Dopo cori razzisti e citazioni dal passato: regna l’equivoco dopo il flirt di Lukaku con la Juventus |  Una serie

Dopo cori razzisti e citazioni dal passato: regna l’equivoco dopo il flirt di Lukaku con la Juventus | Una serie

Il valzer con la Vecchia Signora come una bomba sotto il futuro di Romelu Lukaku. Il Red Devil sembrava lasciare il Chelsea per l’Inter, ma quel trasferimento è stato annullato da solo dall’avvocato Sébastien Ledure dopo un flirt con la Juventus. Una scelta bizzarra visto il (recente) passato, credono anche all’Italia.

Perché la Juve? La domanda che preoccupa tutta l’Italia calcistica.

L’affare per Romelu Lukaku è stato finalizzato tra Inter e Chelsea. Una buona cosa per entrambe le parti, poiché il club inglese sapeva che Big Rom non voleva più nutrire i suoi critici della Premier League.

Lukaku ha annunciato che non sarebbe andato in tournée negli Stati Uniti con i Blues. Ma da lunedì sarebbe al centro di allenamento della squadra.

Per tenersi alla larga dalla telenovela di calciomercato, che il suo stesso avvocato-broker ha lanciato dopo una conversazione a Torino. No, il duo non è più il benvenuto a Milano.

(continua a leggere sotto il tweet)

Shockwave attraverso lo stivale d’Europa

“Juventus o Milan? Mai in vita mia. La Juventus mi ha fatto un’offerta prima, ma mi sono arrabbiato con il mio procuratore quando ha accettato. In Italia ho occhi solo per la Nazionale”.

La citazione di Lukaku festeggia il suo secondo anniversario, ma ora è una spina nel fianco.

“Mai, mai, mai, mai, mai.” Forse proprio quello non è mai troppo poco per impedire al suo broker Sébastien Ledure di sedersi attorno al tavolo con la Vecchia Signora.

E così fine del mercato. “Dopo la finale di Champions League in cui Lukaku ha giocato in panchina, i rapporti tra le due squadre si sono incrinati”, scrive la Gazzetta dello Sport.

Ora la rottura con i nerazzurri è completa.

Forse Figo dal Barça al Real è stato l’ultimo shock di questa portata.

Walter Zenga

Cosa rende ancora più strana la scelta di flirtare con il Torino: l’incidente Coppa Italia che deve ancora essere affrontato.

All’inizio di aprile, Lukaku ha segnato il pareggio nel finale. Risultato: rumori della giungla dei tifosi bianconeri dopo una presunta “esultanza troppo provocatoria” e rosso per l’attaccante preso di mira.

La rivolta razziale ha tenuto in pugno l’intero mondo del calcio. Il numero 90 dell’Inter nell’occhio del ciclone, quello che alcuni giocatori della Juve dicono abbia alimentato lui stesso.

E così Walter Zenga, ex portiere dell’Inter, cade dalla sedia alla notizia. Non usa la parola tradimento, ma la esprime in modo diverso.

Con 63 anni di vita alle spalle, ha visto tutto nel calcio. Ma uno “shock calcistico” come quello di Lukaku… “No, non ricordo niente del genere. Forse Figo dal Barça al Real è stato l’ultimo di quest’ordine”, testimonia nel diario rosa.

Un passaggio alle rivali del nord sarebbe un duro colpo per l’Inter. Eppure è attualmente la “soluzione” più plausibile per il disoccupato Red Devil.

Inghilterra e Arabia Saudita, non in cima alla lista delle mete da sogno.

La Juventus sta dunque facendo di tutto per vendere Dusan Vlahovic al Paris Saint-Germain, lui stesso coinvolto in una telenovela di mercato attorno al suo prodigio Kylian Mbappé.

Se lo sceicco deposita 40 milioni di euro sul conto in banca della Vecchia Signora, utilizzerà questi soldi per liberare Lukaku dal Chelsea.

Una scelta che farà molto rumore. I giornalisti italiani stanno già impugnando le penne per riempire le pagine.

READ  Variante Delta, più sintomi nei giovani: cosa è cambiato per Andreoni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *