L’Italia rifiuta i migranti soccorsi in mare: “È estremamente doloroso”

L’Italia rifiuta i migranti soccorsi in mare: “È estremamente doloroso”

Si tratta di diverse navi di organizzazioni umanitarie che hanno a bordo circa mille migranti. Galleggiano senza meta in mare o aspettano in un porto, mentre i paesi europei per lo più puntano il dito.

Lo scorso fine settimana, l’Italia ha attraccato nel porto di Catania in Sicilia la nave Humanity 1 della ONG tedesca SOS Humanity. 145 dei 179 migranti a bordo sono stati autorizzati a sbarcare, i restanti 35 migranti “sani” sono stati rifiutati.

“Respingimento illegale”

Questo fa arrabbiare il capitano della nave. Non voleva lasciare il porto e ha sottolineato la legge marittima che impone di portare in salvo tutte le persone soccorse in mare. Perché l’Italia rifiuta, secondo SOS Humanité c’è un “refoulement illegale”, ovvero il “refoulement” illegale di migranti alle frontiere esterne europee senza sentire la loro storia.

“Il capitano ha assolutamente ragione”, afferma Carolus Grütters, ricercatrice di diritto dell’immigrazione alla Radboud University. “Queste navi sono lì per salvare le persone che stanno annegando, e lo fanno. Le imbarchi e poi le porti a terra nel porto più vicino. Non ci sono basi legali per rifiutare queste persone”.

L’Italia punta ad altri paesi

Il governo di estrema destra di Meloni, giurato come primo ministro italiano il 22 ottobre, vede le cose diversamente. Sostiene che i migranti che vengono salvati da navi di ONG sotto bandiera di un altro paese dovrebbero essere accolti da quei paesi. In questo caso, sono la Germania (Humanité 1) e la Norvegia, con le navi Ocean Viking e Geo Barents delle organizzazioni umanitarie SOS Méditerranée e Médecins sans frontières, anch’esse rifiutate.

Ma la bandiera sotto la quale naviga una nave è del tutto irrilevante in questo caso, secondo Grütters. “È, per così dire, rilevante quanto il colore della barba del capitano. È legale per legge che riceviamo queste persone nel paese più vicino, che sia Spagna, Grecia o Italia: ora le navi rimangono infinite per la costa, mentre l’emergenza umanitaria non fa che peggiorare. È estremamente angosciante.

READ  “Ho deciso di lasciare più spesso a casa Mister Nice Guy”

Politica sui simboli

Negare questo gruppo di migranti in barca provoca una tempesta mediatica in Italia. Sono diventati il ​​centro di una discussione accesa e polarizzante che va avanti da molto più tempo: come il Paese dovrebbe trattare i rifugiati che vogliono raggiungere l’Europa.

E il nuovo governo italiano Meloni si sta affermando, secondo il corrispondente italiano Anouk Boone. “Meloni ha sempre avuto una linea chiara e dura sulle migrazioni. Questo è un segnale per i suoi sostenitori, il che significa che ora siamo al comando in Italia e difendiamo i confini del nostro Paese”.

Secondo lei, lasciare questo gruppo di persone che galleggiano in mare è una politica in gran parte simbolica. “È solo una piccola parte delle persone che cercano di raggiungere l’Italia. La stragrande maggioranza delle barche di migranti viene soccorsa dalla guardia costiera italiana. Ma il governo Meloni vuole alzare la voce a Bruxelles e farlo sapere: non è solo un Problema italiano, ma problema europeo”.

Rifiuto dei richiedenti asilo

Così facendo, il governo italiano sta ignorando i trattati internazionali, come la Convenzione sui rifugiati. Ciò stabilisce che i rifugiati e i richiedenti asilo non possono essere rimandati in un paese in cui sono in pericolo. Inoltre, c’è il cosiddetto Regolamento Dublino, che stabilisce che il paese dell’UE in cui un rifugiato entra è anche responsabile della registrazione e dell’elaborazione della domanda di asilo.

Ma dalla crisi migratoria del 2015, “Dublino” ha causato grande insoddisfazione nei paesi di arrivo come l’Italia e la Grecia. Scoprono che stanno lottando con la maggior parte dei problemi. Certamente perché quest’altro accordo europeo, l’equa distribuzione dei migranti nell’UE, è andato a vuoto. Ungheria, Polonia e Repubblica Ceca, ad esempio, rifiutano di accettare richiedenti asilo. Il primo ministro ungherese Viktor Orbán ha scritto domenica: su Twitter che dobbiamo essere “estremamente grati” al governo Meloni per aver “protetto i confini dell’Europa”.

READ  ULTIMI GIORNI per VEDERE la COMET SUPERSTAR, poi scomparirà per quasi 7000 anni! Ecco come fare, VIDEO »ILMETEO.it

“Vedi che una generazione di politici si è alzata e ha detto: se non ci soddisfa, non ci atterremo alle regole concordate”, afferma Grütters, esperto di diritto dell’immigrazione e dell’asilo. “Questo si estende anche ad altri paesi. Guarda i Paesi Bassi, dove anche il governo non rispetta il diritto di asilo impedendo, tra l’altro, il ricongiungimento familiare. Inoltre, qui le infrastrutture di accoglienza per i rifugiati sono in gran parte smantellate. Ovvero altamente discutibile in uno stato di diritto”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *