Un dipinto rubato in Italia nel 1959 torna all’asta a Middelburg

Un dipinto rubato in Italia nel 1959 torna all’asta a Middelburg

Grazie all’occhio acuto di un impiegato museale italiano, un furto di quadri di oltre sessant’anni è stato risolto a un’asta d’arte a Middelburg.

All’asta della scorsa primavera è stata offerta un’opera trafugata nel 1959 dal Museo Civico Ala Ponzone di Cremona, Italia. Un impiegato del museo ha riconosciuto il cartello e ha chiamato la polizia. La squadra criminale artistico della polizia nazionale si è occupata del caso. L’opera risale all’Italia.

Per più di sessant’anni, la speciale opera d’arte italiana di 500 anni è scomparsa. Fino a quando il quadro rubato di Galeazzo Campi finì improvvisamente all’asta in Zelanda. Per la gioia del Museo Civico Ala Ponzone di Cremona, Italia.

Sorpresa

Durante un furto d’arte nel famoso museo cittadino italiano nel 1959, l’opera del pittore rinascimentale italiano fu catturata. Questa primavera, un impiegato del museo ha visto con sua sorpresa che era stato offerto da una casa d’aste a Middelburg.

“L’uomo ha immediatamente chiamato i Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale, la squadra artistica della polizia italiana. E questi agenti di polizia ci hanno denunciato di nuovo”, dice Richard Bronswijk della squadra Art Crime della National Police Unit. casa d’aste Korendijk come numero 118. L’esperto d’arte della polizia di Rotterdam Tinus si è rivolto alla casa d’aste per scoprire chi aveva contribuito all’opera rubata.

Il testo continua sotto la foto.

Bronswijk: “L’uomo che ha offerto il lavoro ha acquistato il contenuto delle case, ad esempio dopo la morte degli abitanti. Si è scoperto che lo possedeva da un po’ e non sapeva più da dove provenisse. La cosa più importante per noi era che il lavoro fosse trovato. Gli italiani erano davvero contenti.

READ  Kevin Spacey elogia il manager nel primo discorso pubblico da anni

“Il valore emotivo è molto grande”

Il fabbricante Campi visse dal 1475 al 1536. Probabilmente realizzò la tavola all’inizio del XVI secolo. È un’immagine di Dio e si chiama Interno Bénédicte . “L’opera vale circa cinquemila euro, ma per il museo il valore emozionale è particolarmente grande”. Bronswijk probabilmente lo porterà a una conferenza per i suoi colleghi in Italia alla fine di questo mese. “Altrimenti gli italiani verranno a cercarlo qui.”

Non è ancora chiaro chi abbia rubato il lavoro e come sia finito esattamente nei Paesi Bassi. Bronswijk: “Il museo sta ora cercando negli archivi i dettagli del furto”.

Ogni anno nei Paesi Bassi vengono rubate circa un migliaio di opere d’arte. Il team di Bronswijk cerca di recuperarli e indaga anche su opere d’arte rubate per altri paesi. Devono accontentarsi di cinque, al massimo sei investigatori e qualche supporto delle regioni, mentre la sola squadra italiana di furti d’arte ha a disposizione 25 persone per ricercare opere d’arte scomparse online.

A Cremona l’opera si unisce ad altre opere molto più note come quella che medita San Francesco d’Assisi del maestro Caravaggio e L’ortolano di Giuseppe Arcimboldi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *