L’Egitto risvegliato dalla guerra, lancia grandi progetti di cereali

L’Egitto risvegliato dalla guerra, lancia grandi progetti di cereali

ILLUMINATO

Notizie ONS

  • margherita mohr

    Corrispondente per il Medio Oriente

  • margherita mohr

    Corrispondente per il Medio Oriente

La parola egiziana per pane, Ahia, significa anche vita e gli egiziani considerano il loro pane un diritto fondamentale. I prezzi del pane sono mantenuti bassi grazie ai sussidi governativi nella speranza di mantenere le persone felici.

“Il pane è il cibo più importante della mia vita, qualunque cosa mangi deve essere pane. È semplicemente essenziale”, dice Ahmad, mentre fa la fila in una panetteria del Cairo per comprare focacce arabe per la sua famiglia. “Serve il pane per ritrovare la forza per tornare a lavorare ogni giorno”.

L’Egitto è il più grande importatore di grano al mondo e almeno tre quarti provengono da Russia e Ucraina. Quando la guerra è finita bruscamente questa primavera, il governo egiziano è andato nel panico. Le scorte stavano finendo, quindi da dove veniva tutto quel grano per sfamare oltre cento milioni di egiziani?

Il governo egiziano non vuole mai più essere così dipendente dagli altri paesi, motivo per cui sono stati avviati importanti progetti di grano nel deserto egiziano. Sono stati impegnati a piantare lì da maggio.

La corrispondente Daisy Mohr è andata a vedere un progetto così grande:

Grande progetto di grano nel deserto egiziano

Anche i piccoli agricoltori stanno aumentando la loro produzione di grano. “Molti agricoltori della regione stanno cambiando le colture. Coltiveranno il grano perché il governo lo incoraggia”, afferma Tarek, un coltivatore di cipolle nel delta del Nilo. Vede intorno a lui che verranno piantate meno cipolle per la prossima stagione. Il grano viene acquistato dal governo a buon prezzo. “Il pane è il nostro cibo principale. E guarda, il deserto è abbastanza grande. Tutto può crescere in questa sabbia gialla, stiamo crescendo sempre di più, verso il deserto”.

READ  "L'influencer americano accoltella un amico" | All'estero

22 milioni di tonnellate di grano

Hany Al Salamony, un esperto di sviluppo socioeconomico al Cairo, afferma che i piani non sono completamente nuovi, ma hanno preso slancio a causa della guerra. “Consumiamo circa 22 milioni di tonnellate di grano all’anno, di cui 12 per la produzione di pane e il resto per pasta, dolci e cose del genere. Produciamo noi stessi dai quattro ai sei milioni di tonnellate di grano e vogliamo provare a portare che a dodici in modo da poter essere almeno autosufficienti nella nostra produzione di pane”, dice Al Salamony. “Non sembra che la guerra sia finita presto. Dobbiamo essere in grado di prenderci cura di noi stessi. Ci proviamo tutti i nuovi tipi di grano in questo momento per ottimizzare la nostra produzione.

La domanda è se questo sia realistico. Molti egiziani stanno ignorando le preoccupazioni per la carenza d’acqua per l’occasione, poiché la guerra in Ucraina significa che ora ci sono altre priorità.

I prezzi del pane sono motivo di protesta

Mentre quasi tutto sta diventando più costoso, il pane a prezzi accessibili è sul tavolo in Egitto in questo momento. Questo non è solo rassicurante per il fornaio e i suoi clienti, ma anche per il governo. Perché non appena il prezzo del pane sale, gli egiziani si agitano e questo può portare rapidamente a proteste. Questa è l’ultima cosa che il governo egiziano si aspetta. È quindi di grande importanza per il governo del presidente Abdel Fattah al Sisi che le scorte di cereali siano garantite grazie alla propria produzione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *