Le forze dell’ordine statunitensi hanno minacciato il raid di Donald Trump | ADESSO

Da quando l’FBI ha fatto irruzione nella casa dell’ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump, le forze dell’ordine federali hanno ricevuto sempre più minacce. Lo riferiscono vari media americani. L’FBI ha trovato documenti segreti di stato la scorsa settimana durante una perquisizione del golf resort di Trump a Mar-a-Lago in Florida.

Una bomba sporca per il quartier generale dell’FBI. Minacce di morte contro le persone direttamente coinvolte nel raid, compreso il giudice che ha approvato il mandato di perquisizione. Guerra civile. Insurrezione armata.

Questi sono esempi delle minacce che le forze dell’ordine statunitensi hanno dovuto affrontare dal raid di Trump. Questo secondo una nota interna rilasciata dall’FBI e dal Dipartimento per la sicurezza interna.

Le minacce sono principalmente effettuate online. Ma non si ferma qui. Tre giorni dopo la perquisizione, un uomo armato ha tentato di entrare nell’ufficio dell’FBI a Cincinnati, Ohio. Quello che seguì fu una situazione di stallo che portò alla morte dell’uomo. In precedenza, aveva postato un messaggio su Truth Social, il social media di Trump, in cui indicava di voler uccidere gli agenti federali.

Paura di un’escalation di violenza

La nota interna avverte anche che le minacce indicano che la violenza da parte di estremisti violenti domestici potrebbe intensificarsi intorno alle elezioni di medio termine del prossimo novembre.

Il mandato di perquisizione per il raid contro l’ex presidente Trump è stato rilasciato venerdì. Mostra che Trump è sotto inchiesta per possibile ostruzione alla giustizia e violazioni dell’Espionage Act.

Trump afferma di essere vittima di “sforzi politici senza precedenti” da parte di “democratici di sinistra radicale”.

READ  Germania, esplosione in un impianto chimico a Leverkusen: un morto, 4 dispersi e 16 feriti. Allerta: "Resta in casa, minaccia estrema"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.