In Antartide, due ghiacciai si stanno disgregando

Un recente studio pubblicato sulla rivista scientifica americana Atti della National Academy of Sciences ha scoperto che due enormi ghiacciai trovati nel Mare di Amundsen, nella parte occidentale della calotta glaciale antartica, si stanno gradualmente restringendo e disintegrando a velocità sempre più elevate. Secondo lo studio, i ghiacciai di Pine Island e Thwaites contribuiscono già a circa il 5% dell’innalzamento dell’acqua di mare nel mondo, un fenomeno che ha subito un’accelerazione drammatica negli ultimi anni a causa del riscaldamento globale. Un’ulteriore riduzione del ghiaccio potrebbe avere effetti pericolosi non solo sull’integrità stagionale del resto delle calotte glaciali antartiche, ma anche sulla situazione del livello dell’acqua nel resto del pianeta.

Wikimedia

La calotta glaciale in contrazione in Antartide interessa principalmente la Penisola Antartica, che si estende verso il Sud America, e l’area dell’Antartide occidentale, dove si trovano i due ghiacciai. In queste due zone il ghiaccio si sta sciogliendo più velocemente sia per la temperatura dell’aria, che è più alta del normale, sia perché le acque marine che passano sotto di esse sono più calde del dovuto. essere.

In genere, le calotte polari agiscono come un “tappo”, mantenendo la calotta glaciale e i ghiacciai sulla terraferma dell’Antartide stabile e impedendo loro di scivolare verso il mare. Tuttavia, queste calotte glaciali si sciolgono gradualmente e la calotta glaciale glaciale è quindi privato della sua barriera protettiva naturale. Le immagini satellitari analizzate nello studio hanno evidenziato il distacco di ampie porzioni di ghiaccio e hanno mostrato che molte più porzioni della calotta glaciale rischiano di staccarsi e collassare in mare.

Ciò significa che a causa di riscaldamento globale nei prossimi anni il livello dell’acqua potrebbe salire ulteriormente e con enormi conseguenze, se si ritiene che anche qualche centimetro in più possa creare seri problemi nelle zone dove le coste sono basse e più esposte alle maree .

READ  Il vaccino contro il coronavirus russo non convince gli scienziati

– Leggi anche: L’inverno finisce in Antartide

Isabella Velicogna, professoressa presso l’Università della California ed esperta in glaciologia di innalzamento del mare, Egli ha detto Al Washington Post che l’accelerazione del processo di contrazione dei due ghiacciai in Antartide “non è una buona notizia”.

Lo studio ha rilevato che il processo di riduzione del ghiaccio delle isole di pino è iniziato nel 1999 e ha subito un’accelerazione dal 2016. Gli scienziati hanno calcolato che negli ultimi quattro anni le parti centrale e occidentale del ghiacciaio si sono ridotte. del 30 per cento, da circa 3.900 metri quadrati a circa 2.600: per dare un’idea, è andata perduta una porzione di ghiaccio delle dimensioni della città di Los Angeles.

Secondo gli esperti, tuttavia, la situazione al ghiacciaio Thwaites è ancora più critica. Come avevamo già ipotizzato studio è uscito Scienza infatti, nel 2009, il restringimento del ghiaccio di Thwaites potrebbe causare il collasso di una porzione ancora più grande della calotta antartica, che contiene abbastanza ghiaccio da causare un’elevazione di oltre tre metri.

– Leggi anche: In Groenlandia fa molto più caldo del solito

La notevole riduzione e perdita di ghiaccio in Antartide è stato un fenomeno osservato negli ultimi anni: secondo i dati della World Meteorological Organization, negli ultimi cinquant’anni le temperature medie dell’Antartide sono aumentate di almeno 3 ° Il C e l’87% dei ghiacciai vicino alla costa occidentale si sono ridotti, soprattutto negli ultimi 12 anni. Tra gli altri, nel 2018, esso studio Le pubblicazioni più autorevoli fino ad oggi avevano dimostrato che l’Antartide aveva già perso tre trilioni di tonnellate di ghiaccio entro 25 anni. Inoltre, nel febbraio di quest’anno, è stato registrato per la prima volta in Antartide temperatura superiore a 20 ° C.

READ  LETTERA Il movimento tedesco “anti-corona” e il paradosso della libertà

Se la contrazione della calotta glaciale antartica è aggravata dal fatto che anche i ghiacciai artici non stanno andando bene, la situazione globale sta destando notevole preoccupazione.

Tra il 30 luglio e il 4 agosto, nella parte canadese dell’Oceano Artico, il Vassoio gelato Milne, una piattaforma di ghiaccio grande il doppio della città di Bergamo, mentre il 14 settembre della calotta glaciale più intatta della Groenlandia, la N79 (Nioghalvfjerdsfjorden), si è rotto un pezzo di ghiaccio grande quanto Piacenza. In entrambi i casi, secondo gli esperti del Servizio Geologico di Danimarca e Groenlandia, la “graduale disintegrazione” dei ghiacciai artici è dovuta alle temperature che sono state in queste regioni negli ultimi anni “incredibilmente alto“.

– Leggi anche: Il mondo sottomarino, fotografato

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *