Martina Trevisan, storia di un talento a cui era sfuggita la vita (di Marco Mazzoni)

Martina Trevisan, quarti di finale al Roland Garros 2020

C’era una volta…”, la classica frase ritualistica con cui iniziano le fiabe. Sì, favole … quella sarà una definizione esagerata, ma come definire altrimenti cosa sta passando Martina Trevisan al Roland Garros? È una vera favola, quella di una ragazza di talento che si è persa per strada e ha ritrovato se stessa, quella che ha saputo ricostruire i pezzi della sua vita e rimettersi in gioco, recuperando con interesse le soddisfazioni di una carriera promettente appena sfiorata da una junior. Martina è soprattutto una pagina umana molto importante per una ragazza molto ricca nella vita la cui vita era sfuggita, persa in un’adolescenza difficile che aveva trasformato un’atleta di talento in una giovane donna alle prese con se stessa.

Sembra passato molto tempo, visto che il 3 novembre compirà 27 anni. Ma lei, facendo uno sforzo enorme a livello intimo, ne ha parlato a lungo qualche tempo fa sul progetto editoriale “The Owl post”, con una lunga confessione intitolata “Metamorfosi”, dove tra crisalidi e farfalle si dice, si scopre con coraggio, mostrando i suoi incubi, la sua fragilità, ma anche la forza che le ha permesso di ritrovare se stessa e di tornare prima a giocare, poi a vincere. In questo straordinario Roland Garros, Treviso si prepara a disputare un quarto di finale, un traguardo clamoroso per chi non aveva ancora vinto una sola partita nel tabellone principale di un Grande Slam.

Eppure quando era un adolescente non solo li sognava, ma li preparava per una carriera giovanile estremamente promettente. Questo diritto “ (per dirla bene in Toscana, lei capirà!) Mancini, così veloci e imprevedibili, quegli angoli tanto stretti quanto vincenti erano un incubo per rivali molto più potenti e sulla carta.

Chi meglio di lei può raccontare la sua storia. Ecco alcuni estratti delle parole di Martina, tratti dalla sua lettera di confessione: “Con ogni probabilità, sono entrato nel club prima ancora che me ne rendessi conto, nel grembo di mia madre, che era un’insegnante lì. La mia ascesa però è stata rapida perché a 4 anni ero già l’amante indiscussa dell’intero circolo tennistico di Perignano. Gonna nera, canotta bianca, scarpe alla moda, passeggiavo per i campi trascinando una racchetta multicolore a corde che, sebbene destinata ai bambini, era alta almeno quanto me. (…) Con il mio maestro, Matteo, abbiamo fatto grandi progressi. Poco prima dei 15 anni ero già sui campi più prestigiosi e mi trovavo bene nella classifica ITF, che è l’anticamera del WTA, lo stadio dei grandi. Mi è piaciuto giocare a tennis. Finché non mi diverto più “.

READ  Inter, Tonali non ha tradito il patto. "Prendilo o lascialo, ecco la posizione"

Ecco la tappa più difficile, dura come una roccia. Martina cresce e qualcosa dentro di lei crolla, insieme alla sua famiglia. Spezza la sua ascesa sportiva, la sua voglia di vivere, la sua serenità. Tutto sta andando in subbuglio. Anni molto difficili …

Ero giovane e di talento. Che non sono né pregi né difetti. Ma ho cominciato a sentire, con forza, la fretta intorno a me di raccogliere tutti i frutti prima ancora che l’albero avesse avuto il tempo di mettere radici nel terreno. Prima, le mie radici e il mio tronco erano abbastanza forti da resistere agli elementi, che, invecchiando, prima o poi arrivano. (…) Dentro le mura di casa non c’era aria serena e ho passato molto tempo ad allenarmi. Anche quando avevo davvero bisogno di fare qualcos’altro. (…) Avevo quindici anni che volevo vivere come una ragazzina di quindici anni, recuperare, forse con interesse, tutto quello che sentivo di aver perso negli anni precedenti. Senza molte regole. Senza preoccuparmi di essere in ritardo perché ho avuto una partita il giorno dopo. Senza dover nascondere i miei muscoli allenati in costumi da bagno di dimensioni comode. Stavo cambiando e il mio fisico stava cambiando con me. Mi sentivo libero e pensavo di aver finalmente ripreso il controllo della mia vita. Ora, guardando indietro, che è anche un po ‘come mai prima d’ora, so che quella che ho chiamato libertà era una semplice fuga. Ma quando hai il vento in faccia, è difficile capire chi corre e chi fugge ”.

Tutto sta sfuggendo di mano, si ritrova come una ragazza concentrata solo sul tennis, con una vita lacerata a livello personale e familiare, fino al dramma di anoressia: “I nuovi equilibri su cui si basava la mia famiglia mi avevano destabilizzato. A papà è stata diagnosticata una malattia degenerativa e questo lo ha reso sempre meno presente nella mia crescita. Non è stato facile vedere mamma ricostruire la sua quotidianità con una nuova persona al mio fianco, che ha sempre fatto parte della mia vita, ma sotto una luce diversa. Ero arrabbiato con lei e non conoscevo altra arma per ferirla che il suo amore per me. Combattevo contro tutto ciò che rappresentava il mio passato di atleta, su cui tutti avevano riposto grandi speranze e grandi ambizioni, dimenticando la persona che soffriva dietro questo atleta. Odiavo il mio corpo muscoloso e mi imponevo a diete di sopravvivenza per perdere peso. 30 grammi di cereali e un frutto la sera. Dovevo solo alzarmi e preoccupare mia madre che correva a raccogliere le pesche dagli alberi per vedermi mangiare qualcosa. Nella mia testa, come in un paradosso, avevo l’impressione che solo scomparendo le persone potessero davvero vedermi, interessarsene. Per prendersi cura di me. Per fortuna, giunto al punto di non ritorno, ho capito che non potevo continuare così.

READ  "Il 3-0 si allontana, si cerca un compromesso ma c'è un'anomalia in bolla ..."

Avevo perso ogni interesse, mi ero rinchiuso nel mio bozzolo; in uno stato di apatia in cui non mi riconoscevo nemmeno. Non ero nemmeno più una brutta copia di chi sono veramente, quindi ho chiesto aiuto. L’anoressia può essere curata ”.

È la frase più bella. L’anoressia può essere curata. Con impegno, sacrificio, lavoro complesso e molto duro su te stesso. Ma puoi guarire, e in questo modo trovare quel desiderio di vivere e riprendere tutto ciò che ti dà una forza tremenda, in modo da tornare più forte di prima.

Rebirth è la pagina più bella della giovane vita di Martina, come la descrive nella sua storia: “Sono stato rieducato a mangiare, a fare pace con le mie ferite. Apprezza il mio nuovo corpo, perdona coloro che hanno commesso errori e trova il mio tempo per fare le cose. Quasi senza rendermene conto, sono finito con una racchetta in mano. Prima di tutto insegnare, avere un po ‘di indipendenza finanziaria e condividere la passione per il tennis con altre persone. E poi, inevitabilmente, gareggiare di nuovo. Quasi, e voglio dire quasi, come se volessi riprendere da dove avevo lasciato. (…) Quest’anno ho avuto accesso per la prima volta al tabellone principale di un torneo del Grande Slam in Australia. Ho lavorato duro e continuo a farlo per renderlo la mia nuova normalità, la mia nuova casa ”.

L’accesso al tabellone principale in Australia è sembrato un balzo da gigante, un traguardo incredibile finalmente raggiunto. Ma se ci pensi, Perché una ragazza con così tanto talento e la forza per superare ostacoli così grandi dovrebbe porre dei limiti oggi? In campo si dimostra capace di giocare con tutti, e in questa fase storica il top tennis rosa è semplicemente “instabile”, picchi di grande qualità e pause enormi, dai migliori. E in termini sportivi, i suoi 27 anni hanno solo vent’anni … Interessanti le parole del suo allenatore Catarsi: ha rivelato che Martina va d’accordo quotidianamente con l’ottimo mental trainer Lorenzo Beltrame ( che collabora con lo staff Tirrenia), che la spinge ogni giorno durante il torneo a scrivere le proprie sensazioni; una sorta di giornale che lo solleva dalla tensione e lo rende consapevole, quella di chi sta ancora gareggiando nel torneo perché sul campo se lo meritava.

READ  Probabili formazioni Verona-Genoa: stringono i palloni

Martina Trevisan sfida Iga Swiatek nei quarti di finale, bravissima polacca classe 2001. Sulla carta l’outsider parte, ma sarà una partita da vedere, perché il talento ma soprattutto il carattere della Toscana possono farle sognare, come questo “drittaccio” e questa “garra” che ci incanta partita dopo partita. Martina non deve smettere di sognare, e allo stesso tempo sorridere, perché il suo sorriso schiacciante ha conquistato il mondo del racket. Siamo sicuri che Martina non tremerà all’ingresso del Chatrier. Guarderà questa terra “amica” e potrà scattare e colpire, scatenando il meglio del suo talento, senza paura. Quando hai preso la vita per i tuoi capelli, non hai più paura di niente … La sua storia è la più bella del torneo, direi dell’anno 2020. In un anno terribile dove non si parla quasi quello di Morte, il suo è un esempio di ciò Vita.

Marco mazzoni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *