LG viene fornito con TV wireless, tranne il cavo di alimentazione

LG viene fornito con TV wireless, tranne il cavo di alimentazione

Al Consumer Electronics Show, in genere vediamo due tipi di TV: il tipo che molte persone (possono) acquistare e il tipo che è tecnologicamente impressionante, ma inaccessibile a molti. Quest’ultimo non è quindi meno interessante, perché è qui che troviamo la maggiore innovazione. Ciò vale anche per la nuova serie Signature OLED M di LG, che chiama TV “wireless”. No, non è alimentato ad aria tramite una bobina di teslas; va solo con un cordoncino. Tuttavia, non ha porte. Colleghi tutte le tue sorgenti a un box separato, lo Zero Connect Box, che è quindi connesso in modalità wireless alla TV.

Perché lo svilupperesti? Perché puoi posizionare o appendere la TV in un modo migliore senza dover affrontare un groviglio di cavi che deve essere eliminato. Il concorrente Samsung risolve questo problema con la sua scatola OneConnect e un singolo cavo sottile, che nella pratica è un’opzione molto più semplice. Ciò che LG ha escogitato ora sembra piuttosto complicato, ma ciò non rende il concetto meno interessante.

La scatola di connessione zero

Durante una sessione privata in una stanza d’albergo da qualche parte al 60° piano di un hotel di Las Vegas, abbiamo potuto osservare da vicino l’OLED M e porre domande agli esperti LG. Sfortunatamente, a volte era difficile trovare risposte e dettagli tecnici. Tuttavia, siamo stati in grado di scoprire alcune cose su come funziona il tutto.

Per cominciare, LG afferma di aver sviluppato la tecnologia stessa. Possiamo interpretare questa affermazione in diversi modi. Potrebbe essere qualcosa di LG da zero costruito, incluso tutto l’hardware, le antenne e lo stack software completo. È anche possibile che il produttore abbia ampliato uno standard esistente e apportato modifiche. Ad esempio, c’è il Specifica 802.11ayche supporta fino a 40 Gbit per flusso e potrebbe benissimo fungere da base.

READ  Milan-Inter: ci prova Ibrahimovic, Lukaku ci riesce

Ad ogni modo, ciò che ha colpito particolarmente è stata la stabilità del sistema. Una volta ho indossato un paio di occhiali wireless HTC Vive VR forniti con immagini tramite WiGig e non appena qualcuno ha aperto il linea di vista trafitto tra gli occhiali e il trasmettitore WiGig mentre passava, l’immagine iniziò a sbiadire. Non è affatto il caso dell’OLED M. Ho provato molto a interrompere il segnale schermando la scatola con il mio corpo, ma non ha funzionato con l’immagine sulla TV. Secondo un esperto LG, il sistema stesso cerca il miglior “percorso” attraverso lo spazio, anche se non siamo sicuri di cosa significhi esattamente sotto il cofano.

È stato anche detto che la frequenza utilizzata è quella non utilizzata da altri dispositivi della casa, ma non sappiamo quale sia esattamente. Data l’elevata larghezza di banda richiesta, questa sarà probabilmente da qualche parte nella regione dei 60 GHz, proprio come con WiGig.

LG afferma che Zero Connect Box ha una portata di non meno di dieci metri. Durante le dimostrazioni a cui abbiamo assistito, si è fermato a circa tre metri di distanza. È un ragazzo grande e personalmente preferirei nasconderlo in un armadio, ma LG lo sconsiglia. È stato detto scherzosamente che puoi mettere una pianta davanti, ma comunque è una cosa sorprendente. Inoltre, non è consigliabile nasconderlo da qualche parte dietro la TV. Sopra la scatola c’è un giradischi che funge da antenna e dovrebbe puntare sempre verso la TV.

Sul retro della scatola troverai tutte le connessioni che ti aspetti: tre volte HDMI 2.1, coassiale per il sintonizzatore, S/PDIF, USB ed Ethernet. C’è anche il supporto per FreeSync, G-Sync, VRR e QMS, quindi la connessione wireless non sembra influire sulle varie funzionalità di HDMI 2.1. Ad eccezione del frame rate massimo a 4k, che ha un limite di 120 invece di 144Hz.

READ  Mostra di grandi pianeti nel cielo, gli astrofili scattano foto

La domanda principale con cui siamo entrati nella sessione era semplice: viene utilizzata la compressione e influisce sulla qualità dell’immagine o del suono? Abbiamo una risposta approssimativa a questa domanda, ma non del tutto. L’esperto LG ci ha rassicurato che la qualità non risente del segnale wireless e che ci si può aspettare la stessa qualità di un televisore LG che funziona solo con un cavo. Tuttavia, non abbiamo ottenuto una conferma definitiva che non vi sia alcuna compressione. A proposito, la TV sembrava fantastica a prima vista, quindi se c’è una compressione con perdita, non era affatto evidente. Non siamo stati inoltre in grado di ottenere risposte specifiche sulla possibile latenza, sebbene sia indubbiamente presente. Quanto sia evidente questo dovrà essere visto nella pratica.

A proposito, l’OLED M non ha lo stesso pannello del nuovo OLED G3. È dotato di un array di micro-lenti e quindi ha una luminosità notevolmente superiore. Tuttavia, la serie M, come gli altri nuovi modelli, funziona con l’edizione 2023 di webOS.

Signature OLED M è una grande tecnologia? Senza dubbio. Sembra una soluzione eccessivamente complicata? Anche quello. Alla fine, devi ancora nascondere un cavo di alimentazione, quindi se appendi la TV, hai ancora bisogno di un passacavi. Inoltre, ottieni una scatola nera a cui devi dare un posto da qualche parte. Tuttavia, non vediamo l’ora di mettere alla prova l’OLED M nel nostro laboratorio di prova. Sarà nella seconda metà di quest’anno quando uscirà nelle taglie 77″, 83″ e 97″.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *