L’ex corridore Tom Danielson (45) deve amputare un dito nella lotta contro il cancro

Domenica 21 maggio 2023 alle 9:39

Come ciclista, Tom Danielson ha combattuto molti duelli in bicicletta, ma il 45enne ex professionista sta ora combattendo la battaglia più dura della sua vita: contro il cancro. L’americano ha dovuto farsi amputare il dito medio sinistro nella sua lotta. Lo stesso Danielson lo ha annunciato tramite i social.

Danielson ha ricevuto una notizia terribile non molto tempo fa: è stato scoperto un tumore alla mano dell’ex pilota. Questo mese, Danielson è andato sotto i ferri, amputato il dito medio e la nocca. Ha dovuto riprendersi per circa due mesi da questa importante operazione.

Il mignolo, l’anulare e l’indice sono stati quindi uniti. “Queste dita ora possono assumere le funzioni del mio dito medio mancante. In realtà è piuttosto bello”, Danielson può ancora ridere. “Sono per lo più felice che tutto sia andato bene. Sono ancora stanco e soffro molto.

Danielson ora può tornare a pedalare. “Ma per ora solo sui rulli. Non mi è permesso usare la mano per niente in questo momento. Non posso ancora frenare, la mia mano ha bisogno di tempo per guarire. Questi sono ovviamente giorni difficili, ma sono molto combattivo. Voglio ringraziare tutti per il supporto”, ha detto via Twitter.

Danielson è stato un ciclista professionista dal 2004 al 2015. Lo scalatore ha iniziato la sua carriera con Fasso Bortolo, poi ha corso per Discovery Channel (2005-2007) e Team Garmin (2008-2015). Danielson era conosciuto come un ottimo scalatore e si è piazzato nella top 10 della Vuelta a España e del Tour de France durante la sua carriera. Il suo record include anche vittorie assolute nel Tour of Utah (2014 e 2015), nel Tour of Austria (2006) e nel Tour of Langkawi (2003).

READ  Hamelin Prog: Zapata in lacrime dopo la doppietta - Messaggio a Gasperini

Tuttavia, Danielson non ha una condotta impeccabile. Nel 2012 si è scoperto che aveva fatto ricorso al doping sanguigno negli anni 2005 e 2006. Danielson è stato quindi sospeso per sei mesi. Nel marzo 2013 è tornato in gruppo, ma due anni dopo ha nuovamente incontrato la lampada antidoping. Il suo contratto con il team Cannondale-Garmin non è stato quindi rinnovato e Danielson è scomparso dalla porta di servizio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *