L’aborto fino a 24 settimane non è più punibile nella Colombia cattolica

Con cinque giudici favorevoli e quattro contrari, il tribunale di Bogotá, la capitale, ha deciso che le donne non sarebbero più state perseguite per aver interrotto la gravidanza durante le prime 24 settimane. Il caso è stato portato in tribunale dal gruppo pro-choice Causa Justa. Dopo il periodo di 24 settimane, l’aborto può essere praticato solo se la vita della madre è in pericolo, se la gravidanza è il risultato di uno stupro o se il nascituro è malformato.

Le organizzazioni che si battono per i diritti delle donne stimano che ogni anno 400.000 donne colombiane subiscono aborti clandestini ad alto rischio. Ciò riguarda principalmente le donne provenienti da famiglie povere. I membri della Causa Justa hanno celebrato fuori dal tribunale di Bogotá dopo la sentenza. Il metropolita Claudia López ha twittato “Dopo il diritto di voto, questo è il passo storico più importante per l’autonomia delle donne”.

L’arcivescovo colombiano Rueda ha affermato che la Chiesa cattolica romana continua a sostenere il diritto alla vita dal concepimento alla morte.

In alcuni paesi dell’America Latina, soprattutto in Centroamerica, l’interruzione della gravidanza è vietata in tutti i casi, compreso l’incesto o lo stupro.

READ  Dopo anni di scioccanti rivelazioni, la polizia di Londra ha davvero bisogno di cambiare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *