Lazienda di semiconduttori di Singapore Silicon Box aprirà un nuovo impianto in Italia

Lazienda di semiconduttori di Singapore Silicon Box aprirà un nuovo impianto in Italia

Il ministero delle Imprese e del Made in Italy ha dato il via a una grande operazione che potrebbe cambiare il panorama industriale nel nord Italia. Lunedì è stato annunciato che l’azienda di tecnologia Silicon Box investirà ben 3,2 miliardi di euro per aprire un nuovo impianto di produzione nel paese.

La Silicon Box, una startup con sede a Singapore specializzata in circuiti integrati di ultima generazione chiamati “chiplet”, ha scelto l’Italia per il suo primo impianto all’estero. Il progetto prevede l’impiego di 1600 dipendenti e mira a soddisfare la crescente domanda di semiconduttori, essenziali per la costruzione di microchip.

La decisione di investire in Italia è stata influenzata dall’aumento dei costi dei semiconduttori a livello globale, causato dalla crisi economica e dalla carenza dovuta alla pandemia di coronavirus. In risposta a questa situazione, l’Unione Europea ha recentemente annunciato un piano di investimento di 43 miliardi di euro per sostenere la produzione di microchip sul suolo europeo.

Il nuovo impianto di Silicon Box in Italia fa parte di questa strategia più ampia per ridurre la dipendenza dell’Europa dall’estero per l’approvvigionamento di chip. Si prevede che l’investimento non solo creerà nuovi posti di lavoro e stimolerà l’economia locale, ma contribuirà anche a rafforzare il settore tecnologico e industriale del paese.

READ  La BCE taglierà i tassi l11 aprile?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *