Lavorare per il futuro

TORINO, ITALIA – 13 FEBBRAIO: Andrea Belotti del Torino FC attraversa la palla durante la partita di Serie A tra Torino FC e Genoa CFC allo Stadio Olimpico di Torino il 13 febbraio 2021 a Torino, Italia. Gli stadi sportivi in ​​Italia rimangono soggetti a severe restrizioni a causa della pandemia di coronavirus, poiché le leggi governative sull’allontanamento sociale vietano i fan all’interno dei luoghi, con il risultato di partite a porte chiuse. (Foto di Valerio Pennicino / Getty Images)

Per il Torino contro il Genoa è arrivato un nuovo pareggio, nell’ennesimo match segnato da un impercettibile miglioramento. Su un totale di 95 minuti giocati, di cui quasi 50 giocati, il nostro Toro ha corso una gara senza mai diventare pericoloso. Per tutto il primo tempo, ahimè, non si è assistito ad alcuna azione da gol (a parte un’occasione che Belotti ha creato rubando palla), nonostante in generale la squadra abbia trascorso più tempo nel tempo avversario, secondo i dati della Lega. Serie A. Ma se guardiamo ai km prodotti dal Toro, sono 108.092, contro i chilometri percorsi dal Genoa che sono 111.302. Tenendo conto dei dati del Toro, vediamo un leggero miglioramento della corsa prodotta, perché durante tutto il al primo round abbiamo avuto difficoltà a vedere la squadra produrre distanze superiori a 105 km in totale. Ciò significa che sei sulla strada giusta per migliorare le prestazioni atletiche. Tuttavia, c’è ancora un vuoto da colmare.

LEGGI ANCHE: Mentalità vincente

Il tecnico Davide Nicola afferma giustamente che non importa quanto corri, ma come corri. Tuttavia, la logica ovvia è semplicemente che più esegui, più azioni puoi produrre. Tornando alle affermazioni dell’allenatore sulla qualità della gara, sarebbe stato interessante vedere continui cambi di direzione, colpi di testa, pressione costante sui portatori di palla del Genoa, accelerazioni, decelerazioni e nuovamente accelerazioni. Significa correre per la qualità nel calcio!

READ  Leclerc in pista oggi a Fiorano - FOTO - Piloti F1 - Formula 1

Le prestazioni atletiche richiedono applicazioni di forza, e quindi possiamo quantificare i valori delle transizioni in campo, con alcuni risultati aggiuntivi. Per fare un semplice esempio, la potenza muscolare di Singo è davvero notevole, sprigiona la sua massima capacità di accelerazione e forza quando lanciato sulla vela, quindi per esprimere una corsa di qualità deve poter avere gli spazi da sfruttare. Ciascuno dei nostri giocatori deve essere in grado di esprimere una gara di qualità per le esigenze specifiche del suo ruolo.

TORINO, ITALIA – 13 FEBBRAIO: Cristian Ansaldi del Torino FC combatte per il possesso con Davide Zappacosta del Genova durante la partita di Serie A tra Torino FC e Genoa CFC allo Stadio Olimpico di Torino il 13 febbraio 2021 a Torino, Italia. Gli stadi sportivi in ​​Italia rimangono soggetti a severe restrizioni a causa della pandemia di coronavirus, poiché le leggi governative sull’allontanamento sociale vietano i fan all’interno dei luoghi, con il risultato di partite a porte chiuse. (Foto di Valerio Pennicino / Getty Images)

Vogliamo un toro che raccolga palla dopo palla, abbia l’atletismo per essere in grado di accelerare forte, recuperare e tirare immediatamente, lungo il tabellone, o in profondità dopo scambi che lanciano le nostre punte verso la porta. Questi sono tutti parametri di prestazione e sono tutti indicatori di prestazione per il miglioramento.

Il “come” correre è il risultato di una serie di capacità motorie da sviluppare in allenamento. Albert Einstein ha detto: “Ognuno di noi è un genio. Ma se giudichi un pesce dalla sua capacità di arrampicarsi sugli alberi, passerà tutta la sua vita credendo che sia stupido. “Questo per dire che è sbagliato chiedere a tutti i giocatori di allenarsi allo stesso modo. Quanti atleti si identificano con un pesce, nuotano controcorrente sul campo, non scoprono mai le proprie capacità, si credono stupidi o inutili”.

LEGGI ANCHE: Recupero immediato

Invito quindi a riflettere sullo sviluppo delle capacità atletiche individualizzate. Alcune tecniche di sviluppo atletico sono obsolete e sono sopravvissute troppo a lungo. Vogliamo in campo atleti pronti per il futuro o che rimangano legati al passato? Lavorare per tirare fuori il meglio da ogni giocatore / atleta dovrebbe essere l’obiettivo, senza obiettivi standardizzati. Certo, è importante curare la resistenza di ogni giocatore, la capacità di sopportare sforzi continui, ma non più di altre abilità che possono manifestarsi in allenamenti personalizzati ad altissima intensità. Questo è il mondo in cui credo, dove i pesci non devono arrampicarsi sugli alberi.

READ  L'Alto Adige domina e vola verso i quartieri - OA Sport

Allenatore sportivo professionista torinese e allenatore di calcio con licenza Uefa B con esperienza ventennale come personal trainer, specializzato in riatletica e allenamento funzionale, ho lavorato fino a giugno 2020 nel settore giovanile del Torino FC.

Attraverso le sue colonne, grazie al lavoro di commentatori esperti, Toro News offre ai suoi lettori spunti e approfondimenti indipendenti su Torino e oltre.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *