L’Ucraina riesce nella sua controffensiva al sud |  ADESSO

L’Ucraina riesce nella sua controffensiva al sud | ADESSO

NU.nl fornisce regolarmente una panoramica della situazione in Ucraina. Questa volta: l’esercito ucraino sta guadagnando terreno contro i russi nella controffensiva nel sud del Paese. Inoltre, l’ultimo reattore della centrale nucleare di Zaporizhzhia è stato disconnesso dalla rete elettrica ucraina.

Il comando dell’esercito nell’Ucraina meridionale riferisce che diverse aree sono state occupate e che un deposito di armi russo e un ponte sono stati distrutti. L’americano Istituto per lo studio della guerra confermato l’ucraino afferma e afferma che l’esercito sta facendo progressi dimostrabili.

Lo hanno detto le autorità locali russe all’agenzia di stampa statale CASS che un importante ponte sul fiume Dnipro non è più accessibile alle auto. Il ponte è un collegamento essenziale tra la città di Kherson e la sponda orientale del fiume, da dove arriveranno i rifornimenti delle truppe russe.

Le autorità hanno anche rinviato il referendum sull’adesione di Kherson alla Russia. I preparativi sarebbero stati completati, ma si è deciso di attendere a causa della “situazione della sicurezza”.

L’ultima centrale nucleare a reattore disconnesso

L’ultimo blocco reattore funzionante della centrale nucleare di Zaporizhzhia è stato disconnesso dalla rete elettrica ucraina. Ciò è accaduto dopo che i bombardamenti di lunedì hanno interrotto le forniture di elettricità, rapporti la società energetica statale ucraina Energoatom. Secondo la compagnia, si trattava di un bombardamento russo, ma questo non è stato confermato in modo indipendente.

La centrale nucleare ucraina di Zaporizhzhia, la più grande d’Europa, è stata conquistata dalla Russia a marzo. Tuttavia, l’impianto è ancora gestito dal personale Energoatom. Grazie a una linea di riserva, l’elettricità può ancora essere fornita alla centrale nucleare tramite una vicina centrale termica.

READ  Operazione francese per salvare le orche erranti nella Senna | All'estero

Il complesso nucleare è stato bombardato regolarmente nell’ultimo mese, con Kiev e Mosca che si sono incolpate a vicenda. L’Ucraina ha anche ripetutamente accusato la Russia di stazionare truppe ed equipaggiamenti militari presso la centrale nucleare.

Un soldato russo alla centrale nucleare di Zaporizhzhia.


Un soldato russo alla centrale nucleare di Zaporizhzhia.

Un soldato russo alla centrale nucleare di Zaporizhzhia.

Foto: PAPÀ

I prezzi del gas salgono alle stelle mentre la Russia chiude l’oleodotto più a lungo

Lunedì mattina i prezzi della benzina sono aumentati vertiginosamente. I commercianti hanno pagato il 31% in più poiché la Russia ha deciso venerdì di mantenere chiuso l’importante gasdotto Nord Stream 1 per manutenzione più a lungo. Il prezzo è salito a 280 euro, un anno fa era meno di 30 euro.

Il gasdotto è il principale collegamento del gas tra la Russia e l’Europa occidentale. Secondo i russi sono necessari ulteriori interventi di manutenzione, ma secondo la Germania il Cremlino sta utilizzando l’oleodotto per scopi politici.

Il Nord Stream 1 ha chiuso mercoledì per una revisione di tre giorni. Tuttavia, la Russia afferma di aver riscontrato ulteriori problemi durante i lavori e quindi il gasdotto deve rimanere chiuso più a lungo. Quanto tempo ci vorrà non è chiaro.


Soffitto del prezzo del petrolio russo

La notizia del Nord Stream 1 è arrivata poche ore dopo che un gruppo di importanti paesi, tra cui la Germania, ha deciso di imporre un tetto massimo al prezzo del petrolio russo. I paesi, uniti nel G7, vogliono assicurarsi che la Russia riceva meno soldi per finanziare la guerra in Ucraina.

Il massimale di prezzo dovrebbe applicarsi dal 5 dicembre. Fu allora che l’Europa vietò anche il petrolio russo.

READ  Nuovi casi di Covid in Austria - Il mondo è triplicato in una settimana

I paesi taglieranno ulteriormente la produzione di 100.000 barili al giorno in ottobre per sostenere i prezzi del petrolio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *