In bicicletta nelle Marche: nella mente di Marco | Cicloturismo

Non tutti i ciclisti che desiderano salire di quota durante le vacanze vanno in Francia. Anche l’Italia è una delle mete preferite. La regione di Marken è una tappa meravigliosa per i ciclisti. O le Marche, come dicono gli stessi italiani. Questo è un paradiso del ciclismo da morire. Ondulato a est, montuoso a ovest. E la regione di Marco Pantani.

Questo articolo è stato pubblicato lo scorso anno nell’edizione estiva di RIDE-Magazine.

È meglio guidare lontano, molto a sud. Ma finalmente il mare Adriatico si avvicina. Riesco quasi a sentirne l’odore, quella tipica sensazione vacanziera del mare, della spiaggia e della crema solare. vita da spiaggia. E cosa facciamo? Non ci buttiamo in spiaggia, ma continuiamo il nostro viaggio, passando per le emblematiche località balneari di Cesenatico e Rimini. Solo a Pesaro il mare gira le spalle e gira a destra nell’entroterra. Che cosa è? Beh, non abbiamo teli mare, ombrellone e beach volley nel bagagliaio dell’auto, ma due bici da corsa. Niente sabbia e mare per noi, ma asfalto e ciottoli!

Ancora un’altra città medievale in cima a una collina.

La nostra destinazione finale è la cittadina di Borgo Massano, la nostra base prescelta per scoprire questa regione italiana fino ad ora sconosciuta in bicicletta da corsa. L’Emilia-Romagna, situata più a nord, è un nome noto per i ciclisti e una meta ambita, soprattutto in primavera, per completare i chilometri di allenamento necessari. Ma perché non guardare un po’ più a sud, nel vicino Marken? “Altamente consigliato”, mi assicuro. Rilassato, idilliaco e ricco di storia. Siamo quindi piuttosto curiosi di scoprire questa regione compresa tra la città portuale di Pesaro e la città universitaria fortificata di Urbino.

Interno
Una volta che ci siamo allontanati dal mare, non ci vuole molto perché la strada diventi più tranquilla e il numero delle targhe straniere diminuisca. Ma più la strada è tranquilla, più divento me stesso irrequieto. Che cosa vuoi, il paesaggio che ci viene rivelato attraverso i finestrini dell’auto sembra promettente. Una bella strada tortuosa qui, una bella salita là. E guarda, un gelateria! A meno di venticinque chilometri dalla costa, il mondo sembra improvvisamente molto diverso e più adatto ai desideri e ai desideri del fanatico del ciclismo.

Con tutto quel ciottolato, i cinturini da 25 mm non sono un lusso superfluo

La prima impressione è quella giusta, come dimostrano i giorni seguenti. Guidiamo per miglia su strade strette, sorvoliamo sulle colline e raramente incontriamo veicoli a motore. Ma la regione sorprende anche con le sue ripide gole di montagna. E già il primo giorno andiamo regolarmente da una città medievale all’altra. La prima volta, le imponenti fortezze e le vecchie strade acciottolate ci hanno messo fuori combattimento. Comunque, dai un’occhiata. Fino a quando non si scopre che in cima a quasi ogni collina c’è una città storica. Un po passaggio sul bello castello vista, torna di nuovo giù e su per la collina successiva, in rotta verso il castello successivo. Ti ci abituerai proprio qui.

READ  "Davanti agli anni passati"

Medio Evo
Ma di tutto questo ancora non sappiamo nulla quando noi, l’albergatore Giacomo Rossi, nella sua casetta dal fascino straordinario ostello Ca’ Virginia saluta. Siamo arrivati ​​qui in un edificio restaurato con cura, le cui fondamenta risalgono al 14° secolo. Guarda, un altro motivo per essere contenti di aver letteralmente e figurativamente ignorato i colossi degli hotel in cemento sulla costa! E nonostante Ca’ Virginia sia tutt’altro che nuova, agli ospiti non mancano i comfort moderni. Nemmeno l’ospite in bicicletta, che troverà non solo un’attrezzata officina per le biciclette, ma anche un servizio lavanderia. Lavate di fresco i vostri indumenti da bici ogni mattina, cosa chiedere di più? E completamente green e sostenibile, perché Giacomo trae la sua energia dai pannelli solari e dal calore della terra.

Poche ore dopo, dopo il pasto, Giacomo si unisce a noi al nostro tavolo. Delicatamente ma visibilmente orgoglioso, ci racconta la sua piccola ma bellissima eco-stazione. Come, da economista, è riuscito finalmente a dare nuova vita agli edifici fatiscenti della terra di famiglia. Un altro nuovo capitolo da aggiungere a una storia già ricca. Quindi il tema della conversazione si sposta sul ciclismo e gli albergatori italiani apparentemente introversi si trasformano in un’inarrestabile cascata di discorsi. Qui parla un vero appassionato, che ha fatto della sua passione il suo lavoro. Gli siamo grati per i suoi consigli e suggerimenti e per le mappe stradali perfettamente preparate che vengono servite con gelato fatto in casa a fine cena.

Goditi morbido e duro
Iniziamo con un tour attraverso il paesaggio collinare nelle immediate vicinanze. In effetti, puoi pedalare fuori dai sentieri battuti, poiché la probabilità di finire su strade trafficate è piuttosto bassa. Si incatenano così i paesi di montagna posti in cima alle colline – Montegridolfo, Tavoleto, Tavullia – tutti più belli dell’altro. E nel frattempo raccogliamo segretamente una grande quantità di altimetri. Su, giù, su, giù. E così arriviamo finalmente alla costa, lungo la quale si snoda una bella strada di montagna tra Gabicce Mare e Pesaro. Probabilmente occupato in estate, ma difficilmente incontriamo altri utenti della strada su questo bellissimo percorso così presto in primavera.

Preziosi consigli di itinerario di Giacomo Rossi: la Gola del Furlo, la Gola del Furlo. Carina!

Il giorno dopo sperimentiamo il contrasto del paesaggio. Vogliamo andare alla Gola del Furlo, una gola in una riserva naturale non lontano da Urbino. “Devi proprio andare,” consiglia Giacomo insistente. Annuiamo educatamente, ma capiamo solo bene cosa intende mentre guidiamo attraverso la Galleria del Furlo, il tunnel scavato nella roccia dalle mani dei romani già nel I secolo d.C. per creare un veloce percorso di collegamento tra Roma e Rimini: Via Flamina. La vista è bellissima. Scoglio nudo a sinistra ea destra, inframmezzato dalle acque color smeraldo del Candigliano. Non è esattamente il piacevole scenario che finora ha fatto da sfondo ai nostri chilometri in bicicletta nelle Marche. Quando torniamo a Ca’ Virginia, Giacomo ci aspetta già. Non abbiamo niente da dirgli, lo vede già sui nostri volti: è stato bellissimo. Bellissimo.

READ  Atletica, Gianmarco Tamberi in finale alle Olimpiadi! I nostri grandi nomi - OA Sport

Santa Pantani
Una volta dentro, siamo pronti per il clou sportivo di questo viaggio: un viaggio attraverso l’Appennino, la catena montuosa preferita di uno dei grandi eroi di questa regione: Marco Pantani. Certo, questo corridore cesenate ha una statura senza pari al mondo, ma la venerazione in questa regione va anche oltre. Qui è un santo ed è venerato anche come tale. Il Monte Carpegna con il suo venti per cento di caduta era la montagna di casa di questo leggero scalatore pirata. La risposta alla domanda sul perché Pantani non si sia trasferito in alta montagna per il suo allenamento è scritta qui per strada: “Il Carpegna mi basta”, “Il Carpegna mi va bene”. E per noi, dopo un lungo viaggio in auto attraverso il parco naturale con una bella salita e panorami idem, anche il Carpegna è abbastanza buono. Tornati a Borgo Massano, abbiamo centoventi chilometri e millecinquecento metri di dislivello nelle gambe. E innumerevoli nuove impressioni nelle nostre teste.

Dalla costa a est alle montagne a ovest, le Marche offrono puro piacere in bicicletta.

