LIVE TMW – Pjanic: “Grazie Juve ma volevo nuovi stimoli. Adesso sono nel club più grande del mondo”

vivere

Oggi è il giorno della presentazione di Miralem Pjanic come nuovo giocatore del Barcellona. Il centrocampista ha già posato con il presidente Josep Maria Bartomeu con la nuova maglia. Il centrocampista ha scelto il numero 8.

Pjanic si è trasferito in Catalogna nell’ambito di uno scambio con Arthur, con il brasiliano finito alla Juventus. Il bosniaco, del valore di 60 milioni, ha firmato un contratto fino al 2024.

Il direttore sportivo del Barcellona Ramon Planes dà il benvenuto a Miralem Pjanic: “E ‘un giocatore che il Barcellona segue da tempo. Ha tutte le qualità per trionfare. È un sogno per lui essere in un club così importante. È un giocatore di qualità, che sa leggere le partite. Può darci molto. Siamo felici. Del suo arrivo. Benvenuto al Barça, sono sicuro che darai molta gioia al club “.

Pjanic parla: “Grazie al club, al presidente, a Eric (Abidal, ndr) che mi ha inviato un grande abbraccio. È un grande orgoglio per me e la mia famiglia essere qui. Lotterò per portare il club dove deve essere e per vincere trofei “.

Pjanic ha lo stile del Barça?: “Giocare qui da rivale era già motivo di orgoglio. Da bambino sognavo di giocare per il Barcellona, ​​ma far parte di questa squadra, di questo club, è straordinario. Sono grato per come ho fatto ha iniziato e continuato la mia carriera. Il club più grande del mondo e questo è un passo molto importante nella mia carriera. Aspiriamo a vincere tutti i trofei e per me è una grande opportunità. Spero di essere utile con la mia esperienza e il mio calcio. “

Arrivederci alla Juventus: “Lasciare la Juve è complicato. Ho lasciato un club incredibile, ma un giocatore deve essere motivato per crescere e trovare nuove sfide. Dopo nove anni in Italia avevo bisogno di trovare nuovi obiettivi e il Barcellona era il mio sogno. . “

READ  La grande bellezza - Forzaroma.info

Barcellona 2-8 contro il Bayern: “Ho visto la partita. Può succedere, ci sono sconfitte molto dolorose. Le sere in cui tutto va storto. Covid non è una scusa. È stato un colpo importante, difficile da accettare, ma è necessario voltare pagina. Dobbiamo pensare a noi. e restare uniti, creare un gruppo forte e sano. Solo così potremo riportare indietro i successi del passato “.

Ramon Planes su Suarez: “Luis è un giocatore importante per il Barcellona, ​​lo è stato negli ultimi anni. Dobbiamo mostrare rispetto per i giocatori che hanno dato tanto al Barcellona. Dopo quello che è successo a fine stagione, abbiamo ha avviato un processo di sostituzione su cui stiamo lavorando. Il mercato chiuderà il 5 ottobre e per allora possono succedere molte cose “.

Pjanic in porta contro il Real Madrid mentre gioca per il Lione: “Certo che me lo ricordo. Era un club importante contro un grande club, un grande piacere. Ero molto giovane. Il Real Madrid è un rivale difficile e lotteremo con loro per tutta la stagione”.

Pjanic sulla possibilità di passare per primo al Barcellona: “Nel calciomercato succedono cose del genere, potevo arrivare prima ma alla fine sono arrivato adesso. Ho giocato per grandi squadre e rispetto i club in cui ho giocato. Ma la carriera è stata importante e oggi lei è al vertice “.

Ramon Planes all’arrivo di un possibile aggressore: “Sono mesi che lavoriamo per migliorare la squadra. Giocare per il Barcellona non è qualcosa per tutti. La ricerca di un centravanti è nota a tutti e viene da lontano, ma non lo è. non subordinato alla partenza di Suarez. Il Barcellona deve sempre aspirare a trattenere il meglio “.

Pjanic è Koeman: “Gli ho parlato due o tre volte. Aspettiamo che si unisca alla rosa, poi vedremo come vuole usarmi. È una stagione lunga e avremo l’opportunità di giocare tutti. Posso giocare in qualsiasi ruolo. in mezzo al campo. “

READ  Fondo Serie A, Dal Pino: "Qualcosa di unico"

Il primo ricordo di Pjanic del Barcellona. Ne hai già discusso con Luis Enrique o Bojan Krkic? “Giocare per il Barcellona è un sogno che avevo da bambino. Il calcio Barca era divertente e dominante, tutti volevano giocare come loro. È la mia memoria. L’importante è continuare a vincere. Con Luis Enrique è stato un passo importante per la mia carriera, ho visto le sue idee molto vicine al gioco del Barça ”.

Come hai vissuto la situazione relativa a Covid?: “È stata una cosa inaspettata, imprevedibile. L’ho preso ma andava bene. Mi stavo allenando a casa ed ero in contatto con gli allenatori sportivi. Avrei preferito essere in campo, ma era necessario rispettare le regole. Ho lavorato molto in questi. giorni e spero di essere pronto per l’inizio della stagione. Sabato giocherò sicuramente una parte della partita. Nel frattempo sto studiando spagnolo per poter comunicare facilmente con i miei compagni di squadra “.

Sul confronto Messi-Totti: “Ho conosciuto Messi solo due giorni fa. Ho avuto la possibilità di giocare con Totti, Buffon, Cristiano Ronaldo. Per me è stato motivo di orgoglio. Cerco sempre di apparire al meglio e sarà un piacere essere in una squadra con uno straniero. Ma va sottolineato che tutta la squadra sarà importante. Credo fermamente nel gruppo per raggiungere gli obiettivi “.

Ramon Planes su Eric Garcia: “Il lavoro di gestione arriva da Lotano e cerchiamo sicuramente qualcuno che ci possa aiutare in difesa. Eric Garcia è un grande giocatore, allenato in casa, che ama il Barça. È un giocatore come gli altri che valutiamo. . costruire una grande squadra, unendo giovinezza ed esperienza. Eric è un profilo adatto “.

READ  SPORTITALIA - Koulibaly-City, 72 ore al termine: con i bonus si ferma a 75 milioni!

Pjanic su Messi e se ha parlato con Suarez del suo possibile arrivo alla Juve: “Non riesco a immaginare Messi con un’altra maglia, pensavo che sarebbe andato tutto bene. La mia volontà era di poter giocare con lui e non avevo dubbi. Su Suarez, non lo so. È un gran marcatore, ma non so il suo futuro e cosa vuole. Se restasse sarebbe bello, se andasse alla Juve, sono sicuro che sarebbe accolto molto bene. Spero di giocare con lui . “

Progetti su Arturo Vidal: “E ‘certo che le trattative sulla sua possibile partenza sono avanzate. Ringrazio Arturo per i suoi due anni di servizio e per quello che ci ha dato. Era un giocatore importante, con l’energia che inoltrato. Non è ancora chiuso. il suo trasferimento e non posso confermare l’accordo. È ovvio che siamo di fronte a un mercato in cui c’è poco movimento e dobbiamo essere sereni e pensare agli obiettivi che ci siamo prefissati “.

Pjanic su come attende il suo adattamento a Barcellona: “Voglio conoscere i miei compagni di squadra, il loro modo di giocare e voglio che mi conoscano. Il centrocampista di Busquets-Iniesta-Xavi è stato qualcosa di straordinario, ma i giocatori che sono qui sono comunque eccellenti. voglio adattarmi il più rapidamente possibile. Imparare la lingua mi aiuterà molto “.

Pjanic sulle possibilità di vincere la Champions League: “Penso che giocare per questo club sia una sfida, una motivazione. È il meglio che puoi fare nella tua carriera. La cosa più importante è vincere titoli, giocare bene e rendere felici i tifosi. Il Barça è più di un club e vedo la squadra capace di raggiungere gli obiettivi. Possiamo vincere qualsiasi cosa. Abbiamo grandi giocatori e possiamo fare grandi cose “.

La conferenza stampa di Miralem Pjanic si conclude qui.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *