Merkel: “Abbiamo dovuto chiudere prima ma la gente deve vedere i letti pieni”

DELLA RIUNIONE DI BRUXELLES. “A questo punto le chiusure sono l’unica scelta: avremmo dovuto agire prima, ma non sarebbe stato facile per i cittadini accettarlo. Hanno bisogno di vedere i letti d’ospedale pieni… ”. Quando Angela Merkel ha parlato, le telecamere della videoconferenza dell’UE hanno registrato lo stupore di diversi leader, increduli per la franchezza del Cancelliere. Parole che registrano un’autocritica collettiva (“Avremmo dovuto agire per primi”), ma allo stesso tempo anche un discutibile tentativo di autoassoluzione (“I cittadini hanno bisogno di letti ospedalieri pieni”). La Merkel difficilmente lo ripeterà in pubblico.

Merkel al Bundestag: “Sarà un inverno difficile. Minimizzare populisticamente il Covid è irresponsabile”

La prima riunione in videoconferenza dei leader dell’UE sulla seconda ondata di pandemia è proseguita per due ore con uno scambio di opinioni sulle rispettive esperienze nazionali. Emmanuel Macron ha parlato della serrata adottata in Francia, il premier slovacco ha parlato del progetto per mettere alla prova l’intera popolazione. Coloro che hanno ascoltato i discorsi hanno affermato che c’è stato “ampio sostegno” alla strategia proposta da Ursula von der Leyen su test rapidi e vaccini. Alcuni capi di Stato e di governo hanno chiesto “una forte cooperazione a livello comunitario”, ma Giuseppe Conte si è imposto: “Dobbiamo rispettare le competenze nazionali”. Le parole del presidente del Consiglio hanno sorpreso molti dei suoi colleghi: “Durante la prima ondata – ha ricordato in serata una fonte diplomatica – l’Italia è stato il Paese che soprattutto ha chiesto un forte intervento dell’Ue …” .

Di fronte all’incapacità di controllare le infezioni se non attraverso chiusure, i leader dell’UE hanno deciso di investire in piani di follow-up per evitare di ripetere gli stessi errori, scongiurando una terza ondata. Si fa molto affidamento sui test rapidi: la Commissione ha stanziato 100 milioni di euro per l’acquisto congiunto di kit che verranno poi distribuiti secondo necessità. Charles Michel ha chiesto di accelerare la preparazione dei piani vaccinali nazionali, altrimenti si rischia di essere colti di sorpresa quando arrivano le prime dosi all’inizio del 2021. C’era anche la promessa di un maggiore solidarietà transfrontaliera nel settore dell’assistenza sanitaria. pazienti in terapia intensiva: alcuni paesi sono già ai limiti.

Covid, la cancelliera Merkel annuncia il blocco: “Misure pesanti per prevenire l’emergenza nazionale”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.