Le Leonesse Arancioni iniziano l’Europeo con tanta sfortuna e pareggio |  Calcio

Le Leonesse Arancioni iniziano l’Europeo con tanta sfortuna e pareggio | Calcio

La squadra femminile olandese difenderà il titolo europeo vinto con Sarina Wiegman nel 2017 quest’estate e le aspettative sono ovviamente alte “alla maniera olandese”. Dopo il periodo di successo sotto Wiegman, Parsons è ora in attesa che il compito si manifesti di nuovo bene su un grande palcoscenico con la squadra degli Orange, ma il 35enne Ct della nazionale ha scosso la testa quasi continuamente per i primi 45 minuti, ha visto tanto succede sul green. opaco per se stesso.

Sfortunato Van Veenendaal

La Svezia parte forte e il portiere Sari van Veenendaal deve raggiungere il suo obiettivo con due pericolose punizioni per intervenire. Nella seconda situazione, il portiere si è scontrato con le compagne di squadra Lynn Wilms e Stefanie van der Gragt e il gioco è stato interrotto per alcuni minuti. È andata bene con Wilms, ma Van Veenendaal e Van der Gragt sono stati battuti di più. Entrambi potevano (proprio come Wilms) continuare, ma alla fine Van Veenendaal ha dovuto rinunciare. Dopo aver calciato un pallone lungo, ha fatto un gesto di lato e ha dovuto lasciare il campo.

Sfortuna per Sari van Veenendaal (a destra) che deve lasciare il posto all'infortunata Daphne van Domselaar.

Sfortuna per Sari van Veenendaal (a destra) che deve lasciare il posto all’infortunata Daphne van Domselaar.

Il sostituto di Van Veenendaal è stato il portiere dell’FC Twente Daphne van Domselaar, che ha giocato solo la sua seconda partita in nazionale. Van Domselaar ha visto Kosovare Asllani, uno dei formidabili attaccanti svedesi, tirare per la prima volta nella rete laterale, ma dopo 35 minuti la Svezia è passata in vantaggio. Asllani ha giocato Aniek Nouwen tra le gambe e ha servito Jonna Andersson, che ha colpito il bersaglio. Poco dopo, Parsons è stata costretta a cambiare di nuovo, poiché Nouwen si è infortunata alla caviglia in modo brutto. Marisa Olislagers la sostituisce, spostando Dominique Janssen dal terzino sinistro al centro.

L’Olanda ha avuto occasioni negli ultimi quindici minuti prima dell’intervallo, la migliore delle quali è stata per Daniëlle van de Donk. Il centrocampista ha tirato alto dopo l’uno-due con Jill Roord. Sherida Spitse ha fatto lo stesso, mentre i tiri di Roord e Lieke Martens non sono stati un problema per il portiere svedese Hedvig Lindahl.

Jonna Andersson segna il primo gol.

Jonna Andersson segna il primo gol.

Dopo il tè, sembrava che l’Orange si fosse risollevato da tutte le battute d’arresto dei primi 45 minuti e sotto l’occhio vigile di Louis van Gaal, la squadra ha inseguito 1-1 con sicurezza di per sé visibile. È arrivato rapidamente. Dopo che Miedema inizialmente ha visto fallire una combinazione con Van de Donk, Roord non ci ha pensato due volte quando la palla è scivolata oltre il suo piede. L’attaccante dell’Orange ha segnato bene e così (proprio come nei Mondiali del 2019) è arrivato a lei il primo gol dell’Orange del torneo.

Miedema forte

L’arancione odorava di sangue e creava molte più occasioni rispetto al primo tempo, anche se bisognava diffidare dei pericolosi contro colpi svedesi. Soprattutto quando Stina Blackstenius è entrata in campo dopo settanta minuti. La potenza svedese che alla fine non era abbastanza in forma per partire, ma ha potuto partecipare all’ultima parte della gara. La collega attaccante Miedema ha mostrato il suo lato migliore in diverse occasioni, quando una volta si è girata bene ma non è riuscita a riempirla. Anche un bel passaggio per Roord non ha portato al 2-1, poiché il creatore dell’1-1 aveva bisogno di troppo tempo per indovinare.

READ  Abbink ha statistiche incoraggianti per l'Ajax

Con Lineth Beerensteyn e Victoria Pelova in gioco, Parsons ha portato nuova forza offensiva nella fase finale, ma l’Orange non ha più avuto grandi opportunità. Infatti, Van Domselaar ha salvato un punto per l’Olanda con una serie di ottime parate. È rimasto sull’1-1 e la seconda partita del girone con il Portogallo attende mercoledì a Leigh.

“Era un po’ fuori controllo e c’è stata un po’ di fortuna, ma c’era dentro”, ha detto l’attaccante Roord alla squadra in seguito. ILLUMINATO† Lo spirito combattivo di Orange la rendeva “molto orgogliosa. Possiamo certamente basarci su questo. Dobbiamo vincere le prossime due partite e speriamo di essere i primi”.

Scopri tutti i risultati, le classifiche e il programma completo dei Campionati Europei di calcio femminile qui

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *