La satira di Erdogan mostra la lotta svedese con la Turchia

La satira di Erdogan mostra la lotta svedese con la Turchia

La satira di Erdogan mostra la lotta svedese con la Turchia

fiammingo

Notizie ONS

  • Tommaso Edinger

    Editore straniero

  • Tommaso Edinger

    Editore straniero

Per quanto tempo la Svezia continuerà a ballare sulle note del presidente turco Erdogan? Questo il messaggio con cui la rivista svedese Flamman ha annunciato un concorso di disegno. Con un disegno satirico del presidente turco, i fumettisti possono guadagnare 10.000 corone svedesi, ovvero circa 9.000 euro.

“Ho appena ricevuto la mia prima foto di un cazzo. Con la testa di Erdogan come uno stronzo”, ride Leonidas Aretakis. Da lunedì la cassetta della posta della sua rivista Flamman si sta riempiendo, non conta più. Erdogan come un maschio eccitato, ma anche più raffinato, come la testa del presidente turco come una fortezza in cui entra il governo svedese, ignaro di tutti i pericoli che vi si nascondono.

Uno attaccato a un fazzoletto al pub, l’altro non sfigurerebbe in una galleria. Improvvisamente Aretakis, caporedattore di Flamman da un anno e mezzo, è ospite di tutte le radio e televisioni.

L’attenzione la dice lunga sul difficile rapporto con la Turchia. Da quando la Svezia ha presentato domanda di adesione alla NATO con la Finlandia, Ankara è stata instabile. Risarcimenti come la revoca di un embargo sulle armi sono insufficienti. Occorre accelerare l’estradizione delle persone accusate di terrorismo da Ankara, cosa che lo stato di diritto svedese impedisce.

Un incidente lo scorso fine settimana è stato l’ultima goccia per i redattori di Flamman. Quando i manifestanti curdi hanno appeso una bambola simile a Erdogan davanti al municipio di Stoccolma, la visita del presidente del parlamento svedese ad Ankara è stata annullata.

PAPÀ

La bambola di Erdogan è appesa davanti al municipio di Stoccolma.

Il governo svedese ha condannato l’azione pop, definendola un tentativo di “sabotare” l’adesione alla NATO. Aretakis cita le prove che la questione della NATO influisce sulla libertà di protesta e di parola dei curdi svedesi. Capisce che l’azione può essere percepita come di cattivo gusto, ma denuncia la mancanza di un atteggiamento critico nei confronti di Erdogan. “Non dovrebbe interferire negli affari svedesi, il nostro governo è tenuto in ostaggio da un autocrate”.

E così Flamman opta per la satira, arma che colpisce Erdogan. Ciò è diventato chiaro nel 2016, quando il comico tedesco Jan Böhmermann ha preso in giro il presidente turco e lo è stato per seguire. Quattro anni dopo, scoppiò una lite diplomatica quando la rivista satirica francese Charlie Hebdo pubblicò vignette su Erdogan pubblicato.

  • PAPÀ

    Una caricatura del presidente turco Erdogan sulla copertina di Charlie Hebdo, nell’ottobre 2020

Eppure, una vittoria di Pirro è in agguato. In precedenza, Erdogan aveva definito la satira su di lui una forma di islamofobia. Aretakis non teme che Erdogan approfitti del concorso di disegno per presentarsi come un martire davanti al proprio pubblico? “Dobbiamo solo correre questo rischio, lo vedete anche con altri autocrati: Putin parla di russofobia e Orbàn ha recentemente coniato il termine ‘ungarofobia'”.

fiammingo

Leonidas Aretakis, redattore di Flamman: Dovremmo smetterla di criticare qualcuno che viola i diritti umani perché vogliamo entrare a far parte della NATO?

Non è solo la Svezia ad essere colpita. Anche la Finlandia fa fatica a paragonare il suo vicino alla Turchia. I politici finlandesi avvertono che Ankara non dovrebbe sentire che i valori dei due paesi del nord si stanno liquefacendo sotto pressione.

Anche il primo ministro svedese Kristersson sembra consapevole che il tratto è finito. All’inizio di questo mese, ha detto che non sarebbero state fatte ulteriori concessioni. Nel frattempo, Erdogan sta usando tutto per rimproverare aspiranti membri e ottenere visibilità nel suo stesso paese. Questa settimana ha alzato la posta chiedendo l’estradizione di 130 “terroristi”. Con le elezioni turche all’orizzonte, un atteggiamento più flessibile sembra molto lontano.

Mentre una decisione turca deve ancora essere presa, Aretakis dovrebbe prenderne una lunedì quando annuncerà i progetti vincenti. L’idea che alcuni appartengano a una galleria potrebbe benissimo diventare realtà. Flamman è in trattative con i musei di Stoccolma per mostrare le voci in una mostra speciale.

Nonostante tutta l’attenzione, il governo deve ancora rispondere al concorso di disegno. “Forse dopo tutto questo trambusto, finalmente si renderanno conto che affrettarsi a rispondere alle critiche non è la migliore strategia”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *