Negozi Albert Heijn nel nord-est particolarmente colpiti dagli scioperi |  Economia

Negozi Albert Heijn nel nord-est particolarmente colpiti dagli scioperi | Economia

Gli effetti delle azioni nei centri di distribuzione di Albert Heijn sono particolarmente visibili nel centinaio di supermercati nel nord-est del Paese. Un portavoce della catena di supermercati informa NU.nl.

Sono iniziate domenica sera le interruzioni lavorative del personale dei centri da cui vengono consegnate le corse ai negozi. I sindacati CNV Vakmensen e FNV Handel lo hanno chiesto dopo che la loro richiesta di un aumento salariale del 14,3% non è stata soddisfatta. AH offre il 6% il 1° maggio e il 2% il 1° gennaio 2024.

Secondo il sindacato, nei sei centri di distribuzione sono in corso proteste. Albert Heijn si attiene a “un numero”. “Soprattutto a Geldermalsen c’è azione”. I negozi vengono riforniti da lì con prodotti come prodotti per la pulizia, alimenti per animali e prodotti in scatola. “Corse non giornaliere”, precisa il portavoce dell’AH.

Secondo AH, pane, frutta fresca e verdura scarseggiano solo nei negozi nel nord-est del paese, che vengono riforniti da Zwolle. Lunedì c’è stato uno sciopero. “Sono ancora istantanee. Ora tutti i negozi sono comunque riforniti. Ma non tutti i negozi ricevono tutti i prodotti.”

I tompouces arancioni saranno esposti in tutti gli AH. “Non provengono da un centro di distribuzione.”

READ  Il lutto radical chic è trasmesso da Gruber. Anche la Murgia in lacrime ... - Tempo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *