L’Iraq ordina l’arresto di ex alti funzionari del governo per il “furto del secolo” |  All’estero

L’Iraq ordina l’arresto di ex alti funzionari del governo per il “furto del secolo” | All’estero

Sabato un magistrato iracheno a Baghdad ha emesso mandati di arresto per quattro ex funzionari accusati di aver facilitato il furto di 2,5 miliardi di dollari di fondi pubblici. È uno dei più grandi scandali di corruzione mai registrati nel Paese.

I quattro sospetti sono alti funzionari dell’ex governo, secondo una dichiarazione dell’agenzia anti-corruzione del governo. Secondo un funzionario dell’agenzia, che ha parlato in condizione di anonimato, i quattro uomini, tra cui un ex ministro delle finanze e parenti dell’ex primo ministro Mustafa al-Kadhimi, vivono tutti fuori dal Paese.

Tra settembre 2021 e agosto 2022, almeno 2,5 miliardi di dollari sono stati rubati tramite 247 assegni incassati da cinque società. Il denaro è stato poi prelevato dai conti di queste società in contanti. La maggior parte dei titolari di queste società sono latitanti. I quattro uomini sono accusati di “aver favorito l’appropriazione indebita di somme appartenenti al fisco”, si legge nel comunicato.

Il caso, soprannominato “la rapina del secolo”, ha suscitato indignazione in Iraq, che secondo i critici è afflitto dalla corruzione. L’attuale primo ministro del paese, Mohammed Shia al-Sudani, si è impegnato a combattere la corruzione sin dalla sua nomina alla fine di ottobre dello scorso anno.

READ  Sanzioni minacciano la Russia dopo nuovi attacchi missilistici, più sostegno all'Ucraina | ADESSO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *