Le Pussy Riot hanno provato a scendere in campo per protesta durante la finale dei Mondiali |  Coppa del mondo di calcio

Le Pussy Riot hanno provato a scendere in campo per protesta durante la finale dei Mondiali | Coppa del mondo di calcio

Le Pussy Riot hanno provato a scendere in campo per protesta durante la finale dei Mondiali |  Coppa del mondo di calcio

Gli attivisti del gruppo punk russo Pussy Riot sono scesi in campo domenica durante la finale dei Mondiali tra Francia e Argentina per manifestare. Le forze di sicurezza hanno impedito loro di proseguire la loro azione allo stadio di Lusail.

Le Pussy Riot hanno voluto ricordare al pubblico globale la guerra di aggressione della Russia in Ucraina, ha annunciato il gruppo domenica. Voleva anche evidenziare la difficile situazione del critico del Cremlino Alexei Navalny, che è imprigionato in Russia, e richiamare l’attenzione sulla difficile situazione delle donne in Iran.

Le attiviste delle Pussy Riot avevano avuto successo in precedenza al torneo in Qatar. Durante la partita del girone tra Iran e Stati Uniti, hanno manifestato in difesa dei diritti delle donne in Iran indossando magliette con la scritta “Woman Life Freedom”, che sono state filmate davanti a milioni di persone.

Durante la finale della Coppa del Mondo 2018 in Russia, quattro attiviste delle Pussy Riot in uniforme della polizia sono scese in campo. La finale è stata vista da oltre 3,5 miliardi di persone, secondo la FIFA. Non è ancora noto quante persone abbiano assistito alla finale del 2022.

L’Argentina ha vinto il titolo mondiale domenica in una rovente finale. I sudamericani sembravano pronti per una semplice vittoria per 2-0, ma Kylian Mbappé ha segnato una doppietta poco prima dell’ora. Ai supplementari, Lionel Messi e Mbappé hanno segnato (3-3). L’Argentina ha surclassato la Francia ai rigori.

READ  Messi come Pelé, il chip sempre più nella storia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *