L’ex leader sudcoreano abbandona i cani di Kim Jong-un |  All’estero

L’ex leader sudcoreano abbandona i cani di Kim Jong-un | All’estero

L’ex presidente sudcoreano Moon Jae-in ha rinunciato a due cani che ha ricevuto in dono dal leader nordcoreano Kim Jong-un, secondo quanto riportato dall’agenzia di stampa sudcoreana Yonhap. Gli amici a quattro zampe sono tornati nello stato sudcoreano perché Moon non avrebbe ricevuto alcun aiuto per le cure.

I cani da caccia di razza pungsan nordcoreani sono stati dati a Moon nel 2018 in segno di amicizia. Le relazioni tra i paesi si sono notevolmente raffreddate. La tensione è stata alta negli ultimi mesi, con un aumento dell’attività militare sia nel nord che nel sud.

Il maschio Songkang e la femmina Gomi avevano circa 1 anno quando hanno attraversato il confine. Hanno avuto sette cuccioli sotto il presidente Moon. La coppia e un cucciolo sono rimasti con Moon dopo il cambio di presidente a maggio di quest’anno, anche se gli amici a quattro zampe sono di proprietà dello Stato. Il cane più giovane vive ancora con Moon, secondo Yonhap.

affare di cani

I media locali riferiscono che al cambio del presidente, è stato raggiunto un accordo sui cani, composto da 2,5 milioni di won (oltre $ 1.800) al mese per le cure. Secondo l’ufficio di Moon, l’accordo non viene eseguito per ragioni “inspiegabili”. L’ufficio presidenziale segnala che sono in corso consultazioni con i ministeri interessati.

Songkang e Gomi non sono stati i primi cani che la Corea del Nord ha dato alla Corea del Sud. Kim Jong-il, il padre dell’attuale leader nordcoreano, ha regalato due cani pungsan al presidente sudcoreano Kim Dae-jung nel 2000. Questo è successo dopo il primo vertice con i leader dei due paesi.

READ  Yemen, condanna dell'Onu dopo i raid sauditi al centro di detenzione. Ong: "Siamo inorriditi" - Corriere.it

Guarda i nostri video di notizie nella playlist qui sotto:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *