La società di test di terze parti risponde alle critiche sui test incompleti di Cyberpunk 2077

Se puoi incolpare i tester dipende molto da come hanno riferito.

Assurdità assoluta. Come se l’utilizzo di un bug hunter ti sollevasse dalle tue responsabilità di editore. Non puoi rilasciare qualcosa a cui non hai effettivamente sparato internamente e su cui non hai giudicato. Potresti aver sentito che i giochi diventano oro. Questo è quando dici “Abbiamo visto questa versione del codice funzionare e siamo d’accordo a rilasciarla in questa forma”. Si procede quindi alla verifica finale per pubblicazione e l’editore approva la versione in esame in quel momento. Presentare tali messaggi un anno e mezzo dopo è la più grande sciocchezza possibile.
Anche se ci fossero stati problemi con Quantic Labs, CDPR avrebbe dovuto accorgersene presto e agire. Questo test viene eseguito in modo iterativo. Gli sviluppatori sono in un ciclo di feedback con i tester, quindi gli sviluppatori sanno molto bene qual è lo stato del software. Non puoi correggere alcuni bug e poi vedere come risulta il risultato. Questo non è il caso di tali progetti. E con la quantità di bug ancora presenti nella versione (inclusa la versione per ps4 che si è rivelata illeggibile), non poteva essere altrimenti che CDPR sapesse esattamente cosa avrebbero rilasciato. Non solo, avrebbero dovuto saperlo molto prima di pubblicare a meno che non si assumessero la responsabilità.

Quindi la colpa va al 100% a CDPR in quanto sono responsabili al 100% di ciò che spendono. Assumono i tester e specificano quali test si svolgono e come.
CDPR ha riprodotto la versione finale e ha deciso di rilasciarla. Hanno anche avuto tempo durante tutto il processo di rilascio per adattare i tester o persino cambiare le società di test. Ma niente di tutto ciò è successo.

READ  Bari-Viterbese 0-0, si infortuna anche Citro dentro Candellone

Se comunicano a CP PR che ci sono alcuni bug minori qua e là e lo hanno solo segnalato, ma risulta essere pieno di bug, puoi sicuramente farlo.

Assurdità. Non è così che funziona. In primo luogo, gli sviluppatori CDPR dovevano sapere quanto fosse buono il codice. Ancora più importante, nessuna azienda si affiderà ciecamente ai rapporti dei tester. In qualità di sviluppatore/editore, devi valutare tu stesso regolarmente lo stato del lavoro (questo è ciò che accade nella pratica). Come editore (e CDPR lo sa molto bene), hai la tua responsabilità per ciò che pubblichi. Quindi devi seguire tu stesso il percorso e testare se questo è ciò che vuoi offrire. Una società di test non cambia questo. Avrebbero potuto anche incolpare i loro tester interni ed era ancora una stronzata. Anche se i tester dicono che tutto è perfetto, devi farlo fin dall’inizio te stesso test in condizioni reali e durante tutto il progetto restare test. I tester sono solo uno strumento nello sviluppo generale di un gioco e tu, come utente di questo strumento, devi configurare questo strumento correttamente in modo che produca le informazioni di cui hai bisogno. I problemi che circondano cyberpunk 2077 sembrano essere tutti di natura organizzativa e non hanno nulla a che fare con i tester ma con il modo in cui CDPR ha gestito questo grande progetto a livello esecutivo.
Nel complesso, non puoi incolpare i tester. Questo era, è e rimane un problema di gestione in CDPR.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.