Il paesaggio marchigiano intorno al Montefeltro offre condizioni ottimali per allenamenti mirati. I percorsi conducono sulle colline, attraverso le valli e nelle montagne dell’Appennino. Una montagna che ha tutto è il Monte Carpegna, un tempo una delle vie preferite di Marco Pantani. Gli alpinisti possono aspettarsi un aumento fino al venti percento sui pendii di questa montagna! Gli albergatori degli hotel per ciclisti saranno lieti di fornirvi informazioni sul percorso e/o dati GPS. Troverai anche molti interessanti suggerimenti di percorsi sul sito web di Roadbike Holidays (roadbike-holidays.com).

Visita al museo
Siamo sorpresi quando Giacomo ci dice che è assolutamente necessario visitare il museo di Pesaro. Museo? Mah, non è nell’elenco delle priorità. Ma certo a Giacomo non si può dire di no e poi un po’ di storia e di cultura non l’hanno mai peggiorata. Inoltre, con mia grande sorpresa, si scopre che il museo che Giacomo ha in serbo per noi non espone monete dell’antica Roma o manoscritti medievali, ma biciclette. Il museo si chiama ‘Italian Legend Bicycles’. E quello che mostrano sono le “più belle biciclette d’epoca d’epoca dal 1910 al 1988”, le più belle bici da corsa del periodo dal 1910 al 1988. Guarda, in questo caso, una visita al museo ovviamente non è da perdere.

Non dimenticare quando sei nelle Marche: visita il museo della bicicletta a Pesaro.

‘Il Dottore’ Dario Corsi è un appassionato collezionista, restauratore. E onnisciente, quando si parla di storia del ciclismo. Nel suo museo Corsi presenta un centinaio di biciclette storiche e tutto ciò che le accompagna, oltre a numerosi accessori e accessori. E ogni elemento ha la sua storia. Ci sarebbe piaciuto ascoltarli tutti, ma saremmo ancora qui, probabilmente. Prendi il semplice cavatappi che ci mostra Corsi. Di per sé una cosa priva di significato, che tipo di storia si può attribuire ad essa? “Campagnolo”, Corsi, l’orgoglioso italiano, ride trionfante. “Ha inventato il cavatappi!

READ  Maschera a scuola, comitato tecnico: l'ASL può introdurre l'obbligo di indossarla anche in classe a seconda dell'andamento del contagio locale

Storia su due ruote
Le biciclette sono tutti punti di forza nel settore della riparazione di biciclette. Troverai una sala Colnago nel museo. E un angolo Cinelli. Vediamo biciclette in legno, ripercorriamo la storia dei freni delle biciclette, passiamo amorevolmente le mani sugli eleganti telai dei classici italiani di Bianchi, Gios e Masi e ammiriamo l’iconica bici da record dell’ora di Francesco Moser. “Come fai ad avere tutte quelle bici?” chiedo a Corsi. Sorride: “Passo ore su Internet. Nel cuore della notte, posso trovare un annuncio, saltare in macchina ed essere alla soglia dei venditori sei ore dopo. Di solito la colazione è inclusa con l’acquisto di una bicicletta”, ride.

Alla fine dell’arcobaleno c’è una pentola d’oro. O meglio ancora: un’altra bellissima strada senza auto!

Gli interessi di Corsi sono chiaramente definiti; le sue biciclette non devono essere precedenti al 1985. Tuttavia, c’è un’eccezione a questa regola. È qui che entra in gioco una maggiore potenza: Dario si trova davanti a una Pantani in alluminio ‘Il Pirata’ del 1998. “Questa Bianchi è – mi assicura – molto, molto rara. Pantani era un feticista del peso e ha fatto di tutto per rendere le sue biciclette il più leggere possibile. Le sue bici non sono mai durate così a lungo. Erano così leggeri che quasi tutti si rompevano. Tranne questo. »

Il Museo Dario Corsi è un sogno per gli amanti della bellezza, della tecnologia e della storia. E si adatta, posso dire dopo alcuni giorni di ciclismo, perfettamente con l’atmosfera di questa regione. Una regione ordinata ed elegante, che si adagia discretamente, quasi modestamente, sul mare Adriatico e nel suo entroterra ospita una regione ciclistica di incredibile bellezza, ricca di piacevoli sorprese e piacevoli incontri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *