“Lo spingo indietro delicatamente in modo che sia sdraiato sulla schiena sul suo materasso ad aria”

“Lo spingo indietro delicatamente in modo che sia sdraiato sulla schiena sul suo materasso ad aria”

“‘Hai bisogno di aiuto?’ un ragazzo sconosciuto mi chiama. Disperato, sono salito sul tetto del bagno del festival, sperando di individuare le mie amiche. Sono rimaste al concerto della loro band preferita mentre bevevo qualcosa. Ora, quasi due ore dopo, non riuscivo ancora a trovarle loro il mio telefono non ha avuto servizio e ora è vuoto e a causa di tutte le birre non ho idea di dove sia la mia tenda.

“Penso di essermi perso,” sorrido. “Oh, la tua tenda non è sul tetto?” risponde, anche lui con un gran sorriso. Tende le braccia: “Lasciami andare, ti prendo io”. E lo fa, con le sue braccia muscolose. “Io sono te”, disse. «Dalla Frisia. E tu?’ Ha i capelli biondi lunghi fino alle spalle raccolti in una crocchia, occhi azzurri luminosi e un bel sorriso con grandi denti bianchi. Ha perso anche i suoi amici. “Ma so dov’è la mia tenda, grazie al trasmettitore che ho strappato dal collare del mio cane”, ride.

“Vuoi fare un pisolino con me? chiede poi. “Non ti toccherò con un dito se non vuoi.” Lo intende, ne sono sicuro. “Per favore,” dissi, un po’ timidamente. Fortunatamente, mi sono appena rinfrescato, perché non so se voglio solo andare a letto con questa frisona alta e sexy. “Lo senti? chiede allora Jouke, riferendosi alla pioggia e mi afferra la mano. ‘Correre!’ grida. Ridendo e ansimando, dieci minuti dopo arriviamo alla sua tenda. “Sei tutta bagnata,” sussurra mentre mi asciuga con un asciugamano. Le mie guance, il mio collo poi la mia scollatura che brilla sotto la pioggia. Il mio reggiseno di pizzo rosso si intravede attraverso il tessuto bianco bagnato della mia camicia.

READ  King sulla fiducia perduta: "Se le critiche non sono possibili, finirai come Putin"

“Mi dispiace di sembrare così”, disse Jouke. “Ma tu sei bellissima.” La sua bocca si avvicinò sempre di più alla mia finché non mi baciò dolcemente sulle labbra. Lecca e poi mi infila la lingua in bocca. Sento la mano di Jouke sulla mia coscia, verso le mie natiche. Mi tira più vicino con l’altra mano. La pioggia picchietta sulla sua tenda. “Non sdraiarti contro il bordo,” sussurra. “Allora colerà.”

Lo spingo via delicatamente in modo che sia sdraiato sulla schiena sul suo materasso ad aria. “È davvero molto più sicuro se vengo a sedermi su di te,” rido maliziosamente. Jouke si toglie rapidamente i pantaloni e il suo cazzo è già in piedi. Prendo un preservativo dalla borsa e glielo metto con la bocca. Si dimena sotto di me. Nel frattempo gioco con me stesso e inserisco prima due, poi tre dita.

Jouke è ben dotato, devo allungare un po’ le cose. Apro completamente la bocca e faccio scivolare il suo cazzo in profondità nella mia gola. Ciò lo rende ancora più difficile, quindi posso guidarlo correttamente. Ma non ci arriveremo. Jouke inizia a masturbarsi poi emette un sospiro. “Scusa,” disse. “Ma la nostra serata è appena iniziata per quanto mi riguarda…”

Questo ‘Happy End’ proviene da Flair 27-2023. Puoi leggere più di questo tipo di storie in Flair ogni settimana.

Agnese HoffmanImmagini Getty

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *