La Svezia vuole l’adesione alla NATO, ma nessuna interferenza da parte di Erdogan

La Svezia vuole l’adesione alla NATO, ma nessuna interferenza da parte di Erdogan

La Svezia vuole l’adesione alla NATO, ma nessuna interferenza da parte di Erdogan

Reuters

Notizie ONS

  • Rolien Creton

    Corrispondente per la Scandinavia

  • Tommaso Edinger

    Editore straniero

  • Rolien Creton

    Corrispondente per la Scandinavia

  • Tommaso Edinger

    Editore straniero

Quello che avrebbe dovuto essere un rapido ingresso nella NATO per Finlandia e Svezia è andato completamente fuori dai binari in breve tempo. Mentre la Turchia continua ad arricchire la sua lista di richieste e chiede l’estradizione di coloro che accusa di terrorismo, cresce il disagio della Svezia. E questo porta a diverse proteste.

Dopo aver appeso un manichino di Erdogan e aver bruciato un Corano a Stoccolma, entrare nell’alleanza militare per la Svezia almeno fino alle elezioni turche di maggio sembra illusorio. Tutti gli Stati membri della NATO, inclusa la Turchia, devono essere d’accordo.

Il governo svedese ha condannato queste azioni, ma questo atteggiamento pragmatico nei confronti della Turchia irrita la popolazione svedese: “È impossibile per Erdogan imporre la sua visione della libertà di espressione agli svedesi”, ha dichiarato Helena Giertta, caporedattore della rivista Swedish Giornale commerciale. Il giornalista.

Cartone animato di Erdoğan

La rivista ha esperienza nella pubblicazione di cartoni animati critici, come i cartoni animati di Charlie Hebdo (2015) e “Mohammed cartoon” (2007) dell’artista svedese Lars Vilks, scampati a un attacco terroristico nel 2015.

pubblicato questa settimana Il giornalista anche la vignetta vincitrice del concorso che aveva in precedenza la rivista di sinistra Flamman Iscrizione annullata, per il miglior disegno satirico di Erdogan. La vignetta vincitrice è una parafrasi del famoso dipinto Saturno divora suo figlio, del pittore spagnolo Goya. Solo il dio greco è stato sostituito dal presidente turco che, al posto del figlio, divora un combattente curdo che cerca di aggrapparsi ai baffi di Erdogan.

READ  I messicani manifestano in massa contro il presidente che vuole ridurre il cane da guardia elettorale

I redattori di Il giornalista convenne subito che anche la vignetta vincitrice apparteneva alla rivista di settore. Le misure di sicurezza nell’edificio della rivista sono state rafforzate. Giertta è già stata minacciata e con l’attuale caricatura di Erdogan sono state aggiunte alcune precauzioni in più. Giertta: “L’avete già notato: è abbastanza difficile entrare”.

Arrabbiato

Il fatto che il governo svedese continui ad essere accomodante nei confronti di Erdogan porta anche alla frustrazione nelle strade. “Il governo svedese ha un atteggiamento codardo”, si lamenta Annika Forsmark, 59 anni. “Voglio che la Svezia aderisca alla NATO, ma questo è troppo. La Turchia ha già detto di sì alla Svezia e si opporrà in seguito”.

Forsmark trova aberrante il rogo di un Corano lo scorso fine settimana da parte dell’estremista di destra svedese-danese Rasmus Paludan, ma non crede che la Turchia possa imporre un divieto. “Erdogan è pedante con noi riguardo alla democrazia. Fa davvero arrabbiare le persone qui”.

Forsmark è fiducioso che l’adesione della Svezia alla NATO alla fine si materializzerà dopo le elezioni turche di maggio: “E se così non fosse, non c’è comunque niente che possiamo fare al riguardo in Svezia”.

Tempo d’oro per la satira

Per dare spazio al fastidio, il presidente turco viene regolarmente preso in giro in Svezia. Cosa delicata per Erdogan, che in precedenza aveva condotto un conflitto diplomatico sulla satira in Germania e Francia, di cui era il bersaglio.

I gasdotti Nordstream nel Mar Baltico erano appena esplosi e Svenska Nyheter ha mostrato una foto di Erdogan in costume da bagno rosso. Le bolle di gas della Nordstream sono state causate dal presidente turco che ha mangiato troppo kebab, ha spiegato il presentatore. Dopo di che è subentrato un comico curdo-svedese che ha mostrato una foto del presidente turco in mutande a quattro zampe, paragonandola a un letto Sultan di Ikea.

“Azioni spettacolari”

Anche il Comitato svedese del Rojava, una rete che fa campagne per i combattenti curdi in Siria e Turchia, sta pianificando ulteriori proteste. La rete ha inscenato la protesta con il modello Erdogan appeso a testa in giù su un lampione fuori dal municipio di Stoccolma.

“Un’azione di successo”, ha dichiarato Tomas Pettersson, uno storico e camionista di 43 anni che gestisce il negozio online del comitato del Rojava. “Stiamo pianificando alcune nuove azioni spettacolari”.

La nuova legge svedese sul terrorismo, che sarà presto approvata dopo anni di preparazione, vieterà il sostegno alle organizzazioni terroristiche sotto forma di raccolta fondi. Il PKK curdo è considerato un movimento terroristico in Svezia, come altrove.

Ciò ha implicazioni per la vendita di merce gestita da Tomas Pettersson, come bandiere e magliette del PKK. Il conto bancario del negozio online sarà chiuso dalle autorità la prossima settimana. Pettersson crede di essere ormai ben noto ai servizi di sicurezza svedesi: “Altrimenti non farebbero bene il loro lavoro”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *