Frank Arnesen: “Merda, perderemo”

Frank Arnesen: “Merda, perderemo”

La scorsa estate, il Feyenoord ha salutato Frank Arnesen. In una conversazione con il Feyenoord Magazine, ripensa al suo tempo al De Kuip. Ad esempio, racconta come, con la sua salute in quel momento in peggioramento, abbia voluto a tutti i costi assistere alla finale di Tirana. Inoltre, la sconfitta di Eindhoven in questa stagione (4-3) ha dimostrato che Arnesen non ha certo dimenticato il club.

Al danese piace ricordare il suo periodo a Rotterdam, che non è stato sempre facile. Ad esempio, lo scouting doveva essere completamente rivisto, Sportsology ha aiutato a ristrutturare il club, è stato necessario inserire nuovo personale dopo che Dick Advocaat se n’è andato ed è stata fissata una nuova politica per l’accademia giovanile.

Arnesen aveva anche problemi di salute. Ma il vincitore che è, non ha lasciato che questo gli impedisse di continuare. Con tutte le sue conseguenze. A causa di problemi al ginocchio gonfio, ad Arnesen è stato consigliato di non recarsi a Tirana per la finale di Conference League. Tuttavia, il direttore tecnico non ha voluto perdersi la battaglia finale. Di conseguenza, era nella sua camera d’albergo con la febbre di 38,5 gradi al giorno prima della finale, con quella che si è rivelata essere un’infezione pericolosa per la vita. “Il giorno della finale, mi sono semplicemente sdraiato nel mio letto. Mi sono sentito merdama alla fine sono andato allo stadio”, ricorda. Sfortunatamente, non era la spinta che sperava.

Una volta tornato in Olanda, Arnesen ha dovuto concentrarsi completamente sulla sua “partita”. Allo stesso tempo, questo è stato anche il motivo per cui il Feyenoord ha ritenuto più saggio salutare il direttore tecnico, poiché era impossibile prevedere come si sarebbe evoluta la salute di Arnesen in futuro. C’è sempre la possibilità che l’infezione ritorni. “Stavo incrociando le dita che ho vinto la competizione contro i batteri. L’ho davvero affrontato come una competizione. Ho pensato: devo vincere, anche se serviranno tempi supplementari”, ha detto Arnesen.

READ  sei un lupo solitario? Scoprilo ora

Arnesen ora sta meglio. A settembre, ad esempio, era al Philips Stadium e ha visto come il Feyenoord ha quasi sparato un punto dal fuoco. Purtroppo, non è stato così perché il difensore del PSV Obispo ha assicurato che i punti rimanessero a Eindhoven a dieci minuti dalla fine. L’ex direttore tecnico di Feyenoord e PSV però (inconsapevolmente) ha avuto una preferenza: “Accidenti, stiamo per perdere”. Il suo amore per il Feyenoord predominava quindi in quel momento. Qualcosa che si evince anche dal fatto che il danese spera in realtà che il Feyenoord si avvicini ancora di più ad Ajax e PSV nei prossimi anni. “Un po’ è una questione di soldi, ma sicuramente anche di buona organizzazione. Se riuscirai a continuare così negli anni a venire, è di buon auspicio per il Feyenoord”.

Che l’amore arrivasse dai calciatori e ricambiato, emergeva dai suoi addii. Per quanto modesto, l’ex direttore tecnico non ha voluto un grande addio. Invece si salutarono dopo un allenamento nel 1908. “È stata una giornata molto bella, con tante belle parole. Ho ricevuto anche tanti messaggi da giocatori e staff. È un bellissimo apprezzamento, che mi ha fatto sentire che non avevo fatto così male”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *