Mahmood prende anche il terreno per la legge Zan: “Ognuno ha il diritto di essere se stesso”

La legge Zan propone di inserire l’orientamento sessuale e l’identità di genere nell’attuale quadro giuridico dei crimini e dell’incitamento all’odio, intervenendo sul codice penale. La proposta ha avuto il via libera alla Camera lo scorso novembre, quando la Lega ha bloccato la discussione al Senato, scatenando le proteste dei partiti di sinistra e di molti personaggi famosi.

“Ho assistito a scene impotenti come questa molte volte, soprattutto durante la mia adolescenza”, ha continuato Mahmood su Instagram: “A volte, forse per paura o debolezza, mi sono trovato impotente di fronte a situazioni che per me erano e sono violenza Una violenza che uccide la libertà di tutti di essere se stessi. Ora ho 28 anni e sento di avere, come tutti, la responsabilità di “sostenere questo disegno di legge”.

Oltre a Fedez, Elodie e Mahmood, anche Levante e Michele Bravi hanno parlato sui social a sostegno della Legge Zan: “Quando si parla di diritti umani non c’è ‘più importante’ o ‘meno importante’, c’è solo il speranza di chi affida nelle mani dello Stato la necessità di riconoscere la tutela della propria libertà e quindi di dare il via a un disegno di legge da attuare concretamente senza indebite interruzioni ”, ha detto Bravi in ​​un’intervista a FQMagazine.

READ  lo accusa un'attrice ventenne - Libero Quotidiano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *