L’Ucraina “scioccata” dai commenti di Biden

L’Ucraina è “scioccata” dai commenti di Joe Biden. Lo ha riferito la CNN, citando i funzionari di Kiev che hanno letto le dichiarazioni del presidente degli Stati Uniti come un via libera per l’invasione del Paese da parte di Vladimir Putin. Durante la conferenza stampa di due ore della maratona, Biden ha detto che si aspettava che Putin prendesse provvedimenti e invadesse l’Ucraina e che la risposta degli Stati Uniti “dipenderà da ciò che farà la Russia”.

Concretamente, da parte ucraina, siamo sorpresi che il presidente americano abbia operato una distinzione “tra raid e invasione” del Paese da parte di Mosca, suggerendo che un raid minore non scatenerebbe sanzioni. “Dà a Putin il via libera per entrare in Ucraina a suo piacimento”, ha aggiunto, dicendo di non aver mai sentito una tale sfumatura dall’amministrazione statunitense prima. “Kiev è sbalordito”, ha aggiunto, riferendosi al governo ucraino

La Casa Bianca si è affrettata a chiarire le parole del presidente americano spiegando che qualsiasi varcare il confine sarà oggetto di “una risposta dura e unita da parte degli Stati Uniti e dei suoi alleati”.

“Il presidente Biden è stato chiaro con il presidente russo: se una forza militare russa varcherà il confine ucraino”, sarà un’invasione alla quale “ci sarà una risposta dura e unita da parte degli Stati Uniti e dei suoi alleati”. E’ quanto ha affermato la Casa Bianca, precisando le osservazioni fatte da Joe Biden durante la conferenza stampa. “Biden sa anche che i russi hanno un ampio scenario di aggressione, inclusi attacchi informatici e tattiche paramilitari, e ha affermato che queste azioni russe avranno una risposta decisiva”, aggiunge la Casa Bianca. Un nuovo vertice con Putin è “una possibilità”, dice Biden.

Nel frattempo, oggi a Berlino si terranno i colloqui USA-GB-Francia-Germania sulla crisi ucraina.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.