Lo Zandvoort Grand Prix per il momento non è in pericolo: il circuito conserva la sua licenza Indoor nature

Le organizzazioni per la natura e l’ambiente hanno presentato ricorso dopo che il tribunale di Haarlem ha dichiarato infondate le loro obiezioni al circuito in aprile. Stichting Duinbehoud, Stichting Rust bij de Kust, Natuur-en Milieufederatie Noord-Holland e Mobilitation for the Environment (MOB) ritengono che il circuito non avrebbe dovuto ricevere un permesso di natura. Secondo le organizzazioni ambientali, il calcolo dell’azoto utilizzato non è corretto. MOB afferma che la gara causa più danni alla natura protetta attorno al circuito di quanto non mostrino i calcoli.

Inoltre, il più alto tribunale amministrativo generale ha soppesato gli interessi della natura e gli interessi economici del circuito. Questo ora cade a favore del Circuit Zandvoort. In effetti, il circuito ha già effettuato “importanti investimenti” in terreni e infrastrutture a Zandvoort e dintorni. L’attuale permesso di natura consente una minore attività sul sito rispetto al passato e a causa della crisi della corona non è stato temporaneamente possibile correre. Pertanto, almeno fino alla decisione finale nel 2023, gli eventi e le attività al Circuit Zandvoort possono continuare.

Le organizzazioni per la natura e l’ambiente hanno presentato ricorso dopo che il tribunale di Haarlem ha dichiarato infondate le loro obiezioni al circuito in aprile. Stichting Duinbehoud, Stichting Rust bij de Kust, Natuur-en Milieufederatie Noord-Holland e Mobilitation for the Environment (MOB) ritengono che il circuito non avrebbe dovuto ricevere un permesso di natura. Secondo le organizzazioni ambientali, il calcolo dell’azoto utilizzato non è corretto. MOB afferma che la gara causa più danni alla natura protetta attorno al circuito di quanto non mostrino i calcoli.

Secondo il Consiglio di Stato, sono necessarie ulteriori ricerche per verificare questo calcolo. Ciò non è stato possibile nel corso dell’udienza preliminare, che le organizzazioni ambientaliste avevano chiesto nel tentativo di sospendere il permesso di natura almeno fino al verdetto finale.

READ  Juventus, Dybala mette nel mirino il Porto: "Torno presto" | notizia

Circuito di reazione di Zandvoort

Il direttore del circuito di reazione Robert van Overdijk: “Siamo ancora una volta lieti che il Consiglio di Stato riconosca anche che tutte le parti coinvolte e l’esecutivo provinciale della provincia di Noord-Holland hanno agito con cautela al riguardo. La decisione indica che la nuova autorizzazione di natura limita il funzionamento del Circuito, rispetto alla precedente autorizzazione. Solo per questo motivo non può esserci un aumento della deposizione di azoto. Ma è anche bene sottolineare che come Gran Premio d’Olanda siamo intrinsecamente motivati ​​a diventare più sostenibili. Le misure che abbiamo già adottato come circuito e come organizzazione del Gran Premio d’Olanda con, ad esempio, il nostro piano di mobilità di successo e le infrastrutture di trasporto pubblico notevolmente migliorate, ne sono un buon esempio. Nessuno dei nostri visitatori abituali verrà in F1 a Zandvoort nel 2022 in auto. E infine, siamo sempre disposti a discutere con le organizzazioni per la fauna selvatica e l’ambiente i piani a lungo termine per il tour e il loro impatto sull’ambiente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.