Mappa dell’Europa bloccata: blocchi in Inghilterra, Austria, Grecia e Portogallo

L’Europa si sta gradualmente chiudendo per arginare l’inondazione della pandemia autunnale. Nel Gran Bretagna Boris Johnson ha ceduto alla velocità del virus, che ha causato oltre un milione di infezioni, e lo ha fatto blocco ripristinato in tutta l’Inghilterra.

Austria e Grecia lo hanno fatto, allargando la lista dei Paesi che sono tornati alla rigida compressione dei contatti sociali già adottata in primavera. Dall’altra parte della Manica vengono scansionate ogni giorno più di 20.000 nuove infezioni. Johnson, dopo aver resistito per giorni alla proposta di imporre un blocco generale di due settimane, cedette agli esperti imponendo una repressione ancora più lunga a tutta l’Inghilterra, la nazione più popolosa del Regno: dal 5 novembre al 2 dicembre. Senza tale intervento, ci sarebbe un imminente sovraffollamento di ospedali e fino a più di 4.000 morti al giorno.

“Se non agiamo adesso” rischiamo di avere “migliaia di morti al giorno” in poche settimane, ha detto il premier in conferenza stampa, annunciando le restrizioni, che includono la chiusura di tutti negozi non essenziali (esclusi farmacie, supermercati e poco altro), attività ricreative e sociali, hotel, ristoranti, pub e caffè esclusi i servizi di asporto, nonché di ritorno indicazione obbligatoria di lavorare da casa per chi può farlo, e di non uscire se non per bisogni primari. Rispetto a marzo, le scuole rimarranno aperte.

Nel Austria Il cancelliere Sebastian Kurz aveva promesso che avrebbe fatto qualsiasi cosa per evitare un altro blocco. Ma anche lì, la crescita esponenziale dei contagi (nuovi casi quintuplicati in un mese) ha convinto il governo a non rispettare la scadenza. “Se non agiamo adesso, la nostra terapia intensiva sarà travolta”, ha spiegato il capo del governo, annunciando il confinamento bis, da martedì a fine novembre: coprifuoco dalle 20 alle 6, divieto di incontri tra persone di età superiore due famiglie, annullamento di tutti gli eventi sportivi, culturali, ricreativi, chiusura di ristoranti, bar e alberghi. Inizierà la formazione a distanza per le scuole superiori e le università.

READ  Harrisburg, PA: La lunga attesa per l'annuncio che potrebbe cambiare la storia degli Stati Uniti

Anche la sofferenza delle unità di terapia intensiva è motivo di preoccupazione in Grecia. Lo ha spiegato il primo ministro Kyriakos Mitsotakis, che ha optato per un blocco parziale: bar, ristoranti, palestre, teatri, cinema e musei chiusi per un mese ad Atene e in altre grandi città e coprifuoco notturno. . Il Paese sarà diviso in due zone, una ad alto rischio e una a rischio minore. Con la capitale nella zona rossa. A livello nazionale, sarà obbligatorio indossare una maschera all’aperto. I negozi rimarranno aperti per non nuocere all’economia e alle scuole.

Ma dal Belgio ai Paesi Bassi, dalla Repubblica Ceca all’Irlanda, la cupa mappa dell’Europa bloccata sta diventando sempre più grande. Con la Francia come leader, costretta a tornare nel blocco nazionale.

Nel Germania sta per partire una versione light, perché i dati del virus non sono incoraggianti: record di 19mila nuovi casi, nonostante la previsione di Angela Merkel, che un mese fa ha calcolato uno scenario simile entro Natale. In tutto il continente, l’aumento dei ricoveri è un segno del pericolo di questa seconda ondata di Covid-19.

Da mercoledì 4 novembre, il Portogallo ritorna a un blocco parziale che interesserà il 70% della sua popolazione. Lo ha annunciato il premier di Lisbona, Antonio Costa, al termine di un Consiglio dei ministri straordinario dedicato alla crisi sanitaria. “È giunto il momento in cui è necessario adottare misure più restrittive per tenere sotto controllo questa pandemia”.

In almeno 14 paesi, sono raddoppiati in una settimana. I più colpiti, in rapporto al numero di abitanti, sono Repubblica Ceca, Romania, Belgio e Polonia. Quelle che hanno registrato il maggior aumento sono state la Serbia, con un aumento dei ricoveri del 97%, il Belgio (81%), l’Austria (69%). Segue l’Italia, con il + 64%: l’unico grande Paese europeo, con la Spagna, che non ha chiuso quasi tutto. Almeno per ora

READ  L'URAGANO Iota è un MOSTRO DI CATEGORIA 5, che ora minaccia l'America Centrale con FENOMENI ECCEZIONALI »ILMETEO.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *