Navalny arrestato al suo arrivo a Mosca 5 mesi dopo l’avvelenamento: “È a casa, non ho paura”. Biden e i leader europei: “Deve essere rilasciato”

Il tempo necessario per completare il percorso dalla scala di volo al controllo passaporti e Alexey Navalny, appena tornato a casa dopo l’avvelenamento di agosto, è stato arrestato dalla polizia presso ilaeroporto di Sheremetyevo di Mosca. La donna lo ha appena baciato, allora il più famoso avversario Vladimir Poutine è stato arrestato da agenti del dipartimento operativo del Servizio penitenziario federale. Ufficialmente, come spiega l’amministrazione penitenziaria russa, Navalny è stata condannata con la sospensione della pena, ma è stata inserita – dal 29 dicembre – nella lista dei ricercati per molteplici violazioni del periodo di prova. “Io sono chi e ti posso assicurare che sono felice, è casa mia“Ha detto Navalny poco prima del suo arresto, parlando ai giornalisti all’interno del Terminal D delAeroporto di Mosca, dopo essere scesi dalla navetta. “Tutti mi chiedono: hai paura? No, non sono spaventato. Passo la dogana con animo tranquillo, poi torno a casa perché So di avere ragione e vi esorto anche a non aver paura ”. Navalny si è poi diretto verso il controllo passaporti, dove è stato arrestato dalla polizia.

“Ora sarà trattenuto fino alla sentenza del tribunale.” Il che potrebbe dargli più di tre anni di prigione. “Tutto è fatto in modo intelligente, la Corte di Strasburgo è già d’accordo con me”, Navalny ha messo le mani sul Terminal D. I suoi genitori, però, lamentano che il suo avvocato non ha potuto seguirlo dopo il suo arresto, e per il momento non sa dove sia. Certo, ora la partita, se possibile, diventa ancora più difficile, per lui ma anche per il Cremlino, che rischia di rafforzare i consensi per il crociato contro la corruzione. “Grazie a tutti per essere venuti. Sono così spaventati da Alexey che stasera hanno paralizzato quasi tutti i voli da Mosca, semplicemente a causa di un uomo che è tornato in patria “, ha detto Yulia dopo il controllo dei passaporti. “La cosa più importante oggi è quello che ha detto Alexey: non avere paura“.

READ  Assolto Donald Trump, l'impeachment non passa: senatori repubblicani compatti

La comunità internazionale ha chiesto il rilascio immediato poche ore dopo: la voce più autorevole è stata quella del presidente in pectore degli Stati Uniti d’America Joe Biden. “Navalny deve essere rilasciato immediatamente – ha detto il consigliere per la sicurezza Jake sullivan – e i responsabili del vergognoso attacco alla sua vita devono essere perseguiti ”. Sullivan aggiunge che “gli attacchi del Cremlino a Navalny non sono semplicemente una violazione di diritti umani ma anche un affronto al popolo russo che vuole far sentire la sua voce ”. Ha parlato anche il presidente del Consiglio Ue Charles Michel, secondo chi sarebbe stato l’arresto “inaccettabileLa richiesta di liberazione arriva anche dal presidente del Parlamento europeo David Sassoli: “L’arresto di Alexey #Navalny a Mosca è un’offesa per la comunità internazionale e per l’Europa che ha contribuito a salvargli la vita. Chiediamo alle autorità russe il suo rilascio immediato. Siamo pronti a invitarlo al più presto al Parlamento europeo ”.

La questione scalda (del resto, vale la pena dirlo) anche la politica italiana. Il ministro degli Esteri chiede il suo rilascio Luigi Di Maio: “L’arresto di Navalny al suo arrivo in Russia è un fatto molto grave che ci preoccupa. Chiediamo il suo rilascio immediato. E ci aspettiamo che i tuoi diritti siano rispettati ”. In precedenza è stato ministro degli Affari europei Enzo Amendola per citare lo storico ateniese del IV secolo a.C., Tucidide: “Sicuramente i più coraggiosi sono quelli che hanno la visione più chiara di ciò che li attende, della gloria e del pericolo, eppure lo affrontano”. Ministro della Difesa Lorenzo Guerini ha ritwittato una dichiarazione dell’Alto rappresentante dell’UE per la politica estera Josep borrell: “Le autorità russe devono rispettare i diritti di Alexei Navalny e rilasciarlo immediatamente. Il politicizzazione Dell ‘sistema giudiziario est inaccettabile“. il Pd ha parlato direttamente per bocca della segretaria Nicola Zingaretti: “Navalny è un uomo coraggioso. Il mondo libero e democratico deve essere al suo fianco. il governo e ilUnione europea prendere provvedimenti per il suo rilascio e garantire i suoi diritti “.

READ  Covid: in Gran Bretagna oltre 50.000 casi, questo è il quinto giorno consecutivo. Vaccino tardivo: polemiche in Francia

La giornata di Navalny, a cinque mesi dall’avvelenamento, si è conclusa in modo inquietante e familiare per il principe degli avversari russi, che ora entra ed esce con sicurezza dal suo Paese. Tuttavia, la giornata potrebbe rivelarsi un campo, a seconda di come si evolverà la situazione nei prossimi giorni. A bordo del volo Vittoria (vittoria, in russo) decollato da Berlino così come Alexey e sua moglie Yulia c’erano decine di giornalisti, che hanno trasmesso in diretta ogni passo della coppia più famosa del web russo. “Ragazzo, portaci la vodka: andiamo a casa”, ha esordito Yulia prima del decollo in un video postato sull’Instagram del marito (oltre 2 milioni di visualizzazioni in poche ore). In attesa di loro, a Vnukovo, c’era un folto gruppo di sostenitori – circa 300 persone – più un bel gruppo di colleghi e amici (compreso suo fratello Oleg).

Le autorità avevano avvertito che non avrebbero tollerato un “circo” al terminal degli arrivi e lo hanno fatto. La polizia, in tenuta da sommossa, iniziò cancellare sostenitori e media – “fascisti! ‘gridò la folla – poi lanciò i volti più famosi dell’entourage Navalni (compreso l’avvocato Lybov Sobol, così come lo stesso Oleg). In tutto, secondo l’ONG OVDinfo, almeno 60 persone è stato Stop dalla polizia. Ma come una bella manciata di irriducibili, in realtà è accampato fuori dal terminal (sfidando i -25 gradi di una serata polare), qualcuno ha ovviamente deciso di semplificarsi la vita. E ha ordinato al volo di Navalny di atterrare Sheremetyevo. Che qualcosa stesse bollendo nella pentola è stato capito dal strana traiettoria del getto descritto dal popolare sito di monitoraggio Flightradar24. La fase di atterraggio è stata monitorata da quasi 500.000 utenti, tanto che lo stesso Flightradar24 ne ha twittato uno immagine dello schermo per i miscredenti (questi sono numeri enormi).

In attesa dei passeggeri, non il dito ma la navetta. Alexey, Yulia e l’equipaggio dei giornalisti sono saliti per primi e si sono diretti al Terminal D, dove Navalny ha tenuto una sorta di conferenza stampa improvvisata, a pochi passi dal confine. La trama si è svolta come previsto pochi istanti dopo, quando la polizia l’ha avuto bloccato i controlli.

READ  "No alla paura di Covid"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *