L’Ucraina orientale annuncia frettolosamente il referendum nella nuova fase della guerra

.

Notizie ONSModificato

  • Paolo Alessandro

    scrittore all’estero

  • Paolo Alessandro

    scrittore all’estero

I piani per un referendum c’erano da tempo, ma ora le truppe ucraine in piedi ai margini della regione di Lugansk, la popolazione può improvvisamente esprimersi a partire da questa settimana sul desiderio di unirsi alla Russia. In Ucraina si tiene conto delle profonde conseguenze di un “sì” – inevitabile -: mobilitazione generale in Russia e nelle aree annesse e nuove minacce nucleari.

Il referendum si terrà dal 23 al 27 settembre, ha annunciato l’amministrazione filorussa della regione di Lugansk. Subito dopo, le altre tre regioni sudorientali di Donetsk, Zaporizhia e Kherson hanno seguito l’esempio con lo stesso annuncio.

Guarda l’annuncio di Kherson qui:

Possibili referendum in varie regioni a breve termine

“Vogliamo che il confine della Federazione Russa passi tra noi e l’Ucraina. Vogliamo far parte di una Russia più grande”, ha detto sul canale filo-russo Telegram. Donbas decide.

Mosca è dietro l’iniziativa. “Se si dichiarano direttamente a favore dell’adesione, li sosteniamo”, ha detto in risposta il presidente della Duma Vyachelav Volodin. E il ministro degli Esteri Lavrov ha sottolineato che si tratta di un’iniziativa locale: “La gente del Donbass vuole avere voce in capitolo nel proprio destino”.

Questo scenario era già stato dispiegato in Crimea nel 2014. Lì, secondo quanto riferito, i residenti si sono espressi a favore dell’adesione alla Russia poco dopo che i russi hanno occupato la penisola ucraina. Dopo di che Mosca ha manifestato la volontà di onorare “l’espressione spontanea della volontà popolare”.

“Per sempre con la Russia”

“Il nostro futuro è insieme alla Russia – per sempre” si legge sui cartelloni pubblicitari nelle regioni di Zaporizhia e Kherson dall’inizio dell’estate. I membri di organizzazioni di volontariato come Young Guards e We Together with Russia sono apparsi per le strade per aiutare con i preparativi per il referendum. I media russi hanno trasmesso il filmato.

READ  Covid, Francia, proroga le chiusure fino alla fine di gennaio. Gran Bretagna e Germania più di mille morti in 24 ore. Numero di vittime negli Stati Uniti

“Era propaganda, mirata al fronte interno in Russia”, ha detto al telefono il giornalista Konstantin Ryzhenko. “I volontari sono stati portati su autobus in luoghi diversi per un giorno. Hanno indossato una maglietta diversa ad ogni fermata. Dava l’impressione di pesanti preparativi ovunque. In realtà, sono partiti il ​​giorno successivo”.

Ryzhenko, che ha riferito clandestinamente della vita a Kherson occupata sul suo canale Telegram ma recentemente è fuggito nella parte libera dell’Ucraina, ha chiamato l’operatore della bacheca. “Mi ha detto che i russi sono arrivati ​​con le mitragliatrici. Avevano messo questi cartelli. Non toccarli, questo era il loro messaggio”.

I risultati sono fissi

Si stima che oltre il 60% della popolazione sia fuggita dai territori occupati dalla Russia. “Questo rende impossibile che il referendum sia rappresentativo. Diciamo che dei 900.000 abitanti originari di Kherson sono rimasti 300.000. I russi non hanno affatto la capacità di far votare così tante persone”, afferma il giornalista Ryzhenko. “Ora lo chiamano referendum su Internet. A loro non importa. Nessuno può controllarlo. E i risultati sono già stabiliti”.

Secondo i cosiddetti sondaggi nel Donbass quest’estate, il 70% della popolazione locale è favorevole all’adesione alla Russia. Questa cifra aumenterà solo con il referendum su Internet.

“I russi stanno affrettando il referendum a causa della controffensiva ucraina”, ha detto Olga Aivazovska via Skype da Kiev. È membro dell’organizzazione per i diritti umani Opora, che ha pubblicato un rapporto sul referendum. Descrive le profonde conseguenze di un referendum sul corso della guerra.

Dottrina e mobilitazione nucleare

Cambierà l’intero campo di gioco, dice Aivazovska. “La minaccia nucleare si estende quindi all’intero continente europeo. Dopotutto, la Russia sostiene di essere attaccata dalle armi dell’Occidente”.

Nel frattempo, gli osservatori del Cremlino in patria e all’estero si aspettano che Putin richieda una mobilitazione generale subito dopo la fusione dei territori occupati con la Russia. Questo è ciò che preoccupa di più Aivazovska.

“L’esercito russo è indebolito in tutte le aree. Dopo l’annessione, la Russia costringerà la popolazione locale a prendere la cittadinanza russa. Quindi costringerà gli uomini ucraini a mobilitarsi”.

Nelle “repubbliche popolari” di Donetsk e Luhansk, le autorità filo-russe hanno già arruolato nell’esercito residenti maschi ucraini in una fase precedente. Aivazovska: “Poi vengono mandati al fronte mal armati. L’idea alla base: gli ucraini uccideranno gli ucraini”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.