La UEFA scende a compromessi con i club sul nuovo formato della Champions League |  Calcio

La UEFA scende a compromessi con i club sul nuovo formato della Champions League | Calcio

Il torneo si giocherà secondo un format competitivo, il cosiddetto sistema svizzero, e non più in gironi in cui tutte le squadre si incontrano due volte. Nella nuova configurazione c’è una classifica e i club giocano otto partite contro avversari diversi.

Il numero di squadre nella fase a gironi aumenterà da 32 a 36. Due dei quattro posti da titolare aggiuntivi andranno alle prime classificate nella classifica UEFA della stagione precedente. Secondo il piano originale, la UEFA voleva assegnare due dei quattro seggi aggiuntivi in ​​Champions League ai club in base alle prestazioni precedenti nelle precedenti cinque stagioni in Europa, non in base alle prestazioni del campionato nazionale. Ai grandi club europei sarebbe così assicurata una partecipazione più rapida, anche se ottenessero pessimi risultati nel proprio Paese.

Gli altri due posti in più vanno al campionato numero 3 del paese, quinto nella classifica nazionale UEFA e quinto campione di un campionato minore che non si era precedentemente qualificato direttamente.

Nel nuovo formato, le prime otto squadre in classifica si qualificano automaticamente agli ottavi di finale. I numeri da 9 a 24 giocano prima un turno intermedio con una partita in casa e una trasferta.

“La qualificazione sarà anche interamente basata sulle prestazioni sportive in futuro e il sogno di poter partecipare alla Champions League resta di tutti i club”, ha dichiarato il presidente UEFA Aleksander Ceferin. “Siamo fiduciosi che la configurazione scelta raggiungerà il giusto equilibrio e genererà entrate stabili che possono essere condivise tra club, competizioni e sviluppo del calcio in tutto il continente. Allo stesso tempo, aumenterà l’attrattiva e la popolarità delle competizioni per club.

READ  Anche il Liverpool perde punti ad Anfield, Núñez rosso per colpo di testa | ADESSO

Ceferin è lieto che la decisione sulla riforma sia stata presa all’unanimità. Per lo sloveno è segno che il calcio europeo è più unito che mai. “Le decisioni di oggi sono il risultato di ampie consultazioni durante le quali abbiamo ascoltato le opinioni di tifosi, giocatori, allenatori, federazioni nazionali, club e leghe”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *