Medici senza frontiere: le misure coercitive di Israele mettono a rischio la salute dei residenti di Masafer Yatta

Medici senza frontiere: le misure coercitive di Israele mettono a rischio la salute dei residenti di Masafer Yatta

I palestinesi dentro e intorno a Masafer Yatta, nel sud della Cisgiordania, vivono nella costante paura dello sfratto, della demolizione delle loro case e delle restrizioni alla loro libertà di movimento. In un nuovo rapporto, Medici Senza Frontiere (MSF) fa luce sulla straordinaria pressione esercitata dalle autorità israeliane affinché le comunità locali lascino l’area e sul suo impatto sulla salute fisica e mentale delle persone.

“Se perdo la mia terra, perdo la mia vita”, ha detto a Masafer Yatta un residente del villaggio di Al-Majaz, riassumendo in una frase la posta in gioco per le comunità colpite.

La gente di Masafer Yatta non vive solo con la costante minaccia di essere sfrattata dalle proprie case, ma anche con quella della violenza. “I soldati entrano nei villaggi di notte, impongono il coprifuoco e altre restrizioni di movimento, conducono l’addestramento militare vicino alle aree residenziali, sequestrano veicoli e demoliscono caseha affermato David Cantero Pérez, project manager di MSF nei territori palestinesi occupati. “Rendono la vita insopportabile per gli abitanti.”

Foto: Juan Carlos Tomasi/MSF

Sempre più difficile l’accesso alle cure

Dal maggio 2022 si sono moltiplicate le misure prese dalle autorità israeliane, dopo che la Corte Suprema israeliana ha rimosso tutti gli ostacoli legali allo sfollamento forzato dei palestinesi da Masafer Yatta, per far posto a una zona militare. È quindi molto più difficile per i residenti accedere ai servizi di base, comprese le cure mediche.

Il rapporto di MSF mostra che ai pazienti viene regolarmente negato l’ingresso nei villaggi in cui MSF fornisce servizi medici se le loro carte d’identità indicano che provengono da un altro villaggio. In altri casi, le ambulanze che tentano di raggiungere Masafer Yatta subiscono ritardi o addirittura vengono bloccate e i residenti che tentano di raggiungere gli ospedali vengono fermati ai posti di blocco e subiscono lunghi ritardi.

Foto: Juan Carlos Tomasi/MSF

Di conseguenza, molti residenti riferiscono che l’accesso precario alle cure mediche a Masafer Yatta ha costretto le persone vulnerabili dal punto di vista medico – comprese le donne incinte nell’ultimo trimestre, gli anziani con malattie croniche e quelle con malattie gravi – a lasciare la propria casa e la propria famiglia per vivere. nella vicina città di Yatta per vivere.

READ  Ondata di caldo in arrivo: si attiva la fase di allerta del piano ozono e riscaldamento

A causa delle misure coercitive, i residenti vivono nella costante paura per la propria incolumità ei genitori si sentono impotenti a proteggere i propri figli. Un genitore ha riferito che suo figlio è stato svegliato di notte da un soldato armato e da un cane che entrava nella sua stanza. Altri genitori hanno descritto i loro sentimenti di disperazione e impotenza quando i loro figli sono tornati a casa da scuola e hanno scoperto che la casa di famiglia era stata demolita.

Un pesante tributo alla salute mentale

Vivere in condizioni così difficili mette a dura prova la salute mentale delle persone, afferma MSF, le cui équipe mobili forniscono assistenza medica, compresa l’assistenza sanitaria mentale, ai residenti di Masafer Yatta dal 2021. aumento della domanda di assistenza per la salute mentale. tra i residenti vittime di furti e atti vandalici. A seguito di questi incidenti, più della metà dei pazienti di MSF ha riportato sintomi psicosomatici entro il 2022; un quarto dei pazienti presentava sintomi post-traumatici; e due terzi hanno descritto sintomi depressivi.

Foto: Juan Carlos Tomasi/MSF

“Nell’ultimo anno, abbiamo visto in prima persona l’impatto dell’ambiente sempre più esigente sulla salute fisica e mentale dei residenti di Masafer Yatta”, ha affermato Cantero Pérez. “In qualità di organizzazione medica umanitaria, condanniamo le politiche israeliane e chiediamo alle autorità israeliane di fermare immediatamente il piano di espulsione e di cessare l’attuazione di misure che limitano l’accesso ai servizi di base, compresa l’assistenza sanitaria e medica, per i palestinesi di Masafer Yatta. Questa inutile sofferenza deve finire.

READ  Test psicologico di intelligenze multiple

Infine, MSF chiede alla comunità internazionale di adottare le misure urgenti e necessarie per proteggere gli abitanti di Masafer Yatta e garantire il rispetto dei loro diritti umani.

Foto: Juan Carlos Tomasi/MSF

MSF fornisce assistenza medica e di salute mentale ai residenti di Masafer Yatta attraverso cliniche mobili dal 2021 e dal 1996 assistenza di salute mentale nel governatorato di Hebron, che comprende Masafer Yatta. Durante questo periodo, MSF ha assistito alle politiche coercitive di Israele in tutti gli aspetti della vita quotidiana dei residenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *