“L’indagine tedesca sul sabotaggio del Nord Stream si concentra su Polonia e Ucraina”

“L’indagine tedesca sul sabotaggio del Nord Stream si concentra su Polonia e Ucraina”

Il gas gorgoglia nel punto in cui è esploso uno dei tubi, foto settembre 2022

Notizie ONS

La giustizia tedesca sta indagando sulla possibilità che la Polonia sia stata utilizzata come base durante l’attacco dello scorso settembre ai gasdotti Nord Stream 1 e 2, scrive il Wall Street Journal (WSJ). Il governo polacco non sarebbe stato informato.

Secondo il quotidiano, l’inchiesta tedesca si sta concentrando anche su un possibile coinvolgimento dell’Ucraina nell’azione di sabotaggio. Prima delle esplosioni, gli Stati Uniti sono stati avvertiti che l’esercito ucraino stava progettando di far saltare in aria gli oleodotti, ha rivelato il Washington Post questa settimana.

“Mostra le prove”

Il presidente Zelensky ha ripetuto dopo questa pubblicazione che l’Ucraina non ha nulla a che fare con l’attacco. “Vorrei vedere le prove di coloro che affermano il contrario”, ha detto al quotidiano tedesco Bild.

Anche il governo polacco nega qualsiasi coinvolgimento nell’azione di sabotaggio. “Non posso escludere che in questo caso sia coinvolta una società polacca o qualcosa di simile”, ha detto al WSJ un alto funzionario polacco. Un altro funzionario afferma che si tratta di propaganda russa con l’obiettivo di creare divisioni all’interno della NATO.

In generale, molte cose non sono ancora chiare sull’attacco. L’unica cosa certa è che era intenzionale. Poco dopo le esplosioni, la Russia è stata rapidamente nominata responsabile, ma più di tre quarti di un anno dopo, secondo i media statunitensi, non ci sono prove del coinvolgimento russo.

Ricostruzione Torre di Andromeda

Il team di ricerca tedesco ha ora ricostruito il viaggio di due settimane del veliero Andromeda. Il viaggio è iniziato in Germania, ma per motivi poco chiari la nave ha deviato la rotta ed è finita nelle acque polacche, spiega il WSJ. La squadra investigativa cerca di scoprire perché.

Altre scoperte suggeriscono, scrive il quotidiano americano, che la Polonia fosse una base per i presunti sabotatori. Secondo quanto riferito, anche le telecamere di sicurezza nel porto di partenza tedesco hanno catturato filmati di un furgone bianco con targa polacca. Questo veicolo potrebbe essere stato utilizzato per rifornire la presunta squadra di sabotaggio.

corrispondono al DNA

I ricercatori tedeschi vogliono anche sapere perché l’Andromeda è stata affittata tramite un’agenzia di viaggi a Varsavia, che fa parte di un gruppo imprenditoriale ucraino. È in corso anche un tentativo di collegare il DNA trovato nella nave a un soldato ucraino ritenuto coinvolto nell’azione.

Quindi questa settimana è diventato chiaro che prima la CIA, poi la Casa Bianca, avevano avvertito in anticipo di un imminente attacco al Nord Stream. Un servizio di sicurezza europeo, di cui non sappiamo di quale Paese si tratti, aveva informato gli americani di un piano ucraino per sabotare l’importante gasdotto tra Russia e Ue.

I dettagli corrispondono

Questo rapporto è stato ottenuto dal Washington Post attraverso il cosiddetto Pentagon leak uscito ad aprile. Non è stata presentata alcuna prova tangibile che l’Ucraina abbia effettivamente attuato un tale piano. Ma una serie di dettagli del piano, secondo il giornale, corrispondono a ciò che i ricercatori affermano sia realmente accaduto. Come lo schieramento di una squadra di esattamente sei sommozzatori e il noleggio di una barca a vela.

READ  Lo zoo di Anversa rifiuta l'accesso a una donna: "Continua a cercare il contatto, non è salutare per lo scimpanzé"

Secondo i piani trapelati, la squadra di sommozzatori ha ricevuto gli ordini dal comandante in capo delle forze armate ucraine, Valery Zaluzhny. Questo approccio consentirebbe al presidente Zelensky di negare qualsiasi coinvolgimento nell’attacco. Alla fine, l’operazione pianificata è stata sospesa per motivi poco chiari, riporta il quotidiano americano.

Anche gli Stati Uniti hanno accusato

Gli Stati Uniti non hanno risposto a domande sostanziali sui recenti sviluppi della questione. A febbraio, lo stesso governo statunitense è stato ritenuto responsabile dell’attacco al Nord Stream da parte del giornalista investigativo Seymour Hersh. Ha fatto affidamento su una sola fonte anonima e i fact checker hanno trovato errori sostanziali nel suo articolo. La Casa Bianca ha respinto l’accusa come un’invenzione.

Secondo il WSJ, l’indagine polacca sulle esplosioni del Nord Stream ha prodotto pochi risultati concreti. “Politicamente parlando, tutte le opzioni sono ancora in fase di esplorazione”, ha detto un funzionario.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *