L’invisibilità del comando dell’esercito russo alimenta la speculazione sull’epurazione

L’invisibilità del comando dell’esercito russo alimenta la speculazione sull’epurazione

È considerato un pilastro del presidente Vladimir Putin, è un leader del partito al governo Russia Unita e, in qualità di ministro della Difesa, ha la responsabilità politica primaria per l’invasione dell’Ucraina. Ma Sergei Shoygu non è apparso in pubblico per due settimane. Lo stesso vale per il suo braccio destro Valeri Gerasimov, in qualità di capo di stato maggiore del più alto comandante delle forze armate russe.

In una Mosca politica piena di voci di epurazioni, la loro invisibilità alimenta la speculazione. Shoigu e Gerasimov sono stati dirottati (o peggio) da Putin, ora che la guerra contro il paese vicino è molto più difficile di quanto promesso?

Leggi anche: L’invasione dell’Ucraina diventa una guerra di logoramento

Giovedì, il Cremlino ha rilasciato una spiegazione per l’apparente assenza di Shoygu. “Il ministro ha molto da fare in questo momento”, ha detto il portavoce Dimitri Peskov. «È in corso un’operazione militare speciale. Ovviamente, questo non è il momento dell’attività mediatica, il che è del tutto comprensibile. Alla domanda se Shoygu soffrisse di problemi di salute, come sito di notizie indipendente agentitvo (Ufficio di presidenza), Peskov rispose: „Non dovresti ascoltare Agentstvo. Chiama il Dipartimento della Difesa.

In un altro tentativo di sedare le voci, giovedì il Cremlino ha fatto una breve apparizione al telegiornale, il ministro Shoygu. Durante un incontro video tra Putin e il suo Consiglio di sicurezza, è apparso all’improvviso in alto a sinistra dello schermo di Putin. Secondo l’agenzia di stampa Interfax, Shoigu ha informato i partecipanti alla riunione sull’andamento della “operazione militare speciale” contro l’Ucraina.

READ  Harrisburg, PA: La lunga attesa per l'annuncio che potrebbe cambiare la storia degli Stati Uniti

Leader di regime

Tuttavia, l’apparizione virtuale del ministro ha portato anche a nuove domande e speculazioni. In una clip di 11 secondi, distribuita dai giornalisti del Cremlino dall’agenzia di stampa statale RIA Novosti, Shoigu siede a una scrivania con bandiere russe dietro di lui. Tuttavia, il ministro non sta parlando e poco prima che appaia, la sua scatola delle immagini è un po’ sfocata, il che potrebbe indicare un montaggio.

Shoigu e il comandante dell’esercito Gerasimov hanno mantenuto le loro posizioni di comando per un decennio, guidando militarmente l’annessione della Crimea da parte di Putin (nel 2014) e l’interferenza in Siria (dal 2015). Da allora, Shoigu è stato spesso menzionato come un possibile successore del presidente e ha regolarmente trascorso le vacanze con lui. Il soldato in carriera Gerasimov ha già combattuto nel 1999 nella prima guerra straniera di Putin, la seconda guerra cecena.

Ora, i due leader del regime non si vedono con il presidente dal 27 febbraio. Quel giorno, il terzo dall’inizio della guerra, Putin li fece sedere a un lungo tavolo da conferenza a pochi metri da lui. Nella riunione televisiva, ha ordinato loro di trasferire la “forza deterrente” russa (parzialmente nucleare) a un regime speciale di maggiore prontezza. Shoigu risponde a questo comando con un breve “al tuo comando”.

La questione se i due siano ancora in carica un mese dopo viene posta anche a Washington. Quando il segretario alla Difesa statunitense Lloyd Austin e il capo dell’esercito Mark Milley hanno tentato di chiamare le loro controparti nell’ultimo mese, nessuno ha risposto più volte, ha detto mercoledì il portavoce del Pentagono, John Kirby. Il Washington PostSecondo il giornale Il ministro degli Esteri Antony Blinken non ha ancora tentato di contattare il suo omologo di Mosca Sergei Lavrov.

READ  Servizi segreti russi: sventato il tentato assassinio di un oligarca da parte di ucraini

Hotline Mosca-Washington

Durante la Guerra Fredda, una linea diretta tra Mosca e Washington si rivelò particolarmente cruciale per disinnescare la crisi missilistica cubana del 1962, utilizzando una “linea diretta” tra il Pentagono e il Cremlino. A differenza dei film di Hollywood, non si trattava mai di telefoni rossi, ma di una telescrivente con cui scambiare brevi messaggi di testo. Negli anni ’80 questa tecnica è stata sostituita dal fax e dal 2008 la posta elettronica viene inviata tramite una connessione internet sicura.

Leggi anche: Questa nuova guerra fredda è ancora meno prevedibile

Una settimana dopo l’inizio della guerra russa in Ucraina, su richiesta americana, è stato aperto anche un cosiddetto “canale di deconflitto”. Attraverso questo canale, il centro di comando europeo americano a Stoccarda può stabilire un contatto diretto con il vertice militare russo al fine di risolvere rapidamente i malintesi militari nella foga del momento. Cresce ora il rischio che i russi effettuino bombardamenti nell’Ucraina occidentale, vicino al territorio degli Stati membri della Nato come Romania e Polonia.

Il contatto rimane in linea di principio possibile tramite l’ambasciata americana a Mosca, che rimarrà aperta per il momento, e l’addetto militare che è di stanza lì, ha detto questa settimana il Pentagono. Allo stesso tempo, gli americani continuano a lottare “per un’interazione più diretta su questioni legate all’Ucraina”, ha affermato giovedì John Sullivan, ambasciatore degli Stati Uniti a Mosca, in un’intervista al quotidiano russo. Novaja Gazeta† “Principalmente con i vertici del ministero della Difesa russo”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *