Messi distribuisce Dios e rende omaggio a Maradona sull’obiettivo del Barcellona

È stata una domenica speciale per Lionel Messi. Una domenica che segue la morte dei D10 che hanno unito l’Argentina in un abbraccio di lacrime e dolore per la scomparsa dell’ex campione. La Pulce, che aveva unito il dolore di una nazione e del mondo intero, ha voluto rendere omaggio al suo mentore (fu lo stesso El Diez a prenderlo per mano con l’Albiceleste) in modo particolare . Lo ha fatto durante la partita della Liga spagnola al Camp Nou, lo stesso stadio dove i Dieci avevano trascorso parte della loro carriera prima di trasferirsi al Napoli.

La Mano de Dios sul gol del Barcellona

Mosso. Così è apparso Messi la cui espressione facciale non poteva passare inosservata. Ha prima reso omaggio alla memoria di Diego Armando Maradona volgendo gli occhi velati di tristezza allo stand dove l’azienda aveva esposto in un dipinto il numero dieci indossato dall’ex Pibe in Catalogna. Poi è rimasto protagonista di un gesto emblematico – quello della mano di Dio durante il Mondiale in Messico contro l’Inghilterra – in occasione del gol segnato dal Barcellona contro l’Osasuna.

La descrizione del gol fa paura: c’è un colpo e un muro a pochi metri dalla porta avversaria, Martin Braithwaite c’è ma non riesce a spingerlo subito in porta. Complice una respinta del portiere, la palla inarca e traccia una strana traiettoria. Questo è quando Messi salta in piedi e sembra voler staccare la testa, poi alza la mano e la scuote per qualche istante. È il gesto della mano di Dio. Qualche istante dopo, la palla rimbalza di nuovo su Braithwaite ei blaugrana prendono il comando.

READ  Calciomercato Roma, dato confermato | Ci vogliono 25 milioni

Messi, un omaggio a Diego con la maglia dei Newell’s Old Boys

Catalani davanti a un gol ma lo spettacolo di Messi non è finito. L’asso argentino, definito da molti l’erede della nazionale di Diez, si è tolto la maglia e ha mostrato il numero 10 di Newell’s Old Boys. Questa è la squadra del Rosario per la quale gli stessi D10 hanno giocato nel 1993 prima di indossare nuovamente la maglia dell’Albiceleste. Braccia alzate, occhi rivolti al cielo: Messi si è fermato alcuni istanti in contemplazione per rivolgere un pensiero speciale a Maradona.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *