L’ultima nave lascia il porto di Odessa prima della scadenza dell’accordo sul grano |  Economia

L’ultima nave lascia il porto di Odessa prima della scadenza dell’accordo sul grano | Economia

L’ultima nave di grano ha lasciato il porto della città ucraina meridionale di Odessa domenica prima della scadenza lunedì dell’accordo delle Nazioni Unite che regola le esportazioni di cibo. Ucraina e Russia sono ancora in disaccordo su un’estensione dell’accordo.

Un anno fa, Ucraina e Russia hanno raggiunto un accordo con la Turchia e le Nazioni Unite per consentire alle navi del grano di attraversare il Mar Nero senza essere fermate dalle navi da guerra. Ma il Cremlino non vuole solo accettare un’ulteriore proroga dell’accordo.

Il presidente russo Vladimir Putin non è soddisfatto dei termini dell’accordo perché i produttori alimentari russi soffrirebbero delle sanzioni occidentali.

Ad esempio, vuole che le banche russe riacquistino l’accesso al sistema di pagamento internazionale SWIFT, in modo che il settore agricolo possa nuovamente ricevere finanziamenti e poter commerciare. Inoltre, Mosca vuole poter utilizzare nuovamente un gasdotto di ammoniaca attraverso l’Ucraina, che è stato chiuso dopo l’invasione russa.

Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan ha affermato in precedenza che Putin era pronto a estendere l’accordo. Ma in una conversazione con il leader sudafricano Cyril Ramaphosa, Putin avrebbe affermato che gli ostacoli dovevano ancora essere eliminati.

Gli Stati Uniti affermano ancora che il settore agricolo russo non è affatto influenzato dalle sanzioni occidentali, poiché le esportazioni di grano sono aumentate lo scorso anno.

READ  I combattenti Wagner rimangono attivi in ​​Africa • L'Ucraina invia truppe a nord dopo che Prigozhin si è trasferito in Bielorussia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *