L’esercizio con le ossa rotte non è raro;  più di otto tonnellate in compenso per gli atleti di palestra

L’esercizio con le ossa rotte non è raro; più di otto tonnellate in compenso per gli atleti di palestra

Praticare Ginnastica

I NOSTRI Sport

Perdere una quantità assurda di chili in pochi giorni, dover salire sulla bilancia più volte al giorno, avere problemi di alimentazione, non osare mangiare in presenza di allenatori, essere chiamati maiali grassi e continuare ad allenarsi con vesciche di sangue, ossa rotte e i lividi non erano rari.

Tanti esempi che gli (ex) atleti di palestra hanno presentato l’anno scorso alla commissione indipendente che doveva valutare se avessero diritto a un risarcimento di 5.000 euro a causa del comportamento trasgressivo dei loro supervisori.

“Salto verso il riconoscimento”

“La paura di avere un corpo adulto era prevalente tra molte atlete di ginnastica”, si legge rapporto finale “The Leap to Recognition” che è stato rilasciato lunedì dall’associazione di ginnastica KNGU.

Il Central Complaint Management Bureau (CBKZ), che ha implementato il programma, ha ricevuto non meno di 171 domande da tutti i tipi di discipline dell’associazione di ginnastica. Di questi, 166 sono stati premiati. In totale, questa associazione di ginnastica KNGU e il dipartimento della VWS sono costati più di ottocentomila euro. Due richieste sono state ritirate, due richieste sono state dichiarate irricevibili e una richiesta è stata respinta.

“Abbiamo dovuto utilizzare la nostra posizione di riserva”, afferma il direttore generale Remco Boer dell’associazione di ginnastica delle regole del regime. Il numero di domande accettate ha superato le aspettative. “Dopo un calcolo precedente, abbiamo ipotizzato circa 100 domande. Il fatto che ce ne fossero molte di più evidenzia anche la gravità e l’entità del problema”.

Il mondo della ginnastica è esploso nell’estate del 2020 quando l’allenatore di ginnastica Gerrit Beltman ha ammesso pubblicamente di aver abusato di giovani ginnaste in passato. Le indagini seguite alle sue dichiarazioni hanno portato lo scorso anno alla creazione di un sistema di risarcimento delle vittime.

Lo schema di compensazione è stato istituito nel marzo 2022 ed è stato adeguato un mese dopo dopo molte critiche da parte di vari ex ginnasti. Il dispositivo era destinato agli (ex) atleti di palestra che si sono confrontati con comportamenti trasgressivi ai massimi livelli durante la loro carriera sportiva. Una serie di soglie, come il requisito di frequenza di formazione di trenta ore originariamente richiesto, sono state infine rimosse.

Probabile

Gli atleti di palestra che hanno avuto a che fare con comportamenti emotivi, fisici e/o sessualmente trasgressivi potrebbero fare appello al dispositivo. Sulla base della domanda, dei materiali inviati e di eventuali discussioni, il comitato ha valutato se il comportamento trasgressivo si è verificato molto probabilmente. Se il comitato riteneva plausibile la storia dell’atleta, l’atleta veniva rimborsato. Il Consiglio centrale di gestione dei reclami (CBKZ) ha implementato il programma lo scorso anno.

READ  Nikita Mazepin difende Schumacher: "Poche persone guidano meglio a causa delle critiche"
Direttore generale Remco Boer della KNGU Gymnastics Association

“Ci rendiamo conto che non possiamo compensare completamente le sofferenze e i danni, ma il programma ha lo scopo di aiutare a fornire un risarcimento agli atleti”, ha detto Boer. “Abbiamo anche un processo di cura in cui cerchiamo di aiutare il recupero. Siamo anche impegnati con il lato preventivo negli sport indoor. Facciamo di tutto per ridurre al minimo il rischio di eccesso. La nostra influenza è troppo limitata per poter dire che noi può eliminarlo completamente.”

Sangue

Secondo il comitato, le storie sull’allenamento della punizione (forza) erano scioccanti. Gli atleti sono stati costretti a salire le corde più volte usando solo pesi per braccia e caviglie, senza fermarsi finché il sangue non era sulla corda. “Questo è già successo a ragazze di circa sette anni”, ha affermato il comitato di ricerca nel rapporto.

“Colpisce che dieci anni dopo il comportamento trasgressivo, gli atleti di palestra stiano ancora affrontando gravi conseguenze (psicologiche)”.

Estratto dalla relazione della commissione d’inchiesta

Le conseguenze del comportamento trasgressivo sono enormi, ritiene il comitato. “Colpisce che dieci anni dopo il comportamento trasgressivo, gli atleti di palestra stiano ancora affrontando gravi conseguenze (psicologiche)”.

Consiglio

Dopo molte discussioni, la commissione precisa che i comportamenti trasgressivi potrebbero manifestarsi più facilmente perché la supervisione durante la formazione è stata carente e continua a mancare regolarmente. Agli occhi del comitato, la formazione e i tirocini devono essere pubblici. Se questo non è voluto, forse le telecamere nei corridoi potrebbero essere una soluzione. Tuttavia, la legge sulla privacy rende tale modalità quasi impossibile.

Il comitato ritiene che l’attenzione dovrebbe spostarsi dalle prestazioni dell’allenatore al benessere dell’atleta. “I risultati degli atleti non sono stati visti come le prestazioni degli atleti stessi, ma come le prestazioni dell’allenatore. L’impulso dell’allenatore a guadagnare prestigio con questo era così grande che il benessere degli atleti è stato trascurato. L’equilibrio è sconvolto quando l’allenatore è visto come un vincitore e gli atleti ‘solo’ come un prodotto”.

READ  L'AZ non ha problemi con il Fortuna e si avvicina di due punti alla capolista Feyenoord | Calcio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *