Le foreste di mangrovie del Pakistan sono fiorenti, tranne che nella megalopoli di Karachi

Le foreste di mangrovie del Pakistan sono fiorenti, tranne che nella megalopoli di Karachi

Le foreste di mangrovie del Pakistan sono fiorenti, tranne che nella megalopoli di Karachi

AFP

Notizie ONS

  • Aletta Andre

    Corrispondente indiano

  • Aletta Andre

    Corrispondente indiano

Il Pakistan è uno dei paesi più vulnerabili al cambiamento climatico. Un esempio sono le piogge estreme che quest’anno hanno contribuito a gravi inondazioni. Per armare le regioni costiere contro questo, il paese utilizza una fonte naturale: le foreste di mangrovie. Protezione e piantagioni fanno del Pakistan uno dei pochi paesi al mondo in cui l’area della foresta di mangrovie costiere è aumentata negli ultimi anni. Solo nella megalopoli di Karachi questa rimane una sfida.

“Stiamo proteggendo le foreste, è nostro dovere, ma finché tutti non aiutano, è molto difficile”, ha affermato Shehzad Gill del dipartimento forestale provinciale del Sindh. “C’è molto sviluppo a Karachi. Stiamo cercando di convincere le agenzie ei dipartimenti governativi competenti a tagliare il minor numero di alberi possibile. Perché lo sviluppo è buono, ma a quale costo?”

Grande successo

In generale, l’aumento delle foreste di mangrovie ha avuto molto successo, afferma Gill. “Ora abbiamo tre volte più foreste di mangrovie rispetto a 20 anni fa”. Mostra su una mappa dove sono state piantate nuove foreste e dove è pianificato per i prossimi anni. “Deve diventare molto di più. Controlliamo ampiamente il disboscamento illegale. Solo nel 5-7% della foresta vicino a Karachi è un problema”.

Sulla spiaggia vicino alla città, è chiaro quanto sia vulnerabile Karachi. Le onde sono alte e direttamente sulla spiaggia ci sono torri, uffici e negozi. “Fino agli anni ’80 c’era solo foresta di mangrovie”, afferma la giornalista climatica Aafia Salam.

E spiega che non è solo l’abbattimento degli alberi a distruggere le foreste di mangrovie. Poiché i canali di drenaggio naturali di Karachi sono stati in gran parte trasformati in fogne a cielo aperto, molta acqua sporca si riversa nel mare “Sta uccidendo anche gli alberi”.

Salam, come Gill, dice che solo a Karachi le foreste di mangrovie sono nei guai. “Una volta che esci dalla città, li vedi sicuramente prosperare”, dice. Gill spiega che i gestori forestali lavorano con le comunità locali per combattere il disboscamento illegale e gestire le piantagioni. “Spieghiamo a queste comunità che se non ci fossero foreste di mangrovie, loro stesse sarebbero le prime vittime di uno tsunami o di un’ondata di tempesta”.

Prima linea di difesa

Le foreste di mangrovie sono anche considerate la prima linea di difesa contro i cambiamenti climatici. Proteggono le zone costiere dall’innalzamento del livello del mare e da condizioni meteorologiche estreme come gli uragani. Possono anche immagazzinare CO2 molto meglio di altri alberi, il che a sua volta può aiutare a combattere il riscaldamento globale.

Dalla maggior parte dei luoghi di Karachi, le foreste di mangrovie non si trovano da nessuna parte. Eppure c’è una tale linea di difesa sul lato sud della città. Quando salpiamo con il peschereccio di Mehran Ali Shah, si avvicinano sempre di più. A sette chilometri di barca dalla città, mostra un gruppo di isole completamente alberate.

“Siamo molto preoccupati per la situazione perché puoi vedere che sul lato di Karachi, dove non ci sono foreste di mangrovie, ci sono onde molto alte. Non possiamo arrivarci con la nostra barca. ecco perché siamo molto preoccupati per i pescatori, per Karachi, per la provincia del Sindh e per il nostro sostentamento”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *