Wagner sta rapidamente perdendo terreno in Ucraina per mancanza di munizioni e di uomini

Wagner sta rapidamente perdendo terreno in Ucraina per mancanza di munizioni e di uomini

Il capo mercenario russo Yevgeny Prigozhin sceglie di ritirarsi in Ucraina? Dopo mesi di guerra di trincea, durante i quali lui e il suo gruppo Wagner si sono affermati come il salvatore dell’esercito russo, la sua famigerata formazione mercenaria sembra perdere rapidamente terreno, sia politicamente che militarmente.

La scorsa settimana, l’agenzia di stampa Bloomberg ha scritto, sulla base di fonti anonime, che Prigozhin intende farlo ridurre le attività di Wagner in Ucraina e di spostare lo sguardo sul continente africano. Lì, Wagner è stato attivo per anni nella sicurezza di capi di stato e oggetti strategici, in cambio di lucrose transazioni di merci. Si dice che la svolta degli eventi sia stata in parte causata dalla crescente carenza di manodopera e munizioni in Ucraina.

Il gruppo Wagner fa molto affidamento sull’esercito regolare russo per le sue operazioni militari in Ucraina, ma quel sostegno sembra essere terminato. Da settimane gli uomini di Prigozhin lamentano la carenza di munizioni e chiedono aiuto al ministero della Difesa. “Guardiamo ai nostri colleghi e amici della Difesa. Siamo fiduciosi che le munizioni di cui abbiamo un disperato bisogno possano ancora essere trovate da qualche parte”, ha detto un gruppo di combattenti in un video diffuso a febbraio. Nello stesso mese, lo stesso Prigozhin ha accusato l’esercito russo di “alto tradimento negando deliberatamente munizioni e supporto aereo.

Leggi anche: Chi è il signore della guerra russo Prigozhin che sta diffondendo la paura in Ucraina e in Russia?

C’è anche una carenza di uomini. A partire da settembre, le truppe wagneriane ricevevano regolarmente nuove reclute attraverso il reclutamento dai campi penali russi. Ma in parte a causa dei metodi spietati all’interno di Wagner, solo diecimila dei cinquantamila prigionieri stimati che combattevano per Wagner sarebbero rimasti entro gennaio. “Tutti gli altri sono morti, feriti, dispersi, abbandonati o arresi. Queste sono statistiche che infastidiscono Prigozhin e che non può mostrare a Putin”, ha detto Olga Romanova dell’organizzazione Russia in Prison, che segue da vicino la situazione di Wagner. in un colloquio.

READ  Vaccino, la teoria del microchip sottopelle? Ecco come si arriva alla frenesia di Bill Gates, segreto svelato - Libero Quotidiano

Fine dei contratti

All’inizio di febbraio, Prigozhin ha improvvisamente annunciato che avrebbe smesso di reclutare prigionieri. Sebbene non abbia spiegato questa decisione, è emerso subito che il ministero della Difesa russo si era occupato del reclutamento dei prigionieri. Questo emerge, tra l’altro, dalle testimonianze di ex detenuti russi presi come prigionieri di guerra in Ucraina a febbraio. Alcuni di loro hanno detto alla CNN di essere stati reclutati non da Wagner, ma dall’esercito russo. Inoltre, Wagner minaccia di perdere migliaia di reclute i cui contratti scadono dopo sei mesi.

Prigozhin ha accusato l’esercito russo di “alto tradimento” rifiutando deliberatamente munizioni e supporto aereo

Le battute d’arresto si fanno sentire sul campo di battaglia, dove l’offensiva russa durata mesi attorno a Bachmut, guidata da Wagner, sta perdendo slancio. Il ministero della Difesa britannico ha attribuito la caduta della scorsa settimana al “estremo logoramento” tra le truppe e al disaccordo tra Wagner e l’esercito. L’esercito ucraino ha dichiarato di voler approfittare dell’indebolimento. Che Wagner sia nei guai si evince anche da un articolo pubblicato la scorsa settimana lettera bruciante di Prigozhin al ministro della Difesa russo Sergei Shoiguavvertimento di un attacco ucraino “alla fine di marzo o all’inizio di aprile” inteso “a tagliare fuori Wagner dalle unità russe regolari”.

Leggi anche: In un ufficio scintillante, l’esercito russo privato di Wagner emerge dall’ombra

Invece di aiutare il loro odiato rivale, Shoygu e i suoi alleati potrebbero preferire cogliere l’occasione per eliminarlo. “Finirà male per lui. Perde i punti che ha segnato”, ha detto al giornale il mese scorso un anonimo ufficiale dell’esercito. Financial Times. Secondo l’analista politico Tatyana Stanovaya, Prigozhin è protetto solo dal suo rapporto personale con il presidente Putin. Ma Prigozhin non ha accesso diretto al presidente e si è lamentato la scorsa settimana di una “cospirazione” altrimenti non provata di Putin e del suo capo della sicurezza, Sergei Patrushev, per “neutralizzare” Wagner.

READ  Forte esplosione in un edificio vicino Anversa: tre piani inabitabili, forse legati all'ambiente della droga | All'estero

Focus sull’Africa

Mentre Wagner si impantana sempre più in Ucraina, fonti anonime dicono a Bloomberg che è probabile che Prigozhin si concentri maggiormente sulle attività di Wagner in Africa, dove l’organizzazione è attiva nei conflitti e nella sicurezza, nella Repubblica Centrafricana, in Mali e in Sudan, tra gli altri. altri. Di recente, secondo l’agenzia di stampa, Wagner ha annunciato un turno di servizio di sei mesi in Ucraina, seguito da nove mesi in Africa.

Una bandiera russa sul monumento degli istruttori russi nella capitale Bangui durante una marcia a favore della presenza di Russia e Cina nella Repubblica Centrafricana. Mosca ha inviato nel Paese “istruttori militari” nel 2018, e centinaia di paramilitari wagneriani nel 2020, su richiesta di Bangui, che stava affrontando una rivolta imminente.
Foto Barbara Debout/AFP

È arrivato lettera notevole che il boss mercenario ha inviato la scorsa settimana al segretario di Stato americano Antony Blinken. Ha accusato gli Stati Uniti e altri Paesi di voler condividere “la torta africana” e ha proposto a Blinken un progetto di sicurezza comune “Safe Africa”. “Poiché la maggior parte degli africani ha poca fiducia in Francia e negli Stati Uniti, vi suggerisco di rinunciare alla vostra influenza politica in Africa e di concentrarvi sulla sicurezza che Wagner può fornire”, ha scritto Prigozhin.

Lo stesso duro uomo d’affari ha annunciato venerdì, tramite il suo servizio stampa su Telegram, che non aveva intenzione di porre fine alla lotta in Ucraina. “Non so cosa scrive Bloomberg, a quanto pare sanno meglio di me cosa faremo dopo. Finché il nostro Paese avrà bisogno di noi, continueremo a combattere sul suolo ucraino”, ha scritto. .

READ  Il Papa ora "divide" la Chiesa e prepara il piano per il futuro

Tuttavia, ci sono altri segnali che Prigozhin si stia riorientando. All’inizio di questo mese, ha dichiarato in un videomessaggio che considerava necessario un “ripristino” di Wagner e voleva ridimensionare l’organizzazione. “Wagner ha bisogno di passare da un ‘normale’ esercito privato, che è il migliore al mondo e ha dimostrato di poter proteggere il governo, a un esercito con un’ideologia”, ha detto Prigozhin. Ha descritto questa ideologia come la “lotta per la giustizia”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *