Le città cinesi allentano le misure della corona dopo le proteste contro la politica | Coronavirus

Diverse città in Cina hanno ulteriormente allentato le loro misure corona venerdì dopo le proteste contro la politica. Ad esempio, le persone in alcuni luoghi non devono più mettersi alla prova quotidianamente. Inoltre, se sono infetti, possono autoisolarsi a casa piuttosto che in speciali centri di isolamento governativi.

Inoltre, nelle città di Chengdu e Tianjin, non è più necessario un risultato negativo del test per viaggiare in metropolitana. Pechino abolirà questa misura lunedì. Alcuni supermercati della capitale non richiedono più ai clienti di risultare negativi. L’allentamento è in atto anche in altre città.

La pandemia di corona, che dura da quasi tre anni, sta ancora avendo gravi conseguenze per la vita quotidiana in Cina, dove vengono utilizzate severe misure di corona per contenere i focolai. Dopo un incendio mortale nella città di Ürümqi, la gente è scesa in piazza per protestare per una maggiore libertà. Secondo i critici, ci sono state vittime a causa delle misure della corona in città.

Gli allentamenti smorzeranno le proteste per ora, ma è improbabile che la Cina inverta l’intera politica della corona. Inoltre, i governi locali spesso allentano la loro politica sul coronavirus dopo le proteste. Dicono poi che questo è possibile perché il numero di contagi è abbastanza basso.

READ  il colpo estremo del compagno di judo di Vladimir Putin - Libero Quotidiano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *