La sconfitta in Georgia è una lezione per i repubblicani: scarica Trump

Martedì si è decisa un’improbabile corsa al collo nello stato americano della Georgia: Raphaël Warnock ha difeso con successo il suo seggio al Senato. Con ciò, il Partito Democratico ha esteso il suo vantaggio minimo al Senato a una maggioranza leggermente più ampia: 51-49. Può sembrare una cosa da poco, ma significa che il presidente Joe Biden può guidare più facilmente la nomina di giudici federali, ministri o ambasciatori attraverso il Senato nei prossimi due anni.

Il fatto che un duello tra Warnock e il suo rivale repubblicano Herschel Walker fosse improbabile era dovuto principalmente a Walker. la vecchia ritorno del football americano non aveva alcuna esperienza politica se non una presidenza condivisa del Consiglio consultivo per lo sport, il fitness e la nutrizione sotto il presidente Donald Trump.

Si è scoperto che aveva detto molte bugie su quasi ogni aspetto della sua altra esperienza lavorativa. Ha affermato di avere una catena di impianti di lavorazione del pollame che impiega “oltre 600 persone”. In realtà era una casa commerciale dove lavoravano otto persone. Walker ha anche mentito dicendo che lavorava per la polizia e l’FBI e sovrintendeva a sei ospedali.

Una delle più grandi rivelazioni della campagna è stata che Walker, che sosteneva una forte politica anti-aborto come candidato, aveva pagato una ragazza per abortire. Walker ha negato categoricamente, dicendo che non conosceva la donna in questione. La ragazza si è rivelata essere la madre di uno dei figli di Walker e aveva anche il conto per il trattamento, un assegno con la firma di Walker e una sua carta di guarigione.

Nelle migliori circostanze immaginabili – inflazione elevata e un presidente democratico impopolare – quest’anno i repubblicani hanno guadagnato terreno a malapena.

Nonostante tutto ciò, il Partito Repubblicano ha continuato a sostenere con forza Walker. E nonostante tutto ciò, Walker è riuscito a ottenere oltre 1,7 milioni di voti. Warnock ha vinto 1,8 milioni di elettori e Walker ha riconosciuto la sua perdita in un discorso ai suoi sostenitori.

READ  Il G7, Johnson e Biden firmano una nuova Carta atlantica. Presidente Usa: "Saremo l'arsenale mondiale dei vaccini"

candidati radicali

Ciò rende Walker un fulgido esempio della campagna repubblicana di quest’anno nella sua brevissima carriera politica. Ha ricevuto la calda raccomandazione di Donald Trump e ha vinto facilmente le primarie repubblicane a maggio, con oltre il 68% dei voti contro 13 per il numero due.

È così che è successo in tutto il paese. Ovunque Trump abbia appoggiato un candidato, ha vinto le primarie quasi ovunque. Ma i più radicali di questi candidati, i politici che, come Trump, si sono rifiutati di accettare la vittoria elettorale di Joe Biden (nel 2020), hanno perso quasi tutti. Walker era uno di questi candidati radicali.

La perdita di Walker in Georgia potrebbe essere il segno distintivo del destino di Trump e dei suoi sostenitori all’interno del Partito Repubblicano, anche se questa conclusione non può essere tratta con certezza: Trump è e rimane il fattore più imprevedibile nella politica americana. Quello che è certo è che Trump è così controverso all’interno dell’elettorato americano che la sua notorietà ha un’influenza negativa sui risultati repubblicani. C’è una ragione per cui la leadership del Partito Repubblicano ha chiesto a Trump di stare lontano dalla Georgia negli ultimi mesi, per aumentare le possibilità di Walker.

Non ha aiutato. La sconfitta di Walker pone fine a un anno disastroso per i repubblicani. Nelle migliori circostanze immaginabili – inflazione storicamente alta e un presidente democratico impopolare alla Casa Bianca – hanno guadagnato a malapena terreno alla Camera dei Rappresentanti, dove hanno conquistato una maggioranza ristretta. Inoltre, hanno perso terreno rispetto ai Democratici non solo al Senato (meno uno), ma anche nel numero di governatori (meno due) e nelle legislature locali (hanno perso la maggioranza alla Camera o al Senato in quattro stati).

READ  Covid, su DiMartedì Pierpaolo Sileri furioso con No-vax: "Non disturbate chi lavora, uccidete gente. Fate solo danni!"

Potrebbe essere che i repubblicani si siano svegliati in tempo per cambiare la loro strategia per il 2024. Che le loro perdite di quest’anno li abbiano messi sull’impasse del percorso radicale (Joe Biden è il Satana, i democratici vogliono distruggere l’America – slogan del genere) . Ma anche se il partito stesso vorrebbe tornare al centro politico, sarà comunque difficile sfuggire all’attrazione del candidato presidenziale Trump.

Leggi anche questa analisi sul risultato al Congresso: L’elettore guarda già avanti, ora alla Camera

E chissà cosa accadrà alla Camera dei Rappresentanti nei prossimi due anni, dove una minoranza vocale della maggioranza repubblicana promette spettacolo: riflettori sui loschi affari di Hunter Biden, l’impeachment del procuratore generale Merrick Garland e un controllo politico durante la pandemia della corona, inclusa un’indagine speciale sul consigliere presidenziale, l’immunologo Anthony Fauci.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *