Lara (33): “Anche la guerra in Ucraina mi ha dato nuove opportunità” |  ADESSO

Lara (33): “Anche la guerra in Ucraina mi ha dato nuove opportunità” | ADESSO

Il 24 febbraio la Russia ha invaso l’Ucraina. Circa sei milioni di persone sono fuggite dal loro paese. Secondo l’organizzazione per i rifugiati UNHCR, all’inizio di luglio c’erano 68.000 ucraini nei Paesi Bassi. Allo stesso modo Alisa (24) e Lara (33). Come stanno adesso, esattamente cinque mesi dopo?

Alisa (24) esce Jourivka: “Nei Paesi Bassi posso aiutare il mio Paese meglio che da una cantina”

Alisa è una cantante e blogger.


Alisa è una cantante e blogger.

Alisa è una cantante e blogger.

“Prima della guerra abitavo vicino a Irpin con il mio amico e il mio gatto. Abbiamo affittato un piccolo appartamento che mi piaceva molto. Come cantante, ho tenuto concerti e spettacoli in televisione. Sono anche una blogger su Instagram”.

“Il 24 febbraio la mia vita è cambiata per sempre. Sono stato svegliato da mia madre, che ha detto che la guerra era iniziata. La città vicino al loro villaggio era stata bombardata. Lei piangeva. Io e il mio amico abbiamo preso i nostri passaporti e il gatto e siamo andati ai miei genitori.”

“Siamo rimasti lì per 54 giorni. A volte le sirene suonavano fino a cinque volte per notte. Poi ci svegliavamo, facevamo le valigie e andavamo in cantina. La mia vecchia nonna non poteva camminare e non potevamo sopportarlo. il scala. Mia madre piangeva ogni volta. Sono stati i giorni peggiori della mia vita.

“Un amico mi ha invitato a suonare in un concerto di beneficenza nei Paesi Bassi. Ho rifiutato, ma la mia famiglia mi ha convinto. Nei Paesi Bassi, posso aiutare il mio paese meglio che da un seminterrato È stata la scelta più difficile della mia vita, ma sono andato con mia sorella e il suo gatto”.

READ  “Non ho mai fatto così tanti progressi senza di lui”

“Siamo andati con l’auto di mia sorella e ci sono voluti quattro giorni. Siamo arrivati ​​nei Paesi Bassi il 19 aprile. Lì siamo stati accolti da una famiglia meravigliosa a Lunteren. Ci hanno fatto un appartamento nel loro garage. molto tempo con i miei nuovi genitori. Mi aiutano a dimenticare la guerra. Sono molto grato a loro.

“Sono in contatto con i miei genitori e il mio ragazzo ogni giorno. Sono felice che io sia al sicuro, ma sono molto preoccupata. Piango ogni giorno e voglio davvero tornare indietro. Tengo le notizie 24 ore su 24. / 24 ore su 24, 7 giorni su 7, perché mio padre olandese dice che non dovrei”.

Lara (33) di Kiev: “Abbiamo dormito nell’armadio”

Lara era una stilista di moda e ora è una social media manager.


Lara era una stilista di moda e ora è una social media manager.

Lara era una stilista di moda e ora è una social media manager.

“Mia madre è un architetto e ha progettato la sua casa vicino a Irpin. È molto high-tech, con grandi finestre e una porta a vetri. Viveva lì proprio quando i russi hanno invaso la zona. Come stilista, viaggio molto per lavoro, ma poi sono rimasto con lei. È stato terrificante. Il vetro vibrava costantemente per tutti i bombardamenti e il cielo era nero di jet da combattimento. Era come se fossimo in un acquario.

La madre di Lara ha progettato la propria casa.


La madre di Lara ha progettato la propria casa.

La madre di Lara ha progettato la propria casa.

“Per mia madre, questa casa era il lavoro della sua vita. Non voleva andarsene e io non volevo lasciarla. Siamo rimasti per otto giorni. gruppo di vicini che avevamo delle pistole. Ci hanno fatto sapere quando le luci siamo usciti. Dovevamo e quando dovevamo trovare un posto sicuro. Non ne avevamo, quindi abbiamo dormito negli spogliatoi.

“Dopo otto giorni, tutti i vicini se ne sono andati. Ho chiesto a mia madre se voleva sulla coscienza che saremmo stati violentati. Poi non ha più potuto rifiutare. Siamo partiti con tre macchine”.

“Non sapevamo dove andare finché mio cugino russo non ha chiamato. Ci ha detto di andarlo a trovare ad Amsterdam e ci ha comprato i biglietti. Siamo stati così aiutati da lui e da molti altri. È incredibile quello che ho. C’è anche un comunità di donne provenienti da paesi come Russia, Bielorussia e Ucraina che si aiutano a vicenda Quando ho chiesto se potevo prendere in prestito dei vestiti estivi, sono venute circa 20 donne.

“Dopo un mese con mio cugino, ho trovato un appartamento ad Amsterdam per me e mia madre. Ho anche trovato lavoro come social media manager per l’Accademia Europea di Cultura. Ne sono così entusiasta. felice, ora lo sono a Venezia per lavorare alla Biennale con mia madre”.

“Se possibile, dopo questo voglio restare nei Paesi Bassi. Ho perso tutto a causa della guerra, ma mi ha anche dato nuove opportunità. Mi rendo conto che è diverso per molte persone. Mia madre è molto depressa, vuole esci il prima possibile”. Restituzione.”

NU.nl è curioso di sentire la tua opinione su questo articolo. Clicca su qua completare un questionario di un minuto. Grazie mólto!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *