia di chiavi della macchina "rubate" - Last Hour

Sono rimasti altri due mercantili

Nel frattempo, le spedizioni di grano dall’Ucraina continuano senza sosta. Altre due navi mercantili sono partite sabato mattina, ha affermato il ministero della Difesa turco. Ciò porta il numero totale di navi a sedici. Grazie all’accordo sul grano del mese scorso, secondo gli ucraini, sono già state esportate 450.000 tonnellate di prodotti agricoli.

Le due navi stamattina trasportano rispettivamente 12.000 tonnellate di mais e 3.000 tonnellate di semi di girasole e sono in rotta verso i porti turchi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.